Home DestinazioniEuropaRegno Unito Gli adorabili cani Corgi della regina Elisabetta II
Cucciolo di Pembroke Welsh Corgi

Gli adorabili cani Corgi della regina Elisabetta II

9 commenti

La passione per i cani di razza Corgi ha conquistato la nostra mitica Queen Lizzie molto moltissimo tempo fa, quando era ancora bambina e visitò un allevamento. Per i suoi novant’anni poi si è fatta ritrarre i compagnia dei suoi buffissimi amici a quattro zampe. In questo articolo vi racconto tutto quello che dobbiamo sapere sui Corgi della regina Elisabetta casomai ci capiti un invito a Buckingham Palace per il tè.

L’iconografia-tipo della regina Elisabetta II è quella di serissima figura politica super partes oppure di icona pop nelle rappresentazioni di Pantone e nelle statuine che salutano in vendita nei negozi di souvenir non ufficiali (segnatevi questo particolare perché nei negozi di souvenir ufficiali troverete solo le tazze del Queen Jubilee o del Royal Wedding del momento).

Foto della regina Elisabetta II per i suoi 90 anni nel 2016, di Annie Leibovitz

Nel 2016 però la regina Elisabetta ha compiuto novant’anni e si è fatta ritrarre in modo molto informale dalla fotografa americana Annie Leibovitz per Vanity Fair. Già la scelta del giornale, un mensile popolare piuttosto che aristocratico, è un cambio di stile netto, ma anche le stesse fotografie più che rappresentare la regina come capo d’Inghilterra la rappresentano come una qualsiasi signora inglese middle class.

Niente abiti lunghi e gioielli da favola quindi, Sua Maestà in questa serie di ritratti ci fa scoprire una delle sue grandi passioni, i Welsh Corgi. L’altra sono i cavalli, ma ne parleremo se mai riuscirò ad andare a vedere una corsa ad Ascot indossando qualche ridicolo fascinator in testa.

Quando è nata la passione di Elisabetta II per i Welsh Corgi

L’amore della regina per i cani di razza Welsh Corgi risale indietrissimo nel tempo perché è nato durante la sua infanzia quando, a dieci anni, visitò l’allevamento di Corgi del marchese di Bath con la sorella Margaret. Il suo primo cagnolino, Dookie, arrivò quindi poco dopo nel 1936 come regalo del padre re Giorgio VI.

la regina Elisabetta II da bambina con i suoi Welsh Corgi

La passione della regina Elisabetta per i Welsh Corgi è così grande che non si è limitata ad averli solo come animali da compagnia, ma ha iniziato pure ad allevarli nel 1949. Non so dirvi se è una mania dei reali inglesi avviare un allevamento di ogni animale preferito, ma la regina Elisabetta ha fatto lo stesso con i cavalli. Per lo meno non si è infatuata di pinguini o panda perché sarebbe stato complicato allevarli in Inghilterra.

In ogni caso la regina Elisabetta ha iniziato il suo programma di allevamento dei Windsor Corgis a partire dalla cagnolina Susan e in cinquanta anni ha supervisionato quattordici generazioni di Corgi. Gli ultimi discendenti di Susan sono Holly e Willow, gli attuali royal corgi in carica.

Curiosamente a Elisabetta viene anche attribuita l’invenzione della razza Dorgi, dall’accoppiamento di uno dei suoi Corgi con il bassotto della sorella Margaret. Questa storia però potrebbe essere una bufala perché non ho trovato fonti attendibili che la confermano.

Perché i Welsh Corgi hanno così successo

Chiunque veda un Welsh Corgi si innamora a prima vista del loro aspetto buffo visto che rimangono bassi e cicciottelli anche da adulti. Inoltre hanno un carattere allegro e socievole, cosa che rende la loro compagnia preferibile a quella di molti esseri umani, ma in generale è così per tutti gli animali.

Comunque oggi i royal corgi di Queen Lizzie si affiancano ai souvenir ufficiali della famiglia reale sotto forma di peluche, post-it, tazze, statuette e abbigliamento. Avete già indovinato il mio prossimo souvenir British, vero?

Anche se oggi il Welsh Corgi sembra il perfetto cane da appartamento, prima di diventare famoso grazie alla regina Elisabetta veniva utilizzato regolarmente come cane pastore per la sua abilità a evitare gli zoccoli degli animali da radunare. Sono sicura che però i cani Corgi preferiscano gli agi di Buckingham Palace alla selvaggia campagna inglese.

Infine, con il termine Welsh Corgi ci riferiamo a dei cani piccoli dalle zampe corte e il muso simile ad una volpe, ma le razze vere e proprie sono due, Pembroke e Cardigan. Le differenze di colore e dimensioni sono minime, ma per gli appassionati sono abbastanza diversi da separarli in allevamenti e competizioni.

Fatemi sapere nei commenti se anche voi vi siete innamorati di questi buffissimi cani della regina.

Altri post che potrebbero interessarti

9 commenti

Laura 26/06/2017 - 17:28

E’ proprio un’amore di una vita!!!!

Rispondi
Giulia 26/06/2017 - 16:05

Sono troppo carini! Proprio ieri ne ho visto uno in città a spasso con la padrona 🙂 a me non piacciono molto i cani “salsicciotto” ma i Corgi ispirano simpatia

Rispondi
Lucialesley 26/06/2017 - 14:56

Sono troppo simpatici, hai ragione! E sai che tra una ventina di giorni arriva un bassottino qui a casa?! Non sapevo che la regina avesse il suo allevamento comunque!

Rispondi
Paola 26/06/2017 - 22:47

Auguri per il nuovo arrivato! Non vedo l’ora di scoprire il suo musetto sul tuo blog 🙂

Rispondi
Aritravelplan 26/06/2017 - 13:48

Sono davvero adorabili, peraltro da un po’ di tempo inizio a vederli anche in Italia! Sarà l’effetto regina?

Rispondi
Paola 26/06/2017 - 14:29

Queen rules! 😉

Rispondi
In viaggio con Dorothy 26/06/2017 - 10:13

Sono adorabili! E tra l altro non sapevo tutte queste curiosità sulla regina e il fatto che li allevasse! In Ogni caso condivido in pieno: sono bellissimi..ma tutti i cani lo sono e giustamente come dici tu, ce me sono un sacco senza casa in canile! Quindi credo sia il miglior posto dove andare a cercare un amico peloso! 😉

Rispondi
Cinzia 26/06/2017 - 9:27

Sono bellissimi ❤

Rispondi
Meira Iron 26/06/2017 - 9:25

Questi cagnolini sono carinissimi, mi piacciono un sacco! Ma sono d’accordo con te sul preferire sempre i musetti del canile :3

Rispondi

Fammi sapere cosa ne pensi con un commento

Questo sito internet utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per adempiere alla noiosa burocrazia europea dovresti confermarmi che sei d'accordo. Accetto Privacy & Cookies Policy