Home DestinazioniAsiaThailandia Bangkok in viaggio da sola: cosa fare, cosa vedere e dove dormire

Bangkok in viaggio da sola: cosa fare, cosa vedere e dove dormire

di Paola
11 commenti

Viaggiare da sola è sempre fantastico e Bangkok è una meta ideale per le donne in viaggio in solitaria. La capitale della Thailandia è una destinazione sicura, con templi, musei e tantissime attività tra cui scegliere. Tra gli innumerevoli mercati in cui fare acquisti, i templi più famosi da vedere, attrazioni come il Grande Palazzo Reale e la Jim Thompson House, il migliore street food della Thailandia e massaggi tradizionali non ti annoierai di sicuro. In questo articolo puoi ti racconto come organizzare il tuo viaggio da sola a Bangkok, dandoti consigli basati sulla mia fantastica esperienza.

Visitare Bangkok da sola: consigli e suggerimenti

Scoprire Bangkok da sola può essere un’esperienza emozionante, ma anche impegnativa, specialmente se è il tuo primo viaggio in solitaria così distante da casa. Per questo motivo, ti consiglio di pianificare ogni dettaglio per sentirti più sicura. Non è obbligatorio, e non rimarrai mai senza un hotel o un ostello in cui dormire visto le numerose strutture di Bangkok, ma sapere di avere già camera e attività prenotate ti permette di concentrarti di più sulle cose da vedere.

ORGANIZZA IL TUO VIAGGIO A BANGKOK
Prima di partire acquista online la tessera turistica Bangkok City Explorer Pass che comprende da 3 a 7 attrazioni, tra cui il Palazzo Reale, e una gita di un giorno ai templi di Ayutthaya.

Io onestamente quando sono andata a Bangkok da sola non avevo prenotato nulla a parte la prima notte in ostello. Ero partita due settimane dopo aver trovato un’offerta per un volo improvvisando quasi tutto il viaggio, ma conoscevo già abbastanza bene la Thailandia. Ovviamente se sei una viaggiatrice solitaria con esperienza puoi fare anche tu così, ma capisco che non sia per tutte. Io ora in viaggio con mio figlio non lo farei più.

Attività divertenti da fare da sola

Per quanto riguarda le attività da fare, Bangkok offre molteplici opzioni divertenti per le donne che viaggiano da sole. Io che amo cultura e gastronomia, ho adorato provare lo street food in tutte le bancarelle di strada. Se ti piace lo shopping, puoi visitare un mercato galleggiante o il mercato del fine settimana di Chatuchak, uno dei più grandi della Thailandia.

La visita ai templi più famosi come il Wat Phra Kaew e il Wat Arun è imperdibile per scoprire la cultura e la spiritualità locale. Infine, se ti piacciono i massaggi e ti incuriosisce la cultura tradizionale thailandese, non perderti un massaggio tradizionale nella scuola del Wat Pho, all’interno del complesso monastico.

Come spostarti a Bangkok

Spostarti all’interno di Bangkok è molto semplice, e puoi scegliere tra vare opzioni in base alle tue preferenze e al tuo budget. Per arrivare in città dall’aeroporto l’opzione più economica è il treno Airport Rail Link. In alternativa il taxi è molto comodo, ma ricordati di controllare che abbia il tassametro attivo per evitare eventuali truffe.

Una volta in città, l’opzione più apprezzata dai turisti per spostarsi è il caratteristico tuk tuk, un mezzo di trasporto tipico della Thailandia. Questi veicoli sono molto utilizzati per muoversi all’interno di Bangkok, ma dovresti accordarti sul prezzo prima di salire a bordo.

Un’alternativa economica è rappresentata dal trasporto pubblico, come autobus, metropolitana e treno Skytrain. L’autobus è una scelta economica, ma potrebbe non essere così comodo o veloce come il treno. Lo Skytrain è una linea ferroviaria sopraelevata che attraversa la città e copre molte delle principali attrazioni turistiche, mentre la metropolitana ha due linee che collegano vari punti della capitale Thailandese.

Se vuoi esplorare la città in modo indipendente, una buona opzione potrebbe essere il noleggio di una bicicletta o uno scooter. Tuttavia, tieni presente che il traffico di Bangkok può essere caotico e pericoloso, quindi dovresti stare molto attenta. Infine, c’è anche la possibilità di utilizzare i servizi di ride sharing come Grab, il corrispettivo di Uber in Thailandia e nel Sud Est Asiatico.

