Home Blogging Perché partecipare a un WordCamp di WordPress se abbiamo un blog
WordCamp Torino 2018, foto pagina FB WordCamp Torino

Perché partecipare a un WordCamp di WordPress se abbiamo un blog

12 commenti

Sto scrivendo questo post di getto, dopo aver partecipato all’ultimo WordCamp di Torino, un evento imperdibile per tutti gli utilizzatori e sviluppatori di WordPress, blogger compresi. Sono stanca e allo stesso tempo felicissima per tutto l’entusiasmo e la motivazione che questo evento è in grado di regalarmi. Per un momento lascio quindi da parte SEO & c. (Google perdonami!) per raccontarvi cos’è davvero un WordCamp e perché noi blogger dovremmo parteciparvi il più possibile.

Che cos’è un WordCamp di WordPress

I WordCamp sono delle conferenze su WordPress e su argomenti correlati, come la vita da freelance, i plugin, l’email marketing. In pratica su tutto quello che possiamo fare sul web. L’unico limite è la fantasia degli speaker.

Questi eventi vengono organizzati in modo informale dalla community di WordPress, ovvero dai suoi utilizzatori che a Torino e in altre città si incontrano periodicamente anche nei meetup. Tutti gli organizzatori e gli speaker sono volontari e non ricevono compensi né rimborsi spese.

Il prezzo dei biglietti dei WordCamp è molto basso rispetto a quello che offrono perché quasi tutte le spese vengono coperte dalla generosità degli sponsor, solitamente aziende che si occupano di web o attività locali.

I WordCamp sono presenti in tutto il mondo e ogni evento è diverso dagli altri perché organizzato localmente. A ogni WordCamp sono invitati anche speaker stranieri e ci sono conferenze interamente in inglese che ci permettono di respirare davvero un’aria internazionale. Nell’edizione 2019 del WordCamp di Torino per esempio c’era la CEO di Yoast Marieke van de Rakt, un fantastico esempio di donna a capo di un’azienda.

Chi può partecipare ai WordCamp di WordPress

Tutti gli eventi della community di WordPress sono davvero inclusivi ed è bellissimo scoprire che nessun nerd ci guarderà male perché non sappiamo installare un plugin. Al contrario, se siamo delle blogger alle prime armi troveremo una disponibilità incredibile per aiutarci a capire come funziona WordPress.

Ai WordCamp e ai meetup di WordPress a cui ho partecipato mi sono sentita davvero benvenuta, accolta come se mi trovassi tra un gruppo di amici. Non importa se sviluppiamo codici complicatissimi o se siamo solo curiose, ai WordCamp c’è spazio per tutti e anche i talk sono di diverso genere, proprio per non essere solo tecnici!

Infine l’atmosfera ai WordCamp è sempre piacevole e informale, una vera boccata d’ossigeno per chi vuole conoscere altri appassionati di WordPress per fare networking.

WordCamp Torino 2018, foto pagina FB WordCamp Torino

Pubblico durante un talk al WordCamp di WordPress Torino 2018, foto pagina FB WordCamp Torino

La mia lista di motivazioni per partecipare ai WordCamp di WordPress

Potete scoprire quando sarà l’evento più vicino a voi o scoprire le date dei WordCamp più esotici per attaccarci una vacanza sul sito centrale dei WordCamp, ma se non vi ho ancora convinte eccovi pronta una lista di cinque motivazioni, utili anche per convincere i vostri amici, fidanzati, figli e gatti a partecipare.

#1 Scoprire cosa significa davvero inclusività

Probabilmente anche voi vivete o lavorate in un ambiente dove la parola inclusività è presente solo sulla carta, ed è molto difficile vederla applicata. La community di WordPress da questo punto di vista è diversa e vi stupirà piacevolmente. I WordCamp e i meetup vogliono davvero essere aperti a tutti.

Un esempio concreto dell’inclusività dei WordCamp sono i sottotitoli dei talk che possono essere fruiti in tempo reale dalle persone non udenti, ma anche l’attenzione a rimuovere le barriere architettoniche per rendere fruibili gli eventi anche alle persone con mobilità ridotta.

