Home Blogging Recensione del libro Professione travel blogger di Andrea Petroni
Recensione Professione travel blogger di Andrea Petroni

Recensione del libro Professione travel blogger di Andrea Petroni

54 commenti

Sul mio blog di solito racconto solo storie al femminile e viaggi a medio budget per cui forse sarete sorprese di sentirmi parlare di Andrea e del suo blog VoloGratis.org. Il motivo è il libro Professione travel blogger, inserito nella mia rubrica librixblogger perché davvero utile e interessante.

Andrea Petroni ci conduce nel mondo dei blogger per lavoro con uno stile discorsivo e accattivante che manca ad altri libri simili. Inoltre, a differenza di altri libri sul blogging di cui abbiamo già parlato, Professione travel blogger si rivolge esclusivamente ai blogger di viaggi che vogliono trasformare la loro passione in un lavoro.

Chi è Andrea Petroni di Vologratis.org

Andrea Petroni ha lavorato anche lui in ambito finanziario (sarà il tipo di lavoro che ci fa venire voglia di fuggire altrove?) prima di dedicarsi completamente al blogging in seguito a una ristrutturazione aziendale. Nel giro di poco tempo Andrea si è trovato a scegliere se ricominciare a mandare curriculum o far partire seriamente il suo progetto di blogging. Si è quindi lanciato senza dubbi sulla seconda possibilità, facendo diventare VoloGratis.org il blog che conosciamo oggi, lanciandolo in modo decisamente originale.

Nel 2012 infatti i giornali di pettegolezzi raccontavano con curiosità di matrimoni con lo sponsor e Andrea è riuscito a cavalcare l’onda di quella moda facendosi conoscere come blogger proprio per aver organizzato il suo viaggio di nozze coast to coast negli USA a costo zero. Il suo Wedding Tour coinvolse importanti enti turistici e gli portò pure un lavoro in radio al suo rientro.

La sua è una storia di successo come blogger, una storia vera di una persona normalissima che con la passione per i viaggi e un po’ di sana faccia tosta per autopromuoversi è riuscito a inventarsi un lavoro che ancora non c’era e finire nella lista, stilata dal Corriere della Sera nel 2016, dei cinque più importanti blogger italiani, insieme a Salvatore Aranzulla e Chiara Ferragni.

Professione Travel Blogger

Professione Travel Blogger, il libro di Andrea Petroni di Vologratis.org, edito da Dario Flaccovio

Di cosa cosa parla Professione travel blogger

Nel suo libro Andrea Petroni ci introduce al mondo del blogging, partendo dalla figura del blogger e dalle piattaforme su cui appoggiarci per arrivare ai consigli su come sfruttare i social network per farci conoscere. Gli ultimi capitoli sono invece approfondimenti su newsletter, video e Google Analytics, mentre la fine di Professione travel blogger è interamente dedicata a come guadagnare con un blog di viaggi e case history.

Andrea racconta il suo modo di lavorare come travel blogger condividendo indicazioni che possono risultare utili anche a noi. Per esempio, io ho trovato utilissimo la sua indicazione di comunicare ai followers destinazione e indicazioni sui canali dove seguirci live il giorno prima di partire, per poi raccontare il nostro viaggio in diretta su Facebook, Instagram e Twitter.

I suoi post vengono poi tutti preparati al rientro dal viaggio, rielaborando il materiale raccolto in mini guide, articoli su curiosità locali, interviste, libri e ricette. Anche Andrea comunque insiste sul digital storytelling, proprio come Anna Pernice nel suo Manuale per aspiranti blogger.

In Professione travel blogger troviamo anche come applicare nei nostri blog di viaggi questo famoso storytelling di cui tanto si parla. Lo storytelling alla fine non è nient’altro che mettere su carta – nel nostro caso a video! – le nostre emozioni, i nostri sogni, le nostre incertezze di persona qualsiasi. Dobbiamo infatti far identificare i nostri lettori nelle nostre avventure per coinvolgerli.