Per attraversare il fiume Chao Phraya invece ci sono diversi attracchi di traghetti lungo la riva. Puoi scegliere tra le economiche barche che fanno avanti e indietro tra le due sponde, come il servizio che collega il tempio Wat Arun, oppure affidarti ai taxi acquatici per raggiungere una destinazione particolare via fiume.

Ingresso del Wat Arun di Bangkok dal lato dell'attracco dei traghetti
Ingresso del tempio Wat Arun di Bangkok dal lato dell’attracco dei traghetti

Cosa vedere a Bangkok: templi e musei da non perdere

Bangkok è una città ricca di storia, cultura e arte, con molti templi e musei da visitare. Tra le attrazioni più popolari ci sono il Grande Palazzo Reale, la casa museo Jim Thompson House, i templi Wat Pho, Wat Phra Kaew e Wat Arun, solo per citarne qualcuno.

Il Grande Palazzo Reale

Il Grande Palazzo Reale è uno dei luoghi più visitati di Bangkok ed è una meraviglia architettonica che racchiude diverse attrazioni all’interno dei suoi confini. Il complesso include il Wat Phra Kaew, il Tempio del Buddha di Smeraldo, e la residenza ufficiale del Re di Thailandia. La ricchezza e la maestosità dell’edificio sono davvero sorprendenti, e i visitatori possono passeggiare attraverso i giardini e gli edifici storici ammirando l’arte e l’architettura di un’epoca passata.

I templi più famosi di Bangkok

Il Wat Phra Kaew e il Wat Arun sono due dei templi più famosi di Bangkok. Il Wat Phra Kaew è conosciuto anche come il Tempio del Buddha di Smeraldo ed è considerato il tempio più sacro della Thailandia. Qui puoi ammirare il famoso Buddha di smeraldo, una statua sacra di Buddha risalente al XIV secolo.

Il tempio Wat Arun, situato sulla riva occidentale del fiume Chao Phraya a Bangkok, è un importante luogo di culto buddhista che puoi raggiungere in barca. Conosciuto anche come Tempio dell’Alba, presenta una magnifica torre centrale a forma di stupa ricoperta di piastrelle di porcellana cinese. Il tempio offre anche una vista spettacolare sulla città di Bangkok e sul fiume.

Un altro tempio da non perdere a Bangkok è il Wat Pho, conosciuto soprattutto per la sua grande statua del Buddha disteso, lunga 46 metri. All’interno della struttura si trova anche una scuola di massaggio e medicina tradizionale thailandese, in cui puoi farti fare un massaggio.

Infine il Wat Saket, conosciuto anche come il Tempio della Montagna d’Oro, è un grande complesso religioso di Bangkok famoso per ergersi su una collina panoramica, creata artificialmente creata con i detriti di un antico tempio distrutto. La salita in cima può essere faticosa nei giorni più caldi, ma la vista è spettacolare e puoi ammirare anche una serie di campane buddiste allineate in fila.

Campane del tempio Wat Saket, la Montagna Dorata, di Bangkok
Le campane del tempio Wat Saket, la Montagna Dorata, di Bangkok

La casa museo di Jim Thompson

La casa museo Jim Thompson House è un’altra meta imperdibile per gli appassionati di arte e cultura. Situato in una tranquilla strada nel cuore della città, il museo si trova in quella che era la casa di Jim Thompson, un imprenditore americano ex agente segreto, scomparso in circostanze misteriose, che ha rivoluzionato l’industria della seta in Thailandia. La casa è arredata con pezzi d’antiquariato e oggetti d’arte tradizionali, ed è una delle poche occasioni per vedere una casa in legno in stile thailandese a Bangkok.

Nel complesso Bangkok offre tantissime attrazioni religiose, storiche e culturali. Questi templi e musei sono solo una parte delle cose da vedere. La città racchiude anche moltissima arte e architettura, e i templi e gli edifici pubblici offrono una finestra sulla storia e la cultura della Thailandia che vale la pena approfondire in viaggio da sola.

