Come far crescere i propri risparmi con l'obiettivo di viaggiare

Come investire i nostri risparmi per viaggiare e smettere di lavorare

Prima di chiedere il mio periodo di aspettativa, ho risparmiato il più possibile in modo da poter coprire le rate del mutuo anche se non avessi trovato lavoro in Inghilterra. Man mano che accumulavo il mio tesoretto, giravo tutto su un conto deposito che mi dava abbastanza interessi con la possibilità di recuperare tutto senza penali né perdite.

Negli ultimi anni però i tassi di interesse si sono abbassati drasticamente quindi la soluzione del conto deposito è diventata sempre meno conveniente, se non pensiamo di usare i nostri risparmi in brevissimo tempo. Dove mettere quindi i nostri soldini senza rischiare di perderli con investimenti sbagliati?

In passato avevo investito in un paio di fondi azionari e obbligazionari dopo averne parlato con l’impiegato della banca, ma non mi ero trovata benissimo. Non avevo perso nulla, però non mi ero neanche sentita particolarmente seguita. A vent’anni non si hanno grandi cifre da investire, ma la costruzione della propria libertà finanziaria deve partire il prima possibile se abbiamo intenzione di smettere di lavorare prima o poi. Ho ritrovato fiducia negli investimenti e nei consulenti finanziari solo dopo aver conosciuto Chiara Sinchetto, prima attraverso il suo sito internet e poi di persona.

Il mio background lavorativo è formato da richieste di prestiti e recupero crediti quindi ho ben chiaro quanto è importante conoscere il proprio stile di vita prima di affrontare spese importanti, aspettativa compresa, mentre Chiara Sinchetto è una consulente finanziaria che per lavoro spiega alle persone le conseguenze pratiche del pianificare i propri investimenti sul lungo periodo per vivere poi la vita che si desidera, che sia fare un viaggio ogni anno o andare presto in pensione.

Dalle chiacchiere finanziarie e commenti sui rispettivi blog all’amicizia il passo è stato breve, per cui ora sono molto felice di poter condividere con voi le migliori dritte su come investire per smettere di lavorare. Alcune delle domande che le ho fatto sono scherzose, ma le risposte sono serissime!

I consigli di Chiara Sinchetto su come investire i nostri risparmi per viaggiare o concederci un anno di aspettativa

Le domande che ho fatto a Chiara riguardano principalmente chi, come me, ha un lavoro che gli permette di mettere regolarmente da parte dei risparmi. Nell’intervista che segue scoprirete l’importanza di programmare i vostri investimenti in modo da massimizzare il loro rendimento, ma anche che purtroppo non è quasi mai possibile vivere di rendita!

Chiara ci spiegherà quindi:

  • se esiste un tipo di investimento che va bene per tutto se non abbiamo ben chiari i nostri obiettivi
  • se esistono investimenti sicuri in cui non si perde nulla
  • se è possibile crearci delle entrate costanti a partire dai nostri investimenti
Chiara Sinchetto
Questa è Chiara Sinchetto, pronta a spiegarci come investire per raggiungere i nostri obiettivi

📌 Quando investo dei soldi devo aver chiaro cosa voglio ottenere oppure c’è un modo che va bene per tutto e mi frutta di più degli interessi sul conto corrente o sul conto deposito?

Quando decidi di voler investire i tuoi soldi, ancora prima di rivolgerti ad un professionista devi avere ben chiaro quali sono i tuoi obiettivi: il confronto con un consulente finanziario può aiutarti a mettere in ordine le idee, ma devi essere disposto a condividere i tuoi pensieri e a rispondere in modo trasparente alle domande che ti verranno fatte. Se entrambi si collabora allo stesso obiettivo, si instaurerà un rapporto di fiducia senza pari. Prima di tutto, bisogna capire insieme se l’obiettivo è uno solo o se puoi permetterti (lo consiglio) di destinare quei soldi a coprire diversi fasi di vita (es. risparmio e investo per comprarmi la macchina tra cinque anni e inizio a mettere da parte per garantirmi anche una rendita dignitosa in pensione). Prima inizi, meno soldi tiri fuori dalla tasca ogni anno e meno avrai la percezione di stare negandoti qualcosa per risparmiare ed investire. Poi devi cercare di capire quanto sei disposto a rischiare per ottenere un buon rendimento, o al contrario se preferisci accontentarti di rendimenti probabilmente più contenuti per guadagnarci in tranquillità. Devi sapere inoltre che nella maggior parte degli strumenti finanziari non esiste capitale o rendimento garantito: in parole povere, devi essere consapevole del fatto che, a meno che non sia espressamente indicato, potresti perdere qualcosa (o tanto, a seconda del rischio), controbilanciato dalla possibilità di guadagnare altrettanto. È poi fondamentale capire quanto tempo hai davanti: bisogna dirlo, non esistono rendimenti facili in breve tempo, esiste la costanza e il tempo che passa e che permette spesso ai tuoi soldi di aumentare.