Professione Travel Blogger

Qui sto sfogliando il libro Professione Travel Blogger di Andrea Petroni di Vologratis.org, Dario Flaccovio Editore

Come aumentare i nostri lettori tra SEO e social network

In Professione travel blogger non manca poi la parte su come costruire un post, dal titolo alla formattazione dei sottotitoli e all’onnipresente invito all’azione verso i nostri lettori. Andrea secondo me spiega molto bene come attirare nuovi lettori lavorando in parallelo tra SEO e social network. Per esempio suggerisce di menzionare altre pagine Facebook, utilizzare sempre un tono positivo e ispirare chi ci segue, oltre a partecipare agli eventi delle varie community come quelli organizzati dai gruppi di instagramers.

Purtroppo per me e la mia incomprensione con Twitter, anche Andrea ribadisce l’importanza di questo social network per i blog di viaggi. Per fortuna ci spiega come utilizzarlo al meglio e crescere grazie alle discussioni legate agli argomenti che trattiamo. Ho trovato anche molto interessante i suoi suggerimenti su come utilizzare la funzione blog di LinkedIn per pubblicare gli articoli dei nostri blog ed evidenziare come scriviamo, oltre che per entrare in contatto con giornalisti, addetti marketing e enti turistici. L’autopromozione sembra davvero una caratteristica fondamentale per diventare blogger professionisti!

Mi hanno colpito molto anche i dati sui video riportati in Professione travel blogger: sembra che gli utenti trascorrano l’88% di tempo in più sui siti con video. Per me è una vera sorpresa visto che tendo sempre a evitarli perché non posso arrivare dritta al punto che mi interessa come quando leggo un testo. E poi sapevate che esistono delle regole SEO anche per Youtube?

Come guadagna un travel blogger

Il discorso su come guadagna un blogger è sempre lo stesso: pubblicità, affiliazioni, post sponsorizzati, ebook, blog tour, copywriting, ecc. Andrea lo spiega in modo molto chiaro e ci aggiunge la vendita di video e la produzione di merchandising, attività ancora poco diffuse tra i blogger italiani.

Infine ci spiega l’importanza di partecipare alle fiere del turismo per raccogliere contatti e spunti per i nostri prossimi viaggi. Andrea chiarisce anche l’inquadramento fiscale di chi decide di esporre banner pubblicitari come quelli di Google AdSense per completare la panoramica sul lavoro di un blogger.

In tutto il libro Professione travel blogger di Andrea Petroni ricorre la necessità di fare personal branding per farci conoscere e instaurare rapporti di lavoro. Per me il riuscire a vendermi è la parte più difficile del blogging, altro che SEO!

Pensate che questo libro possa esservi utile nel vostro percorso di blogging? Io lo consiglio a chiunque voglia leggere un manuale pratico in uno stile piacevole e discorsivo, meno scolastico e formale. Scrivetemi cosa ne pensate di questi spunti e se pensate di essere in grado di metterli in pratica.

Libro Professione travel blogger fornito da Dario Flaccovio Editore

Altri post che potrebbero interessarti

54 commenti

manustampacchia 30/05/2019 - 15:55

Grazie Paola per questa recensione. Come sempre chiara e concreta. Mi sembra che il libro tocchi un pò tutti gli aspetti dell’essere travel blogger,soprattutto quelli relazionali su cui non è facile farsi un’idea all’inizio. Stavo valutando già da un pò di leggerlo e a questo punto magari aspetto la seconda edizione!

Rispondi
Paola 30/05/2019 - 19:47

Ormai manca davvero poco all’uscita della nuova edizione quindi ti conviene aspettare 🙂

Rispondi
Bibi 12/04/2019 - 0:05

Mi piacciono molto i libri che trattano di blogger e anche se non è il mio campo, mi hai incuriosito! Sopratutto per la questione SEO su Youtube, non avevo idea che potesse essere necessaria

Rispondi
Paola 12/04/2019 - 11:31

Anche a me ha sorpreso però se ci pensi ha perfettamente senso perché la SEO alla fine non è altro che l’arte di farci trovare su internet 🙂

Rispondi
Marina 11/04/2019 - 19:48

Ho amato il manuale professione Travel blogger, l’ho letto tutto in un fiato

Rispondi
Paola 11/04/2019 - 21:35

Anche secondo me è davvero di facile lettura

Rispondi
notimeforstyle 11/04/2019 - 17:27

Sembra molto interessante, specie per me che amo viaggiare! È già in wishlist!