Esterno della casa museo Jim Thompson House costruita in legno secondo lo stile tradizionale thailandese
Esterno della casa museo Jim Thompson House costruita in legno secondo lo stile tradizionale thailandese

Monumenti di Bangkok

Bangkok, la capitale della Thailandia, è una città piena di attrazioni pubbliche, che offrono ai visitatori la possibilità di scoprire la storia e la cultura del Paese. Tra le attrazioni più popolari c’è l’Altalena Gigante, un’enorme struttura in legno di teak rosso, utilizzata dal ‘700 fino a inizio ‘900 come altalena per un rito induista. La costruzione non è più quella originale, ma è stata ricostruita nel 1920, sempre in legno di teak, dopo che l’altalena originale era stata danneggiata da un fulmine.

Un’altra importante opera pubblica di Bangkok è il Monumento della Democrazia, situato nel centro della città. Si tratta di una cupola alta 50 metri circondata da quattro vele in pietra che rappresentano le quattro branche del governo thailandese: esecutivo, legislativo, giudiziario e costituzionale. Il monumento è stato costruito nel 1939 per commemorare il colpo di stato che trasformò il Regno del Siam in una monarchia costituzionale, su progetto dello scultore italiano Corrado Feroci, famoso in Thailandia con il nome thailandese Silpa Bhirasri.

Il Monumento della Democrazia di Bangkok
Il Monumento della Democrazia di Bangkok

Cosa fare a Bangkok: le migliori attività da fare da sola

Bangkok è una città che offre molte opportunità per esplorare e goderti l’esperienza di un viaggio da sola. Tra le attività migliori secondo me ci sono quelle legate al cibo e alla cultura locale. Una delle esperienze più autentiche è gustare lo street food dalle bancarelle e i ristoranti sulla strada e assaggiare piatti tradizionali come il pad thai, il curry verde e il som tum. I venditori ambulanti si trovano ovunque, dalle strada principale ai vicoli nascosti, e offrono cibo delizioso per pochi dollari. Se poi vuoi imparare a replicare queste ricette da sola puoi iscriverti a una cooking class in inglese.

Un’altra attività da fare da sola a Bangkok è quella di esplorare i mercati. Ci sono diversi mercati in città, ma il più famoso è il mercato galleggiante di Damnoen Saduak che si trova a circa due ore di distanza dalla città. Qui puoi acquistare prodotti freschi, come frutta, verdura e pesce, ma la caratteristica unica è vedere le bancarelle poste direttamente dalle barche che fluttuano sul canale. È una esperienza unica che consente di entrare in contatto con la cultura locale e la tradizione dei mercati galleggianti del Sud Est Asiatico.

Infine, una crociera sul fiume Chao Phraya è un’altra attività molto divertente da fare da sola a Bangkok. Il fiume attraversa la città e offre una vista panoramica sulle attrazioni principali, come il Tempio del Buddha di Smeraldo e il Palazzo Reale. Ci sono diverse opzioni di crociera, dal passaggio in traghetto più economico alla crociera con cena più lussuosa, ma tutte permettono di goderti un momento di relax e di contemplazione della città dall’acqua.

Barche sul fiume Chao Phraya davanti al tempio Wat Arun, Bangkok
Barche sul fiume Chao Phraya davanti al tempio Wat Arun, Bangkok

Dove provare il vero massaggio tradizionale thailandese

Il massaggio thailandese tradizionale, conosciuto per il suo stile molto intenso in cui senti scrocchiare tutte le ossa e i muscoli del tuo corpo, è una delle attrazioni più famose di Bangkok e un trattamento davvero efficace per il corpo. Per me è una delle attività assolutamente da non perdere in Thailandia, ma vista la grande quantità di spa e centri benessere presenti a Bangkok, talvolta anche improvvisati, trovare un vero massaggio tradizionale thailandese può essere un po’ difficile.

Il massaggio thailandese tradizionale non è per nulla rilassante, si tratta di un massaggio medico vero e proprio, utile per ridurre le tensioni muscolari che causano dolore e mal di testa, e stimolare la circolazione e il sistema linfatico. Per questo motivo ti sconsiglio di fermarti nei posti più economici che trovi lungo ogni strada, ma affidarti a professionisti esperti.

Per iniziare, ti suggerisco di recarti al Wat Pho Thai Traditional Massage School, la scuola di massaggio del tempio Wat Pho e uno dei luoghi più autentici dove provare il massaggio thailandese. In un solo giorno puoi abbinare una visita al Grande Palazzo Reale, al Tempio del Buddha di Smeraldo e provare un autentico massaggio eseguito da professionisti esperti e qualificati, che seguono le tecniche tradizionali.

