Home Appunti di viaggio Alla scoperta dell’Irlanda con Sandra per studiare inglese
Irlanda

Alla scoperta dell’Irlanda con Sandra per studiare inglese

27 commenti

L’Irlanda e l’Inghilterra hanno molto in comune, dalla guida a sinistra alla passione per il tè e la birra. L’Irlanda infatti è stata parte del Regno Unito per circa un secolo, dal 1801 al 1922, anche se l’influenza inglese è cominciata già nel X secolo con le prime invasioni anglo-normanne. Dopo l’indipendenza, l’Irlanda è stata ancora per diversi anni parte del Commonwealth, prima di staccarsi del tutto per diventare la Repubblica d’Irlanda che conosciamo oggi nel 1949.

Curiosa di capire quali fossero differenze e analogie tra inglesi e irlandesi, ho chiesto qualche chiarimento a Sandra di PasSaporto e Colori, di ritorno da un viaggio in Irlanda per imparare l’inglese. Sandra infatti, alla chiusura dell’azienda in cui lavorava, ha fatto la scelta coraggiosa di rimettersi studiare inglese a quarant’anni e  ha scelto proprio l’Irlanda per il miglior rapporto qualità-prezzo dei corsi offerti.

Idee per studiare una lingua straniera all’estero da adulti

Quando pensiamo a studiare inglese all’estero ci vengono in mente le vacanze-studio che molte di noi hanno vissuto da adolescenti, in cui si imparava poco la lingua e si familiarizzava molto con i coetanei locali. Anche da adulti il modo migliore per imparare una lingua straniera è vivere in un paese dove questa lingua viene parlata comunemente, ma spesso ci facciamo frenare dalla paura di essere troppo vecchie. Per fortuna Sandra ha provato per noi ed è pronta a far cadere ogni nostro preconcetto.

📌 Al corso di inglese che hai frequentato partecipavano anche altre persone della tua età oppure erano tutti studenti giovani?

Per fortuna, visto il periodo non esattamente adatto a giovani studenti, la classe che mi ha accolta le prima due settimane era composta da alunni adulti e comunque non troppo giovani. In pratica non ero la sola quarantenne che tentava di sembrare ‘super young’!

📌 Che difficoltà hai trovato a rimetterti a studiare a quarant’anni?

La difficoltà principale è stata quella di riuscire a rimanere concentrata su un libro e mettersi in gioco con test e verifiche. E poi ci sono i compiti, quelli proprio non sono semplici da digerire.

📌 Hai scelto di organizzare tutto da sola, corso di lingue e sistemazione, anziché acquistare un pacchetto tutto compreso. Quali sono i pro e i contro? Rifaresti la stessa scelta?

Parto dal fondo: rifarei la stessa cosa dall’inizio alla fine. Ho deciso, dopo aver visto vari siti di scuole per adulti di scegliere da me sistemazione e scuola per poter risparmiare un pochino e permettermi di allungare il periodo scelto. La prima cosa che ho fatto è stato lanciare un appello su Facebook, chiedendo ai miei amici se qualcuno aveva fatto un’esperienza del genere. Questo appello ha raccolto tre suggerimenti, uno dei quali è stato vincente. Infatti il nipote di una mia compagna di scuola aveva studiato a Bray ospite di una super famiglia locale. Così ho preso contatto con Sandra (la mia Irish mum) e lei mi ha dato il contatto delle due scuole presenti a Bray, una delle quali frequentata da Lorenzo, il famoso nipote. Ho spulciato il sito e scelto la stessa. Poi complice il mio viaggio irlandese mi sono ritagliata una giornata per andare di persona a vedere la scuola, prendendo così contatto e definendo gli ultimi dettagli. In due settimane ho organizzato tutto.

📌 Cosa consigli a qualcuno indeciso se andare a studiare all’estero?

Andare senza remore e paura perché è importante imparare una lingua e farlo sul posto è la miglior cosa, inoltre il soggiorno in famiglia è davvero vincente!

📌 Hai imparato anche qualche parola di gaelico irlandese? È vero che questa lingua viene utilizzata comunemente in Irlanda?

No, non ho imparato nessuna parola gaelica perché sono impronunciabili e comunque è una lingua sì usata ma non dappertutto. E’ ancora molto usata nelle regioni più remote, come il Burren e nei dintorni di Galway.