Gli organizzatori si impegnano a fornire un ambiente amichevole, sicuro e accogliente, ma gli stessi partecipanti quando acquistano il biglietto devono aderire a un codice di condotta che condanna qualsiasi discriminazione di genere, orientamento sessuale, disabilità, etnia, religione e persino editor di testo, sistema operativo e linguaggio di programmazione preferito. Un tale comportamento positivo l’ho visto realmente applicato solo quando ho lavorato per Google!

#2 Fare networking

Quando partecipiamo ai WordCamp incontriamo persone che hanno la nostra stessa passione per il progetto open source rappresentato da WordPress (e se non sappiamo nulla delle community open source possiamo sempre scoprire cose nuove alle conferenze!).

Possiamo scambiarci esperienze e opinioni con colleghi e freelance che svolgono attività affini alle nostre generando un turbine di idee nuove che ci darà la carica e la motivazione per lanciare i nostri progetti.

Infine molti degli speaker e degli organizzatori dei WordCamp sono personaggi con una certa fama nel mondo di internet. Proprio grazie a questi eventi ho conosciuto dal vivo la mia guru di WordPress Francesca Marano, ora community manager di SiteGround, Barbara Damiano di Mamma Felice, Alessandro Vercellotti Avvocato del digitale®, l’esperta di Mailchimp Alessandra Farabegoli e altri ancora.

View this post on Instagram

In compagnia di @bertonipe 😊

A post shared by YITH (@yithofficial) on

#3 Incontrare le altre blogger

Anche se non ci interessa fare networking perché per noi il blogging è solo un passatempo, partecipare a un WordCamp ci permette di incontrare dal vivo le altre blogger che seguiamo e commentiamo regolarmente. A ogni evento reale conosco qualche blogger nuova della mia community Travel Blogger Italiane ed è sempre una gioia immensa dare un volto a un profilo di Facebook o WordPress.

#4 Imparare qualcosa di nuovo su WordPress

I talk sono il cuore dei WordCamp, le conferenze in cui gli speaker parlano dei temi più disparati, dall’e-mail marketing allo sviluppo del codice. A Torino gli interventi vengono suddivisi in due stream paralleli, uno più tecnico e più adatto agli sviluppatori e uno più generico che spazia dalle strategie di produttività per freelance alla SEO for dummies.

Come accennato prima, molti talk sono tenuti in inglese da speaker internazionali e questo ci permette di avere una visione più ampia della community di WordPress e di come si muove il mondo online fuori dalla nostra area di competenza.

#5 I gadget degli sponsor

Quasi nessuno ve lo dirà perché non è molto elegante fare incetta di gadget nei banchetti degli sponsor. Vado controcorrente e lo ammetto pubblicamente: anche questo è un motivo importante per partecipare a un WordCamp, specialmente se abbiamo un debole per le magliette nerd.

Dopo ogni WordCamp torno a casa con almeno due/tre magliette di plugin o hosting che stanno molto bene nelle Stories di Instagram, qualche bloc-notes, un paio di penne e altre cose carine. Con SiteGround sto facendo un upgrade al cassetto delle calze e allo stesso modo ho scoperto altri hosting solo grazie ai loro gadget distribuiti ai WordCamp. Poco elegante, ma decisamente efficace!

Cosa fare se vogliamo contribuire allo sviluppo di WordPress

Se questo post vi ha riempito di entusiasmo e volete entrare a far parte della community di WordPress potete iniziare partecipando al Contributor Day che si tiene solitamente il giorno precedente al WordCamp.