Un’altra possibilità è affidarti alle spa degli hotel o indipendenti, con una struttura vera e propria e massaggiatori qualificati. In questo caso ti suggerisco di affidarti al tuo intuito, dopo aver prima provato qualche massaggio tradizionale thailandese nella scuola del Wat Pho. Spesso i centri massaggio in Thailandia sembrano molto spartani, ma il servizio è quasi sempre ottimo. Prenderti cura di te con un massaggio è un’attività che puoi apprezzare davvero moltissimo in viaggio da sola perché non ti devi adeguare agli orari degli altri compagni di viaggio.

Vista sul complesso di edifici del tempio Wat Arun a Bangkok
Vista sul complesso di edifici del tempio Wat Arun a Bangkok

Dove acquistare i migliori souvenir thailandesi a Bangkok

Bangkok offre tantissime occasioni per fare acquisti economici da portare a casa come souvenir. Tuttavia, non tutti i negozi e banchi dei mercati offrono prodotti autentici e di alta qualità. A Khao San Road, la via più turistica popolata da turisti occidentali zaino in spalla, per esempio trovi i souvenir più classici, come i pantaloni con gli elefanti o le magliette con il logo delle birre thailandesi.

Per trovare i migliori souvenir thailandesi a Bangkok ti consiglio di visitare i mercati o il quartiere di Chinatown. Il primo luogo da visitare è il mercato del fine settimana di Chatuchak, uno dei più grandi mercati coperti del mondo, con una vasta gamma di prodotti, tra cui abbigliamento, bigiotteria, oggettistica, prodotti di bellezza e tessuti. Negli ultimi anni è diventato molto turistico, ma è ancora un luogo interessante per trovare oggetti unici e originali.

Un’altra opzione è il mercato di Pratunam, situato nel quartiere omonimo, dove puoi trovare molti negozi che offrono abbigliamento tradizionale, come i pantaloni da legare in vita che ti fanno indossare durante il massaggio tradizionale, ma anche altri souvenir e curiosità come gli amuleti di Buddha. Infine, il quartiere di Chinatown a Bangkok è un altro luogo ottimo per cercare souvenir interessanti e originali.

Chinatown è anche un’ottima area dove soggiornare in viaggio da sola ed è ricca di negozi di ogni genere, alcuni dei quali specializzati erboristeria, oggetti di arte e antiquariato. In particolare, ti segnalo i negozi di oggettistica Moshi Moshi e Pan Pan, entrambi nel quartiere cinese, dove trovare tazze, cancelleria, set da pranzo e articoli da viaggio in stile kawaii. Non hanno sito internet quindi devi cercarli su Google Maps, facendo attenzione alle omonimie.

Il quartiere di Chinatown a Bangkok, foto Uwe Schwarzbach
Il quartiere di Chinatown a Bangkok, foto Uwe Schwarzbach

Dove dormire a Bangkok in viaggio da sola

Bangkok offre molte diverse scelte in cui alloggiare in viaggio da sola. In linea generale gli ostelli sono un’ottima opzione se cerchi un posto economico in cui magari fare anche nuove amicizie (ma non è obbligatorio), mentre gli hotel offrono lusso e comodità a prezzi ottimi. Con pochi dollari di differenza puoi avere un’esperienza ottima, quindi ti consiglio di non puntare al risparmio a tutti i costi.

Khao San Road: quartiere da evitare in viaggio da sola

Diversi blog di viaggiatori zaino in spalla e guide turistiche consigliano di soggiornare in Khao San Road per trovare una stanza economica e stare in quartiere vivace. In base alla mia esperienza diretta però Khao San Road è la peggiore scelta che puoi fare in viaggio da sola. Anche se le recensioni non sono pessime puoi finire in strutture discutibili e poco sicure, con letti in camerata in guest house sporche.

Se proprio vuoi provare a soggiornare in Khao San Road, ti suggerisco di confrontare le recensioni su più siti e non prenotare mai più di una notte prima di aver effettivamente visto la camera. Molte sistemazioni economiche sono stanze senza finestra e questo particolare non viene mai indicato nei portali di prenotazioni. La maggior parte di hotel, guest house e ostelli in Khao San Road sono rumorosi e spartani al limite della decenza.