Rispondi
Paola 11/04/2019 - 21:34

Ho scritto anche altre recensioni di libri sul blogging, se ti va dai pure un’occhiata 🙂

Rispondi
Giulia 11/04/2019 - 16:17

Da piccola amavo leggere i libri fantasy, ora che ho scoperto il marketing amo leggere proprio questa tipologia di libri, quelli sui blogger! Non mi farò perdere questo di Andrea!

Rispondi
Paola 11/04/2019 - 17:10

Io invece i libri fantasy non li ho mai capiti, troppi personaggi!!

Rispondi
Ale Carini 11/04/2019 - 14:42

E’ uno degli ultimi libri che ho acquistato e ne era rimasto solo 1! In omaggio la casa editrice me ne ha inviato anche un’altro. Una splendida sorpresa 🙂 Lo sto leggendo con piacere e pian piano cercherò di mettere in pratica i suoi suggerimenti

Rispondi
Paola 11/04/2019 - 14:55

Ne hai ricevuti due uguali?! Tra poco dovrebbe uscire la nuova edizione 🙂

Rispondi
Noemi Bengala 11/04/2019 - 14:29

Ho intervistato Andrea qualche mese fa e, pensa le coincidenze, oggi l’ho anche incontrato. È una persona speciale e un ottimo professionista.

Rispondi
Paola 11/04/2019 - 14:56

Non ho ancora avuto la fortuna di conoscerlo di persona, ma il suo libro mi ha fatto un’ottima impressione

Rispondi
Antonella 05/04/2019 - 8:56

Sono perfettamente d’accordo, il libro di Andrea ha fatto sì che iniziassi la mia piccola avventura si blogger. Leggendo le sue pagine mi sono orientata nel mondo complicato della Seo e altre cose impossibili!

Rispondi
Paola 05/04/2019 - 20:54

Che bello, non pensavo che fossi partita da un libro! Forse perché io invece mi sono prima buttata e poi ho scoperto le dinamiche del blogging dopo 😉

Rispondi
Chiara Fedele 30/03/2019 - 6:22

Ciao Paola! Trovo sempre molto interessanti gli argomenti di cui tratti sul tuo blog, brava. Molti consigli che hai offerto anche prima di questo articolo li ho già messi in pratica. Quando peró leggo articoli come questo, ricchi di spunti e di idee, inizio davvero a sentirmi una blogger inadeguata… Ho davvero così tanto da studiare e imparare da questo mondo!

Rispondi
Paola 02/04/2019 - 10:09

Il bello del blogging è proprio che non si smette mai di imparare! Tra SEO, social network e mode del momento bisogna sempre stare sui libri e sugli schermi 😉

Rispondi
Arianna 29/03/2019 - 21:02

Questo è un libro che mi sa che dovrei leggere! Non mi occupo del settore travel, però avrei bisogno di un po’ di lezioni in tema di autopromozione e di strategia ^_^

Rispondi
Paola 29/03/2019 - 21:31

Eheheh l’autopromozione è la parte più difficile per quasi tutte!

Rispondi
Cristina 29/03/2019 - 19:29

Sembra davvero interessante! I viaggi sono solo una piccola parte della mia attività di blogger, ma sicuramente mi interessa approfondire, anche perché questo libro sembra avere un taglio molto pratico. Grazie della segnalazione! Cristina

Rispondi
Paola 29/03/2019 - 21:30

Secondo me in questo libro ci sono consigli utili per tutti i tipi di blogger, per esempio la parte dei social network non mi è sembrata valida solo per i travel blog anche se l’autore fa riferimento a questa tipologia

Rispondi
Julia 29/03/2019 - 14:55

Mi piace molto leggere e mi segno il titolo. Essendo blogger la lettura per me sarà sicuramente molto interessante,Leggere altri punti di vista è sempre costruttivo

Rispondi
Paola 29/03/2019 - 19:20

Questo libro poi è ottimo per un ripasso 🙂

Rispondi
#UnaBiondaPiccola 28/03/2019 - 22:45

Ecco, faccia tosta e passione sono sempre le carte vincenti per la vittoria! ✌

Rispondi
Paola 29/03/2019 - 19:17

Davvero! Senza la passione non andiamo da nessuna parte, ma la faccia tosta ci serve per promuoverci 😉