📌 Investire i nostri risparmi con l’obiettivo di un viaggio all’anno quanto è diverso da investire con l’obiettivo di vivere un anno solo dei nostri risparmi?

È diverso in quanto la strada A è più facilmente percorribile della B, o meglio, nel primo caso non c’è il senso di urgenza che contraddistingue il fatto di poter contare solo sui propri risparmi o investimenti: in entrambi i casi, per poter vedere dei buoni frutti è necessario iniziare con costanza e avere la pazienza di aspettare qualche anno. Inoltre, vivere con un anno dei propri risparmi è possibile solo se si fa un buon calcolo dei soldi che ci servono partendo dal nostro stile di vita, come hai detto tu stessa qualche post fa, Paola.

📌 Ci sono investimenti che mi garantiscono una rendita sicura oppure c’è sempre una percentuale di rischio?

Ci sono investimenti a capitale garantito, che ti assicurano quindi che avrai indietro (almeno) il capitale da te investito al netto dei costi che hai sostenuto, ed esistono alcuni che oltre a questo ti permettono di avere anche un rendimento garantito, ovvero una percentuale fissa di rendimento che ti viene promessa all’inizio. Bisogna dire che spesso, per la natura stessa dello scenario finanziario attuale, si può pagare la tranquillità data da questi tipi di investimenti con un rendimento potenziale minore che in altri senza questo tipo di garanzie. Quindi sì, esistono. Da questo punto di vista lo scenario è cambiato rispetto ai tempi dei nostri genitori, e non è detto che non cambi ancora portando questi prodotti piano piano a sparire, come già in parte sta accadendo.

📌 Se il mio obiettivo è chiedere aspettativa il prossimo anno cosa mi consigli per moltiplicare i miei risparmi nel più breve tempo possibile?

È molto difficile per me rispondere: se diminuisci l’arco temporale in cui puoi aspettare per vedere dei frutti  e allo stesso tempo aumenti il rendimento che vorresti ottenere, fai un passo molto rischioso. Purtroppo è un cane che si morde la coda, ma senza capitali iniziali, un po’ di tempo davanti e una buona pianificazione è difficile avere buoni frutti.

Certo, se vai su un fondo azionario molto spinto, assumendoti un grosso rischio, puoi veder crescere i tuoi soldi, ma rischi anche di più una perdita visto il poco tempo che hai davanti.

Se invece inizi per tempo, sei paziente e ti prendi un rischio adatto al tuo profilo (capendo con il  tuo consulente su quale cifra del tuo patrimonio puoi permetterti di rischiare un po’ di più), hai di certo più possibilità di ottenere buoni risultati.

So di essere un po’ noiosa e di stare continuando con la stessa cantilena da un po’, ma le regole sono più semplici di quello che si pensa, se solo si frenano l’entusiasmo, la paura o l’esitazione è davvero possibile fare per se stessi dei buoni investimenti. Chi è spumeggiante e ti dà le risposte che vorresti sentir dare (“Certo che puoi moltiplicare da subito i tuoi guadagni, per il prossimo anno sarai ricco!”), purtroppo non è molto affidabile, mi rincresce dirlo 😝.

📌 Hai invece un consiglio su che cifra, per quanto tempo e in che prodotto finanziario investire per ottenere almeno € 1.000 ogni anno da spendere in viaggi?

È una cifra importante da voler ottenere, per questo servono cifre altrettanto grandi. Non entro nei dettagli perché ci sono troppe variabili: il momento di mercato, il tipo di prodotto… Posso dire che dipende dalla cifra di partenza anche il tempo da dover aspettare. Posso dire in generale che può aver senso cominciare molto presto con un buon fondo a cedola, da sottoscrivere però nella prospettiva di convogliarci sopra, di anno in anno, i propri risparmi: dopo un po’ avremo una cedola sempre più consistente accreditata direttamente sul nostro conto corrente, che ci permetterà di toglierci un po’ di sfizi senza disinvestire il fondo per ritirare i soldi.

📌 Ora sogniamo ad occhi aperti, io voglio vivere in un bungalow su una spiaggia tropicale. È realisticamente possibile vivere di rendita se partiamo da una situazione normalissima con un lavoro dipendente?

Mi spiace continuare a fare la parte dell’uccello del malaugurio 😝, ma purtroppo devo dire di no. Forse sarebbe possibile in quel caso farlo se non sprechiamo un centesimo, investiamo ogni soldo che guadagniamo, ma ci godremmo il tutto in un’età in cui non saremmo più così arzilli. E anche così la vedrei proprio dura dire che vivremmo di rendita, piuttosto avremmo una buona fonte di denaro che non deriva più direttamente dal nostro lavoro.

Detto questo, non vorrei che si innescasse un meccanismo in chi ci legge del tipo “Eh, ma allora a cosa mi serve investire, tanto vale godermeli tutti ora!”. Ecco, no. Perché così rischieremmo di arrivare alla pensione senza più di che poter vivere, perché tanti non sanno che alcuni strumenti ti permettono, con la deduzione, di vederti tornare indietro restituiti dallo Stato dei soldi che hai messo tu, perché risparmiare e investire in vista di un obiettivo più piccolo ma di tutto valore come può essere comprarsi casa si può fare e ci guadagni.