Ti confermo che da Khao San Road passano tutti i viaggiatori zaino in spalla, ma spesso sono viaggiatori a cui interessa solo fare una vacanza economica e di conseguenza di notte il quartiere si trasforma con bar aperti fino a tardi, concerti e un mercato di souvenir in cui provare insetti fritti probabilmente la settimana prima.

Struttura pessima da evitare: AT Guesthouse

Proprio in Khao San Road ho soggiornato alla AT Guesthouse, tutt’ora la struttura peggiore mai provata in viaggio. Situata in un cortile interno di Khao San Road, non c’è una doccia vera e propria, ma solo un rubinetto di acqua fredda di fianco alla tazza del water, condiviso con tutte le stanze dell’ostello. Le stanze piccole non hanno finestra e sono dei veri e propri loculi della grandezza di un letto singolo, senza aria condizionata, ma con un rumoroso ventilatore a soffitto che sembrava potersi staccare da un momento all’altro.

Peggio ancora, la notte era tutto un via vai di ubriachi che rientravano nei letti in camerata. Sono scappata da Khao San Road il mattino successivo, notte facendomi rimborsare la prenotazione da Agoda perché la mia stanza non corrispondeva per nulla alla descrizione. Questo purtroppo è lo standard di Khao San Road e se prenoti direttamente senza vedere la stanza non hai neanche diritto a un rimborso. A Bangkok, come in tutta la Thailandia, pochi euro di differenza possono comprare un’esperienza decisamente migliore, non guardare solo il prezzo quando prenoti.

Ostelli boutique

Se quando pensi agli ostelli ti immagini strutture spartane frequentate solo da giovani senza soldi, devi ricrederti. La maggior parte degli ostello in cui ho soggiornato sono boutique hostel situati in edifici storici o strutture moderne dotate di ogni comodità.

Per esempio Niras Bankoc Cultural Hostel è un ostello situato in un palazzo storico del 1869, un tempo appartenuto ad un membro della famiglia reale ed oggi ristrutturato con molto gusto. Le camerate sono arredate in stile moderno, dispongono di armadietti personali e ogni letto è dotato di prese elettriche e USB per ricaricare il cellulare. Al piano terra è ospitato il Peyton Cafè per colazioni e pasti leggeri, con menù scontato per gli ospiti dell’ostello.

Vivit Hostel è un ostello boutique situato in un palazzo d’epoca nel quale aveva sede la sartoria della casa reale Vivit Busagar. Oltre a stanze private e camerate arredate in stile moderno con armadietti e prese elettriche per ogni letto, dispone anche di una zona dove lavorare al computer con lavanderia e caffè a disposizione degli ospiti (leggi la mia esperienza al Vivit Hostel).

Camerata dell'ostello Vivit Hostel di Bangkok
Camerata dell’ostello Vivit Hostel di Bangkok

Hotel

Il primo hotel di lusso che ho provato nella capitale della Thailandia è stato l’Hilton Sukhumvit Bangkok, affacciato sul fiume Chao Phraya. Con piscina a sbalzo, spa, ristorante e servizio di taxi acquatico è sicuramente una struttura da considerare in viaggio a Bangkok.

Nel quartiere di Chinatown ti suggerisco lo Shanghai Mansion Bangkok, una struttura ispirata alla Shangai degli anni Trenta del secolo scorso. Il ristorante cinese dell’hotel per me è uno dei migliori in assoluto per varietà e ricercatezza delle portate. Qui ho provato piatti squisiti praticamente introvabili fuori dalla Cina.

Un altro hotel di lusso che mi è piaciuto molto è stato l’Amara Bangkok Hotel, anch’esso con piscina a sbalzo e fantastici ristoranti fusion. In particolare in questa struttura ti consiglio di fare l’upgrade alla camera club che comprende l’aperitivo tutti i giorni in una terrazza riservata con vista panoramica su Bangkok. Per me è stata un’esperienza fantastica in viaggio da sola.

Infinity pool sul tetto dell'hotel Amara a Bangkok in Thailandia
Infinity pool sul tetto dell’hotel Amara Bangkok in Thailandia

Consigli sulla sicurezza in viaggio da sola

Viaggiare da sola è fantastico, ma devi ricordarti di prendere alcune precauzioni per viaggiare sempre in sicurezza, a Bangkok come in Italia. In primo luogo, è consigliabile informarti sempre sulla situazione attuale prima di partire, verificando eventuali limitazioni o restrizioni legate a eventi pubblici e alla pandemia.

