Turisti nel Norfolk

Norwich, il capoluogo del Norfolk

Qui in Inghilterra vivo in una graziosa cittadina nel Suffolk, distante circa un’ora da Norwich, capoluogo nel Norfolk. Questa città merita davvero una visita perché oltre ad essere molto graziosa dal punto di vista architettonico, ha anche un centro storico pedonale pieno di negozi uno più bello dell’altro, e una magnifica galleria commerciale in stile vittoriano.

La storia di Norwich

Norwich è famosa per la sua lunghissima storia, che parte dal VI secolo per attraversare un periodo danese ed uno, ben più importante, normanno. Poi una vita normale da città inglese fino ai giorni nostri con l’unica curiosità che Rupert Everett è nato qui. Il boss del locale ufficio del turismo probabilmente non è un suo fan perché a differenza di quanto è successo a Liverpool con i Beatles, qui nessuno ne ha fatto un’attrazione.

Attori famosi o meno, i locals frequentano Norwich principalmente per il lavoro e l’università, oltre che per la brillante vita notturna, i negozi e il super cinema in 3D, mentre i turisti si soffermano su castello e cattedrale. Il cinema è molto più costoso della media, però è l’unico in zona che offre spettacoli con i sottotitoli, indispensabili a chi come me fa ancora fatica a seguire un film in lingua originale. E poi volete mettere vedere le astronavi di Star Wars venirvi direttamente addosso in 3D?

Girare il centro storico a piedi tra l’altro è semplicissimo e molto molto più comodo che dover cercare parcheggio. Io e MyLove, a seguito un paio di litigate sui sensi unici non considerati da Google Maps, quando andiamo a Norwich ci siamo convertiti al treno e la nostra relazione è migliorata moltissimo. Dalla stazione alla zona pedonale è una breve passeggiata, e se siete troppo pigri, potete prendere il bus che vi porta in centro in un paio di fermate.

IL CASTELLO NORMANNO

Castello di Norwich
Castello di Norwich, foto da Wikipedia

Il castello è considerato un’ottimo esempio dell’architettura normanna, anche se è stato quasi interamente ricostruito tra il 1834 e il 1839. Un tempo era adibito a prigione ed ora è stato riconvertito in museo e galleria d’arte. Dall’esterno è stupendo e molto ben tenuto, anche se confesso di non averne ancora visitato l’interno. La curiosità c’è, solo che la collezione esposta sembra veramente noiosa e non voglio spendere un pomeriggio intero per vedere centinaia di tazze da tè per farmi una cultura sulla storia del Norfolk. Per me andare a Norwich è essenzialmente svago, shopping e cena da Wagamama, una catena inglese di ristoranti fusion giapponese assolutamente da provare.

La famosa cattedrale

Cattedrale di Norwich
Cattedrale di Norwich, foto da Wikipedia

La mia tradizionale impostazione delle gite a Norwich però è stata brutalmente modificata quando è venuta a trovarmi la mia amica di Birmingham, la quale ha l’abitudine di voler vedere tutto quello che è indicato sulla guida turistica. Facevo anche io così fino a qualche anno fa e vi confermo che è davvero super stressante come sembra. Non volendo perdere un’amica e sembrare super ignorante proponendole di vederci direttamente da Costa Coffee, ho finto un incredibile entusiasmo per visitare la cattedrale.

Per me, cresciuta in Italia, le chiese sono qualcosa di terribilmente noioso, e le trovo tutte uguali. Ho provato qualche raro interesse solo durante alcune visite guidate fatte bene, di solito gli affreschi non mi danno nessuna emozione e non noto differenze nell’architettura. L’interno di questa cattedrale invece mi ha stupito per l’altezza vertiginosa del soffitto e per la bellezza del chiostro interno, uno dei più grandi d’Inghilterra. Anche girandola da soli non si rimane delusi, perché è piena di angoli suggestivi. L’ingresso è gratuito, in modalità ”offerta libera particolarmente gradita”, e anche se nessuno vi dirà nulla se farete un giro all’interno, i soldi lasciati servono per mantenere in buono stato l’edificio quindi non andranno sprecati.

Dimmi cosa ne pensi con un commento