Home DestinazioniEuropaItalia Perché visitare la Lanterna di Genova, un vero faro ancora in funzione
La torre della Lanterna di Genova

Perché visitare la Lanterna di Genova, un vero faro ancora in funzione

6 commenti

Una delle attrazioni più interessanti di Genova è la Lanterna, il faro perfettamente funzionante simbolo della città che si trova a poca distanza dal centro cittadino, su un promontorio oggi completamente inglobato dal porto commerciale. Pensate che è il faro più alto del Mediterraneo con i suoi settantasette metri di altezza, ed è il secondo in Europa, superato solo di cinque metri dal faro dell’Île Vierge, nel nord ovest della Francia.

A cosa (servivano) servono i fari per la navigazione

In mare aperto appena cala la sera diventa tutto completamente buio, immaginiamoci quindi la difficoltà dei marinai senza GPS nel riuscire a orientarsi. I fari quindi servivano, e servono ancora oggi, per aiutare i marinai a raggiungere i porti.

Nell’antichità i fari erano dei bracieri sulle terrazze delle torri, in seguito sostituiti da lampade a olio, fino a quando, verso la metà dell’Ottocento comparvero le Lenti di Fresnel, dall’omonimo inventore, le quali funzionano catturando e amplificando la luce dapprima delle tremule fiamme degli stoppini, poi, dai primi del ‘900, della bianca luce delle lampadine elettriche.

Oggi i marinai in mare aperto possono vedere la luce dei fari fino a sessanta chilometri di distanza e capire dalla frequenza di luce (lampo di luce, buio, lampo di luce, ecc.) di quale faro si tratta sulle carte nautiche.

Come funzionano i fari per la navigazione

Per essere visibile a distanze così lontane, la lampada che illumina il faro è inserita nel sistema di lenti ideato dall’ingegnere Augustin Jean Fresnel nell’Ottocento che raccoglie e proietta lampi di luce. A vederlo è una specie di scatola di lenti nel quale viene inserita la lampadina che deve illuminare il faro.

La lampada del faro, oltre a proiettare la luce in mare, gira anche su se stessa. Oggi l’ingranaggio che fa girare la lampada viene movimentato in modo totalmente automatico, mentre fino a qualche secolo fa veniva gestito manualmente dai guardiani del faro che dovevano girare una manovella per tirare su un contrappeso. Scendendo, il contrappeso azionava poi l’ingranaggio che faceva girare la lampada, con un sistema simile al meccanismo degli orologi a pendolo.

Paola Bertoni appoggiata a un'ancora all'ingresso della Lanterna di Genova
Eccomi davanti all’ingresso della Lanterna di Genova, in una delle mie migliori pose da blogger-avventuriera appoggiata a un’ancora

Cosa vedere alla Lanterna di Genova

Il faro della Lanterna è ancora oggi un faro funzionante e infatti viene gestito dalla Marina Militare di La Spezia. Nel 2001 la struttura è stata restaurata e aperta anche al pubblico, escluso la seconda metà della torre, ovvero la parte alta, dove c’è il faro vero e proprio.

Mi ha stupito scoprire che il faro vero e proprio è solo una piccola parte del Complesso Monumentale Lanterna di Genova perché l’area comprende anche una passeggiata lungo le mura, un piccolo parco con un’imponente porta di ingresso alla città e il museo situato nella parte dell’edificio un tempo adibita a fortezza.

La passeggiata della Lanterna

Per arrivare al faro dobbiamo percorrere una passerella pedonale in legno e ferro che corre lungo le vecchie mura cittadine e riprende la strada di accesso a Genova da occidente che per secoli passava attraverso la Porta della Lanterna. Questa passeggiata è lunga circa ottocento metri e passa sopra l’area industriale del porto di Genova, che ha inglobato la struttura della Lanterna.

Dalle foto esposte possiamo vedere come prima della costruzione del porto nella stessa zona ci fosse mare aperto, mura fortificate e la spettacolare spiaggia di Sanpierdarena, con i bagni La Lanterna e alcuni palazzi dei Rolli fronte mare. Oggi la vista è molto meno interessante, sostituita da container, mucchi di carbone e banchine portuali.