Inoltre, ma questo vale ovunque nel mondo, ti consiglio di evitare di camminare da sola di notte in zone periferiche o poco illuminate e di affidarti sempre a mezzi pubblici ufficiali con altre persone a bordo. A Bangkok puoi spostarti tranquillamente in bus o metropolitana la sera, e se scegli di salire su un tuk tuk o un taxi assicurati che si tratti di mezzi ufficiali.

Io non ho mai avuto problemi, ma non ho neanche mai fatto troppa “festa” in viaggio da sola. Se vuoi bere e ballare, meglio aggregarti a un gruppo di altre ragazze conosciute in ostello piuttosto che andare per locali da sola. Anche questa però è una regola generale che vale ovunque nel mondo.

Conclusioni: perché Bangkok da sola è un’ottima idea

Bangkok è una delle città più interessanti e affascinanti del mondo, in cui puoi fare un’esperienza unica e indimenticabile in viaggio da sola. Con la sua cultura vivace, la cucina deliziosa, i templi antichi e gli animati mercati cittadini, Bangkok ha tutto quello che si può desiderare in una città.

Scrivimi nei commenti se hai già visitato Bangkok da sola o se questo articolo ti ha invogliato a fare un’esperienza di viaggio in solitaria.

11 commenti

Denise Masiero 04/03/2018 - 18:47

Mi segno tutti i tuoi consigli e anche gli hotel per il nostro viaggio di dicembre. Penso atterreremo a Bangkok e staremo lì qualche giorno prima di continuare il viaggio in Thailandia e Indonesia. Per il tuo viaggio ti sei fatta dei vaccini?

Rispondi
Paola 04/03/2018 - 19:20

Io non ho fatto nessun vaccino. Se stai nelle città secondo me non ti servono perché non hai molti rischi, poi dipende soprattutto da quali saranno le tue attività… magari considerali se hai intenzione di fare trekking nella giungla o passare molto tempo nelle zone rurali, ma in ogni caso ti conviene parlarne con il tuo medico che conosce la tua situazione

Rispondi
Giulia M. 23/02/2018 - 16:52

Mi piace molto il tuo stile di racconto, c’è poco da fare! Non ho un viaggio in Thailandia programmato a breve ma tutte queste informazioni sono decisamente interessanti, anche se descrizioni come quelli del terribile ostello mi fanno venire un po’ di brividi!

Rispondi
Paola 23/02/2018 - 17:25

Ahahah il primo ostello era davvero orrendo però tutti gli altri posti dove ho dormito erano spettacolari, dalle guesthouse del nord con terrazza di legno ai boutique hostels fino all’hotel di lusso per concludere il viaggio in bellezza. Diciamo che con i posti successivi ho compensato ampiamente!

Rispondi
Camilla 08/12/2017 - 10:23

La thailandia é il mio dream travel! Post bellissimo e blog strutturato benissimo. Complimenti!!

Rispondi
Paola 08/12/2017 - 10:27

Grazie, ti confermo che è da vedere, è un posto fantastico!

Rispondi
Sara 08/12/2017 - 09:48

Bangkok è una città costì intensa e “piena” di sapori, la amo. Grazie per i tuoi suggerimenti e per condividere con noi la tua esperienza.

Rispondi
Paola 08/12/2017 - 10:17

Credo vada proprio vissuta in pieno, non solo come un passaggio verso il mare. Io poi amo tantissimo le città in generale e Bangkok ha davvero tanto da offrire 🙂

Rispondi
Sandra 01/09/2017 - 16:50

Molto interessante, sarà la mia bibbia per quando arriverà il mio momento per partire. Il viaggio è stato accantonato per ora, visto che sono successe altre cosine nel mezzo, ma arriverà il mio momento. Grazie Paola!

Rispondi
Paola 01/09/2017 - 19:41

Sono contenta che ti sia utile, tu sei stata la mia ispirazione per questo genere di post, le tue pillole sono indispensabili prima di partire 🙂

Rispondi
Sandra 01/09/2017 - 19:45

Ma dai?!! Ne sono proprio felice!
Comunque davvero suggerimenti interessanti e utili… aspetto di dettagli per le altre location !

Rispondi

Lascia un commento

* Quando lasci un commento autorizzi Pasta Pizza Scones a gestire i tuoi dati secondo quanto previsto dal GDPR