Home DestinazioniEuropaItaliaNapoli Le Vedute del Golfo di Napoli con il bus City Sightseeing
Paola Bertoni con il Vesuvio sullo sfondo lungo il percorso 'Le Vedute del Golfo' del bus City Sightseeing di Napoli

Le Vedute del Golfo di Napoli con il bus City Sightseeing

6 commenti

Il tour ‘I Luoghi dell’Arte’ sul bus City Sightseeing è perfetto per scoprire il centro di Napoli, mentre per scoprire i dintorni e ammirare il profilo del Vesuvio possiamo salire sulla linea B e percorrere tutto il tour ‘Le Vedute del Golfo’. Anche in questo caso l’audioguida ci illustra i quartieri partenopei con curiosità e aneddoti, inframmezzati dalle migliori canzoni napoletane per entrare nel vivo dell’atmosfera.

Come funziona il tour Le Vedute del Golfo del bus City Sightseeing

Come per il percorso della linea A ‘I Luoghi dell’Arte’ del bus City Sightseeing napoletano, anche sulla linea B ‘Le Vedute del Golfo’ possiamo salire e scendere a qualsiasi fermata, e risalire sia sugli autobus classici che su quelli panoramici della compagnia. Senza scendere dal bus il percorso completo dura circa un’ora e un quarto, se abbiamo impegni successivi dobbiamo però aggiungere almeno una decina di minuti ai nostri programmi per via dell’intenso traffico partenopeo.

Gli orari in cui circola il bus sono dalle 9:30 alle 16:30, il biglietto dura 24 ore e vale per entrambe le linee City Sightseeing di Napoli quindi ci conviene iniziare il nostro tour al mattino, e terminata la prima linea, passare alla successiva. Il mio consiglio è quello di dedicare almeno mezza giornata in esclusiva al tour perché, specialmente lungo la linea B ‘Le Vedute del Golfo’, è abbastanza difficile far coincidere gli orari del bus City Sightseeing con quelli dei mezzi pubblici. Io purtroppo ho sprecato due ore in questo modo per andare a vedere un museo in periferia che non valeva neanche il viaggio, quindi state sul bus e godetevi il panorama mozzafiato di Napoli.

Anche il tour ‘Le Vedute del Golfo’ è con audioguida e possiamo utilizzare delle nostre cuffie con cavo standard, come quelle del cellulare, oppure gli auricolari usa e getta offerte dal tour.

Le fermate della linea B del City Sightseeing di Napoli

Il tour ‘Le Vedute del Golfo’ ci porta alla scoperta dei punti più panoramici di Napoli, percorrendo tutta la strada lungo il golfo. Castel dell’Ovo, i quartieri Mergellina e Posillipo, con fermata per ammirare tutti insieme lo splendore del Vesuvio, sono i punti principali toccati dalla linea B del City Sightseeing partenopeo.

Dal capolinea di Piazza del Municipio al parco della Villa Comunale

Come per la linea A ‘I Luoghi dell’Arte’, anche la linea B ‘Le Vedute del Golfo’ fa capolinea in Piazza del Municipo, dalla quale possiamo raggiungere a piedi Castel Nuovo, ovvero il Maschio Angioino, il Teatro San Carlo, e la Galleria Umberto I. Il percorso poi continua per l’elegante quartiere Chiaia, il cui nome pare derivi dallo spagnolo playa.

In origine un quartiere nobile, Chiaia si è trasformato nel quartiere della borghesia e dello shopping, mantenendo però intatta la sua eleganza. Qui ha anche sede lo storico negozio Marinella, simbolo dell’eleganza maschile, le cui cravatte sono state indossate da personaggi pubblici come Winston Churchill, Aristotele Onassis, Gianni Agnelli, Luchino Visconti, Alberto di Monaco, e altri ancora. Poco distante si trova anche una delle uscite della Galleria Borbonica, uno dei tanti percorsi della Napoli sotterranea.

Le fermate successive della linea ‘Le Vedute del Golfo’ del City Sightseeing passano davanti al parco di Villa Comunale, un parco enorme affacciato sul mare, dove si trova una struttura in ghisa e vetro, e un elegante palazzo sede della Stazione Zoologica Anthon Dohrn. Proprio qui era stato aperto l’acquario più antico d’Europa, ora chiuso da parecchio tempo, anche se è prevista la sua riapertura.