Genova è stata infatti pesantemente industrializzata senza minimamente pensare a tutelare la bellezza del paesaggio. La passeggiata della Lanterna ha lo scopo di evidenziare questo contrasto, ma il risultato secondo me non è dei più felici perché alcuni edifici del porto hanno un aspetto molto trascurato. Purtroppo sono in concessione a terzi e l’Autorità Portuale difficilmente può intervenire.

La Passeggiata della Lanterna di Genova a sbalzo sull'esterno delle antiche fortificazioni e con vista sul porto
La Passeggiata della Lanterna è a sbalzo, appoggiata all’esterno delle antiche fortificazioni di Genova e con vista sul porto
La vista sul quartiere Sanpierdarena dalla passeggiata della Lanterna di Genova
La vista sul quartiere Sanpierdarena dalla passeggiata della Lanterna di Genova. Le illustrazioni fanno vedere com’era il panorama dallo stesso punto in cui oggi si vedono solo le attività del porto dopo la pesante industrializzazione subita dalla città

La Porta della Lanterna

Prima di entrare nella Lanterna, incontriamo un imponente monumento in pietra e marmo appoggiato al suo muraglione. Si tratta della Porta della Lanterna, finita lì dopo essere stata spostata dalla strada di accesso alla città in cui si trovava all’inizio dell’industrializzazione selvaggia.

La Porta della Lanterna in origine aveva la funzione di porta di accesso alla città di Genova da occidente per chi arrivava dalla Francia o dal Nord Europa, prima con ponti levatoi, poi con passerelle fisse. La facciata neoclassica comunque vi ricorderà qualcosa di già visto altrove… e avrete visto bene perché la Porta della Lanterna è davvero molto simile a quella di altri monumenti cittadini, i suoi decori infatti richiamano il fronte del Teatro dell’Opera di Genova Carlo Felice! Venne infatti realizzata in un periodo in cui l’architettura cittadina era molto curata, coordinata e decisamente scenografica.

La Porta della Lanterna di Genova
La Porta della Lanterna di Genova dimostra molta classe ed estrema eleganza coordinando il suo stile architettonico e decorativo con quello del Teatro dell’Opera Carlo Felice

Museo della Lanterna

Alla base della torre si trova il Museo della Lanterna che racconta come la storia del faro sia legata a quella della città di Genova. La Sala dei cannoni è dedicata a spiegare il funzionamento dei fari e della lente di Fresnel con una lampada in funzione. Questa stanza un tempo era lo spazio dedicato ai cannoni della fortezza ed è molto interessante vedere le feritoie e i camini per l’uscita dei fumi in perfetto stato di conservazione.

Oltre alle sale dei cannoni, il museo si dirama lungo dei corridoi il cui termine tecnico da architetto di fortezza è gallerie. In ogni caso, che siano corridoi o gallerie, il museo è in una fase di ammodernamento. Al momento possiamo vedere alle pareti delle immagini di Genova nel passato, tra cui il disegno più antico della Lanterna medievale arrivato fino a noi a oggi, datato 1371, e un curioso collage di più fogli, che tutti insieme ritraggono il panorama di Genova dalla Lanterna nel 1822, realizzati da un architetto e viaggiatore inglese Henri Parke,  che una volta tornato a casa rimontava i suoi disegni creando una specie di panorama in 3D da mostrare ai suoi amici.

Riproduzioni di quadri della Lanterna di Genova
Il museo dentro la Lanterna espone parecchie riproduzioni di quadri della Lanterna

La salita alla torre del faro

La visita alla Lanterna di Genova si conclude con la salita alla torre del faro vera e propria. Sono obbligatorie scarpe comode e buone condizioni di salute perché il piccolo ascensore presente è riservato alla Marina Militare e non è accessibile al pubblico.

