Home DestinazioniMedio OrienteIsraele Campeggiare sul Mar Morto in 5 foto

Campeggiare sul Mar Morto in 5 foto

di Paola

Durante il mio viaggio in Israele del 2013 ho campeggiato sul Mar Morto. Molti turisti pensano che per fare il bagno sulle sponde israeliane sia necessario affittare una macchina, soggiornare in una spa o prenotare un tour costoso. Io invece ho vissuto un’esperienza decisamente più avventurosa viaggiando con i mezzi pubblici e dormendo in tenda.

Tramonto dal lato israeliano del Mar Morto
Suggestivo tramonto dal lato israeliano del Mar Morto

Il Mar Morto è famoso per trovarsi nel punto più basso della Terra, in una depressione a circa 415 metri sotto il normale livello del mare. Inoltre è un luogo particolarissimo perché è un mare chiuso, senza emissari e lo scompenso tra acqua immessa ed evaporazione che potrebbe farlo scomparire nel lungo periodo.

Per questo motivo il Mar Morto ha un alta densità e salinità che fa galleggiare qualsiasi oggetto o persona si immerga. Pensate che a causa dell’evaporazione l’acqua è così salata che non c’è nessuna forma di vita, nessun pesce, solo alcune alghe e pure loro non stanno tanto bene.

Area per il bagno dal lato israeliano del Mar Morto
Una delle zone dove fare il bagno lungo il Mar Morto dal lato israeliano

In compenso ci sono dei fanghi famosissimi per le loro proprietà benefiche che hanno reso il Mar Morto una destinazione popolare per i trattamenti benessere. Lungo le spiagge dal lato israeliano sono presenti bellissimi hotel a quattro e cinque stelle con spa che mi piacerebbe provare la prossima volta.

Nel 2012 avevo invece vissuto l’ebbrezza del campeggio libero e mi ero spalmata di fango nella spiaggia di Ein Gedi, frequentata principalmente dagli stessi israeliani.

Paola Bertoni prova i fanghi del Mar Morto
Qui mi sto avviando verso le docce dopo essermi spalmata abbondantemente di fango del Mar Morto

Non immaginatevi però il campeggio libero come lo intendiamo in Italia. In Israele, Mar Morto compreso, le spiagge libere hanno tutte bagni pubblici, docce e spogliatoi. Dormire in campeggio è un ottimo modo per risparmiare e immergerci nella natura.

Bagni attrezzati su una spiaggia del Mar Morto in Israele
I bagni attrezzati su una spiaggia libera del Mar Morto dal lato israeliano

Noi abbiamo raggiunto le spiagge del Mar Morto in bus e campeggiato gratuitamente a Ein Gedi, una destinazione molto popolare per giovani e famiglie avventurose. In Israele il campeggio è amatissimo ed è possibile piantare la nostra tenda praticamente ovunque anche se i luoghi più apprezzati sono quelli vicini ai parchi naturali.

Campeggio libero in Israele su una spiaggia del Mar Morto
Campeggio libero in Israele su una spiaggia del Mar Morto

Io ho vissuto questa esperienza incredibile perché ho esplorato Israele in lungo e in largo con un amico israeliano, ed è stato uno dei miei viaggi più belli. Conoscevate già la possibilità di visitare il Mar Morto e dormire in tenda per vivere questa esperienza immersi nella natura? Scrivetemelo nei commenti ⬇︎

Dove dormire sul Mar Morto

Booking.com

📌 Salva questo articolo su Pinterest

.

Altri post che potrebbero interessarti

6 commenti

Maria Signori 27/04/2021 - 08:58

Ciao! Che bell’articolo con informazioni utili. Cercavo delle indicazioni per dormire nella zona del Mar Morto ma su internet avevo trovato solo indicazioni di spa e posti abbastanza costosi e anzi sembrava scoraggiassero il camping. Quando si potrà sarà una delle mie mete in lista e mi piacerebbe abbinare anche Petra! Secondo te è fattibile? Grazie e complimenti per il blog!

Rispondi
Paola 29/04/2021 - 22:17

Petra è la mia destinazione mancata di quel viaggio! Dovevamo spostarci in bicicletta, ma nessuna guardia di confine sapeva se era consentito portarle perché le regole all’epoca parlavano solo di passaggio a piedi o in auto e quindi non ci siamo sentiti di rischiare e dover abbandonare le bici tra la frontiera israeliana e quella giordana. Riguardo al campeggio conta che io l’avevo fatto con un amico israeliano, anche se parlano tutti inglese se conosci l’ebraico è tutto molto più facile in Israele perché puoi vivere avventure da vero local 🙂

Rispondi
Elisa 03/04/2019 - 17:29

Ciao Paola, ultimamente Israele è una meta che mi incuriosisce sempre di più e questo tuo articolo è capitato proprio giusto! Poterlo visitare con una persona del luogo deve essere stata un’esperienza bellissima!
Il campeggio non è proprio il mio ideale di viaggio ma chissà… mai dire mai!
Complimenti per il tuo articolo e per tutte le tue attività con le Travel Blogger 🙂

Rispondi
Paola 05/04/2019 - 20:51

Grazie Elisa! Israele è un posto che è rimasto nel mio cuore. So che organizzano mini visite guidate organizzate da ragazzi del luogo, puoi provare a cercarle in inglese che è una lingua molto diffusa. Io ti sconsiglio l’itinerario religioso classico che a me ha lasciato molto perplessa e magari improvvisare un po’. Israele nonostante sia in una zona spesso in guerra è comunque una destinazione super sicura (suona strano, ma è così!)

Rispondi
Elena 29/03/2019 - 12:22

Davvero carinissima l’emozione di galleggiare sul Mar Morto e di spalmarsi i fanghi! Anche per noi era stato divertientissimo e rilassante. Tu sei stata molto fortunata ad avere un amico in loco che ti facesse da guida, chissà quante nozioni e aneddoti ti ha raccontato! Bella l’idea del campeggio, grazie!

Rispondi
Paola 29/03/2019 - 19:19

Credo che avere un amico/guida locale faccia la differenza; forse non ho visto tutti i punti turistici, ma mi sono divertita un mondo a vivere da vera israeliana 🙂

Rispondi

Fammi sapere cosa ne pensi con un commento

Questo sito internet utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Conferma se sei d'accordo o leggi come vengono utilizzati i tuoi dati. Accetto Privacy & Cookies Policy