Cosa vedere in Irlanda e quali sono le differenze con il Regno Unito

Oltre allo studio della lingua inglese, in Irlanda c’è tanto da vedere e sarebbe uno spreco passare il tempo chiuse in casa sui libri. Infatti come ci racconta Sandra si possono fare passeggiate e mettersi alla prova parlano con i locali per capire la loro cultura.

Cosa vedere a Bray

La guida turistica di Bray di Sandra di PasSaporto e Colori

📌 Bray è una città turistica sulla costa irlandese, quali sono le sue attrazioni principali?

A Bray si può camminare molto, infatti grazie al promontorio che la sovrasta, ci sono molti sentieri per fare trekking. Inoltre c’è un bel campo da golf e la possibilità di visitare un acquario. A completare il tutto durante l’estate ci sono moltissimi festival e eventi (air show). Da non perdere il mercato della domenica che c’è tutto l’anno. Per I più temerari c’è il mare: farsi un bagno anche in novembre sembra una pratica comune!

📌 Quali differenze hai trovato tra Irlanda e Regno Unito?

Che non me ne abbiano gli inglesi, ma i loro cugini irlandesi sono molto più amichevoli e accoglienti, amano la buona cucina e le chiacchiere, tantissime chiacchiere!

📌 Cosa ne pensano gli irlandesi della regina?

Credo che non abbiano particolare interesse verso la Regina, ma il gossip come in tutta Europa è un passatempo comune anche qui!

📌 Gli irlandesi come considerano l’Irlanda del Nord?

Non ne parlano, ammettono di non amare andare a Nord, ma credo che le cose stiano davvero cambiando, I giovani sono più aperti e disponibili ad un confronto e capiscono l’importanza di un’isola unita.

Killruddery House

Killruddery House, vicino a Bray, dove Sandra ha studiato inglese

I migliori suggerimenti su cibi e bevande irlandesi da provare

L’Irlanda è famosa per la birra, ma Sandra è astemia quindi abbiamo parlato di tè e cibi locali, oltre all’immancabile domanda sulla Marmite, il grande amore degli inglesi dopo il tè.

📌 Anche in Irlanda come in Inghilterra si beve tè a qualsiasi ora e per qualsiasi motivo?

Of course! Tè a litri a qualsiasi ora e per qualsiasi occasioni. In casa il bollitore è sempre caldo, così come i biscottini sono sempre belli fragranti!

📌 La cucina irlandese è simile a quella inglese per il fish & chips, la colazione con uova e salsicce e il cottage pie. Hai provato qualcosa che fosse totalmente differente?

La cucina irlandese secondo me è più curata e varia rispetto a quella inglese, si mangia una colazione simile a quella inglese e il fish & chips si trova ovunque, ma loro amano gli stufati di manzo (quello alla Guinness è un must), le zuppe in particolare di pesce. I crostacei, i frutti di mare e il pesce in generale sono molto comuni soprattutto nelle zone di mare e lungo i fiordi che si trovano a nord ovest si possono gustare ostriche appena pescate.

Confermo che anche gli inglesi cucinano stufati e arrosti, i famosi Sunday roasts, mentre invece in Inghilterra non ho ancora provato zuppe di pesce. Ora sono curiosa di fare il giro della costa del sud cercando di capire se c’è qualche analogo locale!

📌 In Irlanda esiste la Marmite? Se sì, l’hai provata?

Mai sentita, se è qualcosa di dolce e non è presente nella mia Irish house allora non esiste in Irlanda!

Niente di dolce purtroppo, la Marmite è un’estratto di lievito di cui gli inglesi vanno pazzi e pensavo esistesse anche in Irlanda perché ogni Paese anglofono ha una sua versione, come l’australiana Vegemite. Dite che dovrei scrivere un post su questa istituzione?

I prossimi progetti di Sandra di PasSaporto e Colori

Sandra ha raccolto le sue avventure irlandesi nella rubrica Irish Tea Time del suo blog PasSaporto e Colori. Vi consiglio di leggerlo perché Sandra ha moltissimi interessi e non sta mai ferma. Oltre a studiare inglese e scrivere di viaggi si interessa anche di pattinaggio e accompagna gruppi di turisti in giro per il mondo in veste di tour leader.

Tra i suoi prossimi progetti c’è un viaggio in Uzbekistan a Pasqua per accompagnare un gruppo, cercare un nuovo lavoro e fare un altro viaggio impegnativo per agosto, uno di quelli che ci lasciano a bocca aperta quando scorriamo la lista delle destinazioni del suo blog.