La scala per salire alla terrazza della Lanterna è infatti composta da ben 172 gradini, ma il panorama sul porto compensa tutta la fatica. Esiste anche una seconda serie di scale, chiuse al pubblico, che percorre le mura interne della Lanterna.

Dove si trova la Lanterna di Genova

La Lanterna si trova abbastanza fuori dal centro cittadino, completamente inglobata dal porto nel quartiere di Sampierdarena. Anche se è possibile raggiungerla a piedi dal centro, è molto più comodo con la metropolitana, basta scendere alla fermata Dinegro e dirigerci a piedi al Terminal Traghetti dove attraccano le grandi navi, superarlo e seguire le indicazioni per la passeggiata della Lantena.

📌 Lanterna di Genova
Rampa della Lanterna
16126 Genova

Perché vi consiglio di visitare la Lanterna di Genova

Per via della sua posizione defilata rispetto al centro cittadino, la Lanterna non è quasi mai la prima scelta su cosa vedere a Genova. Io stessa la prima volta a Genova mi sono limitata all’Acquario, al Castello d’Albertis e poco altro, solo all’ultimo viaggio mi sono decisa a dedicare mezza giornata alla scoperta della Lanterna, anche se è una visita davvero super interessante.

Probabilmente ho apprezzato tanto la storia delle fortificazioni grazie anche all’architetto Andrea De Caro, coordinatore del Complesso Monumentale Lanterna di Genova, che mi ha accompagnata durante la visita. Trovare una guida preparata e appassionata del suo lavoro fa davvero la differenza quando visitiamo qualche luogo antico.

Andrea ha infatti arricchito la mia visita con dettagli storici e architettonici ai quali non avrei fatto caso da sola, ed è riuscito a farmi immaginare l’aspetto passato delle fortificazioni di Genova, nonostante il faro oggi sia rimasto letteralmente incastrato tra aree portuali ed edifici fatiscenti.

Io comunque ci tenevo particolarmente a vedere un faro dall’interno e questa visita ha superato le mie aspettative. Fatemi sapere nei commenti se conoscevate già questo monumento simbolo di Genova e se avete già visitato la Lanterna di Genova o un altro faro.

Altri post che potrebbero interessarti

6 commenti

Noemi 08/11/2019 - 9:23

Partiamo dal fatto che io amo Genova e sono affascinata da sempre dai fari e dalle storie che aleggiano intorno a loro. Diciamo che il faro di Genova è un connubio perfetto. Tra l’altro non lo conoscevo. Sarà un buon motivo per tornare a visitare questa città che amo profondamente.

Rispondi
Paola 08/11/2019 - 16:05

Presto usciranno nuovi post su Genova, la mia impressione è quella di una città che si sta dando molto da fare per farsi conoscere come destinazione turistica

Rispondi
valekappa90 04/11/2019 - 11:26

Bello scoprire la Lanterna di Genova! Non ricordavo che fosse lei il faro più alto del Mediterraneo, e deve essere molto interessante la passeggiata sulla passerella lungo le antiche mura. Mi dispiace molto però che, a Genova come in una marea di altre città e luoghi, non c’è stata molta attenzione nell’edificazione e nell’industrializzazione; così facendo si rischia di rovinare pesantemente il territorio, i paesaggi e le risorse!

Rispondi
Paola 04/11/2019 - 17:17

L’industrializzazione selvaggia è stata la cosa che mi è piaciuta di meno di Genova, ha davvero rovinato una città altrimenti splendida

Rispondi
Giovy Malfiori 04/11/2019 - 6:44

Dev’essere uno spettacolo la Lanterna! L’ho sempre ammirata passando per Genova in treno e ne ho sempre subito il fascino.

Rispondi
Paola 04/11/2019 - 17:07

Io invece no l’ho mai notata dal finestrino del treno, ma sono quella sempre china sul laptop 😉

Rispondi

Fammi sapere cosa ne pensi con un commento

Questo sito internet utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per adempiere alla noiosa burocrazia europea dovresti confermarmi che sei d'accordo. Accetto Privacy & Cookies Policy