Rispondi
Giulia 28/03/2019 - 11:58

Conosco il suo blog, sebbene non lo segua, ma non ho letto il libro. Sembra molto interessante, soprattutto per gli spunti sull’autopromozione, bisognerebbe lanciarsi di più ed essere meno timidi. Io a volte avrei dovuto osare di più 🙂

Rispondi
Paola 28/03/2019 - 13:01

Meno male che non sono l’unica che ha difficoltà con l’autopromozione, ogni tanto mi sento un po’ scema per questo perché mi dico che sto facendo un sacco di lavoro a scrivere scrivere scrivere e poi non lo so mettere in luce! 😉

Rispondi
Lucy 28/03/2019 - 10:28

Mi hai incuriosita, lo prendo appena passo in Italia. Comunque concordo sull’assunto di fondo del tuo post e dei commenti: dobbiamo buttare dalla finestra questa benedetta impostazione culturale che ci vuole carine educate e che non disturbano… E osare di più! 🙂

Rispondi
Paola 28/03/2019 - 13:00

Infatti! Pensa che diverse blogger professioniste sono delle capre per come scrivono – spero che le capre non si offendano – ma lavorano moltissimo perché sanno vendersi… questo mi insegna che invece di stare qui a commentare dovrei invece darmi da fare sull’autopromozione ahahah

Rispondi
Stefania 28/03/2019 - 10:04

Trovo che sia sempre interessante leggere le esperienze di altri blogger per capire come avere successo in un mondo molto competitivo dove diventa sempre più difficile emergere e raggiunge molta visibilità. Conferma anche lui che per guadagnare e poter vivere di blogging occorra dedicarsi a tante cose diverse.

Rispondi
Paola 28/03/2019 - 12:58

Andrea ha aggiunto anche il programma in radio alle varie attività di blogger, rispetto ad altri questo aspetto è particolarmente originale!

Rispondi
Martina 28/03/2019 - 9:31

Anche io ho apprezzato molto il libro di Andrea. Interessante e scorrevole, lettura che consiglio 🙂

Rispondi
Paola 28/03/2019 - 12:58

Sono contenta che sia piaciuto anche a te, secondo me è un libro che merita 🙂

Rispondi
Giovy Malfiori 28/03/2019 - 8:02

Di Andrea ho una gran stima e sono convinta che questo sia l’unico libro sul blogging veramente utile.

Rispondi
Paola 28/03/2019 - 8:10

Se lo dici tu che sei una delle blogger che professionalmente stimo di più è davvero un attestato di merito per Andrea!

Rispondi
raffigarofalo 27/03/2019 - 19:35

Mi hai incuriosito: lo acquisterò. Anche se la cosa più importante per me non è fare personal branding, ma è farsi pagare! sai quanti sono quelli che ti commissionano il lavoro e poi quando mandi la fattura ti fanno aspettare mesi?

Rispondi
Paola 27/03/2019 - 23:58

Io non riesco neanche ad arrivare al momento di farmi pagare 🙂 Come dicevo in altri commenti, mi manca proprio la faccia tosta del fare autopromozione e “vendermi”, ma non ho ancora trovato un manuale che mi insegni a farlo!

Rispondi
Simona 27/03/2019 - 10:02

Sai che tempo fa mi stuzzicava l’idea di acquistare il suo libro? Poi aspettai proprio perché sapevo che avresti fatto la recensione e hai confermato ciò che credevo. In passato mi è capitato di acquistare libri per studiare e di restarne veramente delusa perché alla fine non mi dicevano nulla di pratico e nulla che già non sapessi. Il libro di Andrea invece mi sembra molto completo e veritiero. Grazie per la recensione Paola!