La collina di Posillipo dal bus City Sightseeing di Napoli
La collina di Posillipo vista dal bus City Sightseeing di Napoli lungo il percorso ‘Le Vedute del Golfo’

Dal lungo mare di Mergellina alla collina di Posillipo

Il quartiere Mergellina è particolarmente apprezzato dai residenti per una passeggiata dopo una pizza, un caffè o un gelato negli chalet sul lungomare. A Napoli infatti la parola chalet viene utilizzata per indicare i piccoli chioschi con i tavolini all’esterno dove gustare cibi e bevande davanti al panorama del golfo.

Se dal lato del mare possiamo ammirare le piccole imbarcazioni attraccate al porto turistico e gli aliscafi in partenza per le isole, il lato opposto della passeggiata è tutto un susseguirsi di eleganti palazzi storici, tra cui la sede del consolato statunitense.

Da questo punto il bus del City Sightseeing inizia a salire, inerpicandosi sulla collina di Posillipo, tra case colorate e vedute mozzafiato. Il panorama è davvero spettacolare e infatti proprio qui erano state costruite diverse dimore nobiliari, per ammirare senza sforzo il mare blu del Golfo di Napoli e il profilo del Vesuvio. Anche i racconti del Grand Tour fanno sempre riferimento alla bellezza della zona, più complicata da raggiungere con i mezzi pubblici.

Posillipo è un quartiere tranquillo, non sembra neanche far parte di Napoli talmente è silenzioso e poco trafficato. Sempre lungo la costa, incrociamo anche Marechiaro, un antico borgo di pescatori e ora sede dei migliori stabilimenti balneari.

Continuando ancora potremmo oltrepassare Bagnoli, un’area industriale oggi in fase di riqualificazione, e raggiungere i Campi Flegrei, una grande caldera collegata al Vesuvio e che potrebbe tornare in attività. Non avendo (ancora) visto un vulcano da vicino, i Campi Flegrei mi hanno incuriosito molto e per la prossima volta spero di visitare Parco regionale di cui fanno parte, che dovrebbe comprendere anche la Grotta di Seiano, una villa romana scavata nella roccia.

Le leggende dell’antica Partenope

Il percorso del tour ‘Le Vedute del Golfo’ ritorna indietro percorrendo in parte la stessa strada, ma l’audioguida ci fornisce nuove curiosità e ci indica altri monumenti e palazzi da vedere.

Per esempio quando passiamo davanti a piazza Sannazaro con la sua Galleria Laziale per il quartiere Fuorigrotta, la nostra attenzione viene spostata sulla statua della sirena Partenope, proprio davanti all’ingresso del tunnel. Si tratta della stessa sirena che nel mito greco si suicidò per la rabbia e la frustazione di non essere riuscita a far fermare Ulisse, e pare che la città di Napoli sia nata proprio dal suo corpo.

Sempre sulla via del ritorno, poco prima di avvistare il Maschio Angioino, percorriamo un tratto di strada affiancando l’imponente Castel dell’Ovo, uno dei quattro castelli partenopei. Questo edificio difensivo in tufo giallo è entrato a buon diritto nel mito cittadino in quanto pare che il poeta Virgilio, considerato un mago nel medioevo, depositò nel suo sotterraneo un uovo legato al destino della città.

Paola Bertoni sul bus City Sightseeing di Napoli
In questa foto sto ascoltando super attentamente l’audioguida del bus City Sightseeing per scoprire storia e curiosità di Napoli da raccontarvi nei prossimi post

Perché scoprire Napoli con il tour City Sightseeing

Se avete letto la parte dell’articolo in cui parlo del percorso vi sarete sicuramente accorte della quantità di informazioni e curiosità che ho scoperto su Napoli attraverso il giro in bus. Per me il tour lungo la costa partenopea sull’autobus City Sightseeing è stato davvero interessante anche perché mi ha permesso di scoprire dei quartieri che non sarei riuscita a vedere nei pochi giorni della mia visita. L’audioguida è realizzata con cura, con riferimenti alla letteratura greca raccontati in modo leggero e piacevole, molto più easy rispetto ai miei ricordi della scuola superiore!