Il Contributor Day è una giornata di contribuzione collettiva a WordPress in cui tutti i partecipanti si mettono a lavorare insieme, fianco a fianco, sui progetti attivi:

  • Core per scrivere codice, correggere bug e aiutare con lo sviluppo di WordPress
  • Design per progettare e sviluppare l’interfaccia utente
  • Mobile per contribuire allo sviluppo delle app iOS o Android
  • Accessibility per assicurarsi che il core di WordPress e tutte le sue risorse siano accessibili
  • Polyglots per tradurre le stringhe di testo di WordPress
  • Support per rispondere alle domande nei forum di supporto e aiutare i nuovi utenti a configurare i loro account WordPress.org
  • Documentation per editare i documenti e manuali utilizzati dagli sviluppatori dei plugin
  • Themes
  • Plugins
  • Community
  • Meta
WordCamp Torino 2018, foto pagina FB WordCamp Torino

Pubblico durante un talk al WordCamp di WordPress Torino 2018, foto pagina FB WordCamp Torino

Una volta scoperta la meravigliosa community di WordPress sono sicura che i WordCamp diventeranno anche per voi un appuntamento irrinunciabile. Scrivetemi nei commenti ⬇︎ se avete già partecipato anche voi a eventi di WordPress o se avete delle curiosità.

12 commenti

Cinzia 09/04/2019 - 14:53

Ero curiosa in effetti e il tuo articolo mi ha tolto un sacco di dubbi! ne facessero uno dalle mie parti ci andrei sicuramente!

Rispondi
Paola 09/04/2019 - 18:52

Guarda sul link del WordCamp centrale se ce n’è uno vicino a te 🙂

Rispondi
Elena 08/04/2019 - 10:51

Non ho mai partecipato, anche perchè li avevo solo sentiti nominare senza sapere bene esattamente cosa fossero. Grazie per le tue delucidazioni, vado a guardarmi il sito di Word Camp per capire le prossime iniziative! Grazie!

Rispondi
Paola 08/04/2019 - 12:45

Spero tu possa partecipare al più presto, la community di WP è davvero un ambiente fantastico

Rispondi
Speranza 07/04/2019 - 14:46

Finalmente ho capito cosa sono questi camp! Li fai sembrare accessibili a tutti.

Rispondi
Paola 07/04/2019 - 16:52

Lo sono davvero! Spero di averti invogliata a partecipare al prossimo

Rispondi
Ale Carini 07/04/2019 - 14:04

Non ho ancora mai partecipato ma sono molto curiosa e chissà se nel prossimo futuro non riesca a partecipare anch’io e scoprire di più su questo mondo così affascinante e sempre in evoluzione

Rispondi
Paola 07/04/2019 - 14:34

Te lo consiglio assolutamente! E per imparare di più su WordPress ci sono anche i Meetup che sono molto utili 🙂

Rispondi
Laura 07/04/2019 - 10:38

Dev’essere davvero un evento interessante anche per allargare le proprie competenze a 360 gradi. Da blogger per passione con poche conoscenze tecniche temevo di sentirmi un pesce fuor d’acqua e invece il tuo racconto mi ha fatto ricredere. Intanto passo parola a un amico programmatore e poi – agenda con figlio permettendo – chissà mai che non riesca ad organizzarmi per partecipare.

Rispondi
Paola 07/04/2019 - 10:50

L’inclusività di cui parlavo riguarda anche i bambini, puoi portarlo con te e sarà il benvenuto! Il mio non è venuto solo a questo WordCamp perché non stava bene quindi si è fatto coccolare dalla nonna, a tutti gli altri eventi è sempre con me! Pensa che ho partecipato pure a un workshop di WordPress in prima fila mentre lo allattavo 🙂

Rispondi
Lucy the Wombat 07/04/2019 - 10:03

Bello!! Sono sempre stata tentata dall’andare a uno di questi eventi qua a Melbourne, dove ne fanno spesso. Ma la lingua mi frenava, avevo paura di non riuscire a fare un buon networking… Ora che sono migliorata e che ho letto questo post proveroproveroa dare nuovamente un occhio alle date 🙂

Rispondi
Paola 07/04/2019 - 10:46

Sono davvero tutti super carini, il mio primo anno da volontaria mi hanno messo a fare la presentatrice in inglese e mi hanno incoraggiata tutti anche se mi sentivo super impacciata

Rispondi

Fammi sapere cosa ne pensi con un commento

Questo sito internet utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per adempiere alla noiosa burocrazia europea dovresti confermarmi che sei d'accordo. Accetto Privacy & Cookies Policy