Tanti non sanno anche che se lasci i soldi sul conto, a causa dell’inflazione, perdi in potere d’acquisto e quando li ritirerai forse non avrai la percezione che, se li avessi investiti, ci avresti guadagnato.

Spero emergerà dalle mie parole che investire in vista di un fine è possibile, che è necessario l’aiuto di un consulente che vi faccia tante domande e che personalizzi e cucia la sua proposta su di voi, che i facili rendimenti in breve tempo, lo dico ancora una volta, ahimè, non esistono.

📌 Quelle persone che non lavorano e ti dicono che hanno degli investimenti che rendono bene quindi che cifre investono?

Sono, normalmente, persone che hanno avuto la fortuna di ereditare grossi patrimoni, magari in giovane età, che hanno fatto buoni investimenti e che hanno così visto questi capitali crescere e mantenerli. Ci tengo a dire che parliamo di grosse, grosse cifre 😉.

Chiara Sinchetto

Come posso far fruttare i miei risparmi?

Grazie a Chiara abbiamo capito l’importanza di pianificare per tempo i nostri investimenti. Se vogliamo crearci una rendita integrativa in vista di viaggi o pensione conviene iniziare molto presto, senza farci frenare dal fatto di avere pochissimi risparmi o di non capirci nulla. Se non sapete da dove partire e abitate nei dintorni di Torino vi consiglio la sua consulenza per i primi investimenti, un percorso utilissimo per schiarirsi le idee e capire come partire.

Negli ultimi anni è aumentata tantissimo la trasparenza bancaria, che tradotto in italiano corrente significa far capire agli investitori cosa stanno facendo con i loro soldi. Quando vogliamo investire, di solito la prima persona con cui parliamo è un impiegato della banca. L’ideale sarebbe riuscire ad instaurare un rapporto di fiducia con la persona che segue le nostre finanze, che sia un dipendente della banca stessa piuttosto che un consulente finanziario. In quest’ultimo caso, è importante sapere che rivolgerci ad un consulente finanziario per noi non ha costi aggiuntivi perché Chiara mi ha spiegato che guadagna grazie alle percentuali che le vengono retrocesse dai vari prodotti che propone. Per seguire i nostri investimenti possiamo quindi scegliere la persona che ci dà maggiore fiducia, sia essa un dipendente della banca oppure un consulente finanziario.

Se volete approfondire il discorso e non potete incontrare Chiara di persona o se vi interessa aumentare la vostra conoscenza in materia di investimenti, potete seguire il blog di educazione finanziaria di Chiara e la sua pagina Facebook per scoprire nuovi tipi di investimenti e il dietro le quinte della vita di un consulente finanziario!

2 Replies to “Come investire i nostri risparmi per viaggiare e smettere di lavorare

  1. ciao Paola, sono da parecchio tempo una lettrice-ombra del tuo blog, e ne ho sempre apprezzato i contributi. Oggi però mi sento di voler dire la mia, visto che hai affrontato un tema molto delicato, tanto più nel momento storico che stiamo vivendo.
    Da operatrice del settore condivido la gran parte delle osservazioni riportate dalla consulente che hai intervistato.
    Trovo però un po’ azzardata la chiusura del tuo post: Chiara sarà sicuramente una consulente scrupolosa e affidabile, lo si capisce anche solo dal suo intervento nel post. Non vorrei però che qualcuno, vivendo magari da tutt’altra parte, tragga la concusione che, non potendosi affidare a Chiara, la cosa migliore sia trovarsi un consulente a caso altrove.
    La categoria dei “consulenti” è molto vasta e al suo interno ci si trova anche gente senza scrupoli. Ovviamente questo avviene in ogni settore, ma nelle tue ultime parole leggo quasi un voler mettere a confronto “impiegati di banca” (che sono legati ad obiettivi di budget, certo, ma lo stipendio lo portano a casa indipendentemente da quanti investimenti fanno) e “consulenti” in senso generico, che invece basano le proprie entrate esclusivamente sulle provvigioni.
    Ripeto, non vuole essere una critica a chiara, le cui parole ho anzi molto apprezzato.
    Però forse il suggerimento migliore che si possa dare a chi vuole avviare un proprio investimento è quello di consultare più operatori, in banca e fuori, e affidarsi a chi ha trasmesso maggiore sicurezza e trasparenza.

    Acc… ne è venuto fuori un commento lunghissimo… scusami per lo sproloquio, ma sono temi che affronto ogni giorno e quindi mi stanno molto a cuore!

    1. Ciao, ho riletto il passaggio poco felice e l’ho corretto in modo da mettere in risalto la fiducia nei confronti di chi tratterà i nostri soldi, che in effetti doveva essere il punto focale del paragrafo, ma poteva essere interpretato male. Grazie mille!

Dimmi cosa ne pensi con un commento