Rispondi
Paola 27/03/2019 - 23:57

Mi ricordo la nostra chiacchierata 🙂 se cerchi un libro discorsivo che ti accompagni nel mondo del blogging questo è perfetto! Ho ancora qualche altra recensione in programma a breve, ma su libri su Instagram e SEO

Rispondi
Anna DI 27/03/2019 - 2:34

Sai che non conoscevo affatto questo “blogger”? Leggendoti mi hai incuriosita molto, ho tanto da imparare come blogger, soprattutto mi manca una cosa che lui ha avuto, la faccia tosta, quella serve in effetti in ogni lavoro!

Rispondi
Paola 27/03/2019 - 23:50

Eh quello è anche il mio problema. Dovrei lanciarmi pure io di più, ma mi sento sempre un po’ ridicola a fare autopromozione. Probabilmente è colpa di tutta la buona educazione che ci ha insegnato a essere delle fanciulle a modo ahahah

Rispondi
Virginia 26/03/2019 - 20:50

Non conoscevo Andrea e la sua storia, mi hai sicuramente invogliato a conoscerlo meglio e a leggere la sua avventura personale e i suoi consigli

Rispondi
Paola 26/03/2019 - 22:29

Se decidi di leggere il libro fammi sapere cosa ne pensi!

Rispondi
Eleonora 26/03/2019 - 18:48

Anche io ho letto questo libro, mi è stato regalato quando avevo aperto da poco il blog. Se devo essere sincera, non l’ho amato particolarmente. Alcune sezioni sono utili, ma in generale l’ho trovato non abbastanza approfondito. L’autore comunque è uno dei travel blogger che seguo più volentieri!

Rispondi
Paola 26/03/2019 - 22:27

Al contrario di te io non lo seguo come blogger, ma ho apprezzato il libro 😉

Rispondi
Elena 26/03/2019 - 14:41

Anche io l’ho letto, e l’ho trovato interessante; come dici anche tu, pratico e discorsivo… però anche per me la parte più difficile è l’imparare a vendermi! Mi sento lontana anni luce anche solo da tantissimi consigli che lui da! e’ anche vero che sono piuttosto agli inizi… in ogni caso, grazie per la recensione!

Rispondi
Paola 26/03/2019 - 22:24

Non sai le volte che vorrei essere più sfacciata e buttarmi, ma non ci riesco proprio! Le poche volte che lo faccio mi devo davvero sforzare e perché l’obiettivo mi interessa davvero troppo, altrimenti non è proprio nella mia natura 🙂

Rispondi
francesca 26/03/2019 - 14:28

Ti dico la verità, mi fido sempre poco di questi manuali, soprattutto a causa del fatto che internet cambia in maniera vorticosa e la carta stampata, non è la cosa migliore per stare al passo.

Rispondi
Paola 26/03/2019 - 22:23

So che Andrea sta già lavorando alla nuova edizione aggiornata. Lo stesso problema dei cambiamenti super rapidi e manuali non aggiornati però lo riscontro anche nei corsi online. Credo però che i libri siano pensati per dare un’infarinatura generale, poi puoi andare ad approfondire l’argomento che preferisci 🙂

Rispondi
Dany M 26/03/2019 - 14:22

Decisamente concordo con quanto scrive Andrea, presenziai ad un evento a Roma nel 2014 con lui e altri super blogger! Leggendo ciò che scrive mi dispiace molto aver perso tempo gli ultimi anni, ma da quando sono mamma il tempo è davvero poco..

Rispondi
Paola 26/03/2019 - 22:21

Wow, sei blogger da tantissimo! Come ti capisco, maternità e tempo per i nostri hobby sono due attività che non vanno (troppo) d’accordo

Rispondi
Alessandra 26/03/2019 - 8:58

É il primo libro che ho acquistato dopo aver aperto il blog. L’ho trovato molto semplice e pratico. Rispecchia molto il suo autore che, nonostante sia molto bravo nel suo lavoro, é rimasto umile e gentile.

Rispondi
Paola 26/03/2019 - 22:20

Anche a me ha fatto una bella impressione. Non conosco personalmente Andrea, ma dallo stile del libro si percepisce una persona semplice e piacevole, senza nessun atteggiamento da blogger vip

Rispondi

Fammi sapere cosa ne pensi con un commento

Questo sito internet utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per adempiere alla noiosa burocrazia europea dovresti confermarmi che sei d'accordo. Accetto Privacy & Cookies Policy