Cosa ne pensate di rimettervi a studiare inglese? Fatemi sapere le vostre opinioni sulle vacanze studio e l’esperienza di Sandra nei commenti ⬇︎

Altri post che potrebbero interessarti

27 commenti

Sofia 04/03/2018 - 23:23

Anche mia sorella aveva scelto l’Irlanda per studiare inglese. Io invece non ci sono mai stata. E per Erasmus ho scelto la Polonia 🙂

Rispondi
Paola 04/03/2018 - 23:29

Allora devi rimediare con un giro in Irlanda al più presto e raccontarci della Polonia nel tuo blog 🙂

Rispondi
maria millarte 02/03/2018 - 22:01

Sono arrivata in fondo al post e ho letto la cosa che mi è piaciuta di più: essere tour leader nei viaggi di gruppo da portare in tutto il mondo. Spero un giorno di imparare bene l’inglese e non sapere solo quelle quattro frasi classiche.

Rispondi
Paola 03/03/2018 - 3:29

Concordo con te che l’esperienza da tour leader di Sandra è decisamente interessante. Per me imparare l’inglese bene è stato un cruccio per anni, la prima spinta a impararlo davvero è stato un viaggio da sola in Vietnam e poi è arrivato il british boyfriend… tutto sta a trovarsi in una situazione in cui usare l’inglese è più facile che usare l’italiano o un’altra lingua 🙂

Rispondi
Valeria 02/03/2018 - 14:15

Complimenti a Sandra per essersi rimessa in gioco e per non stare mai ferma 😉
Non è facile rimettersi a studiare anni dopo aver concluso gli studi, vale anche per me che sono relativamente fresca di master. Dopo anni che tento di imparare il francese da autodidatta mi sono finalmente iscritta a un corso serale, speriamo che sia la volta buona!!
Penso che l’Irlanda sia una bellissima meta dove andare a studiare l’inglese e da esplorare! Bray in particolare è troppo carina!

Rispondi
Paola 02/03/2018 - 15:58

Io con l’inglese proprio non andavo d’accordo, alla fine l’ho imparato abbastanza bene solo vivendo in Inghilterra. Se hai occasione fai anche tu una full immersion in Francia dopo il corso, ti servirà tantissimo!

Rispondi
Valeria 02/03/2018 - 19:03

Ci stavo proprio pensando! E poi ogni scusa è buona per andare all’estero 😛

Rispondi
Tanja 25/02/2018 - 18:41

Una bella sfida di vita! Io per imparare l’inglese ho scelto l’Australia e sono tornata in Italia dopo tre anni con un compagno… indovina un po’??… IRLANDESE 🙂 Concordo sugli stufati alla Guinness, ottimi… le zuppe di pesce.. aggiungo il pane alla Guinness da gustare con burro e salmone affumicato! Gnam!

Rispondi
Paola 25/02/2018 - 18:44

Il pane alla Guinness con il salmone affumicato mi sembra fantastico, dovrò provarlo il prima possibile!

Rispondi
wanderlustcoppiainfuga 25/02/2018 - 13:44

Una meta a cui ambisco da diversi anni! Articolo interessante con molti suggerimenti!
Dovrò vedere se il cielo d’Irlanda è come lo cantano!

Rispondi
Paola 25/02/2018 - 15:01

Non vedo l’ora di leggere i tuoi post sull’Irlanda allora 😉

Rispondi
VagabondaInside 24/02/2018 - 20:48

mettersi in gioco a volte non è facile specie in una lingua diversa dalla nostra!!! complimenti davvero! Devo far leggere questo post a mia mamma!

Rispondi
Paola 25/02/2018 - 10:41

Sì, non c’è un limite di età per imparare qualcosa di nuovo!

Rispondi
Giulia_SpinningTheGlobe 24/02/2018 - 15:29

Approvo in pieno la sua scelta di rimettersi a studiare inglese, mai fermarsi! Io ho fatto l’Erasmus in Irlanda e sono pienamente d’accordo sul fatto che gli irlandesi siano molto amichevoli.
La marmite io non l’ho mai provata ma l’ho sentita nominare spesso dagli italiani e sempre in maniera negativa! 😉 Tu l’hai assaggiata?