Il percorso lungo la linea B del tour City Sightseeing mi ha fatto venire voglia di tornare e trascorrere più tempo a Napoli per poter scoprire i quartieri meno noti ai turisti, passeggiare nel parco di Villa Comunale come un residente, e visitare i Campi Flegrei. Se una seconda visita nel capoluogo partenopeo era già preventivata per visitare Ercolano, Pompei e camminare alle pendici del Vesuvio, dopo il tour ‘Le Vedute del Golfo’ mi piacerebbe dedicare qualche giorno anche alla scoperta della costa.

Inoltre questo genere di tour sono perfetti sia da sole, come nel mio caso, che quando viaggiamo in gruppo perché ci offrono una prima introduzione alla storia e alla cultura della città, che ci permette di capire cosa preferiamo approfondire durante il nostro soggiorno.

➽ Vi consiglio di acquistare i biglietti per il tour City Sightseeing di Napoli su Civitatis perché non ci sono sovrapprezzi e il sito funziona molto bene.

Raccontatemi nei commenti se avete già percorso il tour ‘Le Vedute del Golfo’ di Napoli o un altro dei fantastici tour firmati City Sightseeing. A me è piaciuto tantissimo scoprire la città partenopea con le audioguide e mi piacerebbe ripetere l’esperienza nella mia prossima destinazione!

Dove dormire a Napoli

Booking.com

📌 Salva questo articolo su Pinterest

Altri post che potrebbero interessarti

6 commenti

Esther 09/04/2020 - 09:14

Ciao Paola io sono di parte e poi te l’ho detto quando ci siamo viste. Napoli va vista con un lacal 😉 Forse per chi viene da turista utilizzare il Sightseeing è comodo perchè facilita l’arrivo in certi luoghi, ma devo dire che non amo particolarmente questi giri.
Fanno vedere quello che puoi vedere tranquillamente in televisione e non c’è l’anima di chi ci vive . Posillipo va vista dal mare e poi bisogna esplorare tutte le sue discese . Pranzare a Marechiaro, prendere un caffè da Cimmino, prendere il sole al Bagno Sirena o alle Roccie Verdi , fare shopping al mercato di giovedì… Ti aspetto al prossimo giro 😉

Rispondi
Paola 19/04/2020 - 15:19

Di sicuro la prossima volta starò più tempo e mi farò accompagnare da te in questi giri 😉 Durante la mia prima volta in città però ho trovato utilissimo avere una panoramica di insieme, anche per capire cosa vedere meglio la prossima volta!

Rispondi
partyepartenze 07/04/2020 - 19:19

Uso spesso i Sightseeing, soprattutto se ho poco tempo per visitare una città. Ti permettono di vedere praticamente tutto in gran comodità e di conoscere storia e curiosità anche durante la corsa. L’ultimo l’ho preso proprio a Napoli, in un meravigioso giro guidato e ben organizzato.

Rispondi
Paola 08/04/2020 - 10:01

Io ho provato questi bus proprio a Napoli la prima volta, e mi sono piaciuti tantissimo! Credo diventerà una piacevole abitudine in tutte le prossime città

Rispondi
Simona 16/03/2020 - 13:40

I Sightseeing in costiera sono una manna e al tempo stesso una tragedia. Da lavoratrice odio da morire quelli che fanno la tratta Sorrento – Amalfi perché me li trovo sempre davanti e mi rallentano lo devo ammettere. Adoro però invece la tratta Amalfi-Ravello perché il bus è aperto e il panorama ancora più spettacolare. A Napoli non n’ho mai considerato ma leggendo di questa linea mi hai fatto venire voglia soprattutto perché include sia Posillipo che Marechiaro!

Rispondi
Paola 20/03/2020 - 21:31

Ti confesso di aver provato questi bus soprattutto per curiosità e li ho adorati davvero. Ora mi piacerebbe provarli in altre destinazioni. Capisco però il tuo disappunto perché quando ci siamo fermati nel punto panoramico avremmo potuto fare tappo in caso di traffico 🙂

Rispondi

Fammi sapere cosa ne pensi con un commento

Questo sito internet utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Conferma se sei d'accordo o leggi come vengono utilizzati i tuoi dati. Accetto Privacy & Cookies Policy