Rispondi
Paola 25/02/2018 - 10:53

La marmite ce l’ho a casa!!! Più per vedere le facce dei miei amici italiani che la assaggiano che per il suo sapore ahahah se passi da Torino c’è un cucchiaio anche per te 😉

Rispondi
eleonora 24/02/2018 - 12:11

bellissimo articolo. Tra qualche mese, dopo la laurea, andrò per due mesi a studiare inglese come Sandra, ma a Londra. in partenza sarei voluta andare negli USA, ma essendo per due mesi, e un pò troppo lontano da casa ho optato per l’inghilterra. purtroppo di Londra non ho bellissimi ricordi e non è proprio la mia meta preferita, ma chissà magari cambierò idea. Intanto è un esperienza che non vedo l’ora di fare e poi..chissà, magari mi piacerà tanto a tal punto da voler rimanere. la vita è incredibile

Rispondi
Paola 25/02/2018 - 10:52

Anche io ho con Londra una storia di amore-odio. La prima volta da ragazzina ho adorato i bus rossi a due piani e fare il giro della città. La seconda volta ero con un’amica e faceva un freddo così intenso che era impossibile girarla a piedi così mi ero ripromessa “mai più Inghilterra”. Alla fine invece ho trovato un fidanzato British e ho pure lavorato a Londra per un periodo, conosco a memoria le linee della metropolitana da/per tutti gli aeroporti, quando ho tempo cerco di farci sempre un giro e ora vorrei addirittura viverci! Riguardo all’inglese British English e American English sono quasi due lingue diverse con accenti e modi di dire che cambiano (io guardando le serie TV americane su Netflix quando sono in Inghilterra nei negozi mi faccio sempre delle figuracce dicendo mutande invece di pantaloni per farti un esempio!!)

Rispondi
Esther 23/02/2018 - 19:48

Leggendo questa intervista mi sono ricordata della mia esperienza Dublinese di anni fa . Anch’io per un corso di lingue. Confermo gli irlandesi sono socievoli e molto ma molto più facile comprenderli. Anche il cibo e fantastico e consiglio il locale elephant e castle . Lo ricordo per il pollo ottimo !

Rispondi
Paola 23/02/2018 - 21:50

Appena finisco di visitare tutta l’Inghilterra mi sa che un giretto in Irlanda non me lo toglie nessuno 😉

Rispondi
Cassandra - Viaggiando A Testa Alta 23/02/2018 - 16:02

Sandra hai fatto veramente una bellissima esperienza! Complimenti!

Rispondi
robisceri 23/02/2018 - 11:09

Grande Sandra, già la seguo sia nel gruppo che su Instagram! E brava soprattutto a essersi messa in gioco a 40 anni (come dire che ci si deve mettere in gioco solo a 20). Mi piacerebbe fare un viaggio studio e anche capire come risparmiare, nell’eventualità. Prossimo post Paola? 😉

Rispondi
Paola 23/02/2018 - 14:21

Sai che mi hanno chiesto queste info anche altre ragazze? 😉 Appena torno in Inghilterra mi metto ad indagare sulle scuole di inglese! Io avevo partecipato a qualche lezione gratuita tenuta da volontari e mi erano servite per capire finalmente l’accento dell’East Anglia

Rispondi
robisceri 23/02/2018 - 14:35

Fantastico Aspettiamo un post ma a me piacerebbe proprio sapere di qualche scuola particolare, anche in Irlanda. Boh, forse chiedo l’impossibile

Rispondi
oltreleparole 20/02/2018 - 13:33

Che bello scoprire le differenze e le analogie tra Inghilterra e Irlanda! E poi voi due insieme site mitiche! Seguo Sandra già da un po’ e mi ha fatto molto piacere ritrovarla in una tua intervista Paola. Complimenti ad entrambe!

Rispondi
Paola 22/02/2018 - 21:08

Grazie! Io adoro la freschezza dei post di Sandra, ha la capacità di farmi immedesimare nei suoi post al punto di immaginarmi zaino in spalla con lei a inseguire pullman e a cercare ostelli 🙂

Rispondi
Sandra 13/02/2018 - 17:21

Grazie Paola per questo spazio che mi hai dedicato sul tuo blog!
Intanto qui l’avventura continua.

Rispondi
Paola 13/02/2018 - 23:21

È stato un piacere, ormai mi sono appassionata alle tue avventure irlandesi 🙂

Rispondi

Fammi sapere cosa ne pensi con un commento

Questo sito internet usa i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per adempiere alla noiosa burocrazia europea dovresti confermarmi che sei d'accordo. Accetto Privacy & Cookies Policy