Home DestinazioniEuropaRegno Unito Vita da expat: la mancanza del bidet e la nobile arte di pulirsi il sedere all’estero
Bidet

Vita da expat: la mancanza del bidet e la nobile arte di pulirsi il sedere all’estero

94 commenti

Quando sono partita per trasferirmi in Inghilterra, amici e parenti erano preoccupatissimi riguardo al cibo – cosa mangia un popolo che non è in grado di cucinare una pasta o una pizza come si deve? – ma il vero dramma è stato la mancanza del bidet.

Il luogo comune degli inglesi sporchi

Vivendo in Inghilterra mi sono resa conto che il campanilismo di noi italiani si estende, oltre che su ogni dominio del cibo, pure sull’igiene. La nostra indole italica ci fa pensare che in Italia sia tutto meglio quando siamo all’estero e viceversa, ma sul bidet non si discute, è effettivamente una nostra supremazia nazionale.

Solo chi ha vissuto all’estero conosce la sensazione di gioia immensa che ci offre una sciacquatina al sedere dopo le nostre funzioni fisiologiche, ed è proprio per questo che noi italiani commiseriamo chi vive in case senza bidet. Gli inglesi comunque non ne sentono la mancanza e molti non ne conoscono neanche l’uso.

Parecchi stranieri, non solo inglesi, pensano infatti che il bidet sia un lavandino per bambini, un lava piedi oppure non si chiedono neanche quale sia la sua funzione e ci mettono direttamente le birre al fresco con acqua e ghiaccio. Per loro esistono solo il lavandino e la doccia.

Come si lavano gli inglesi

In realtà che gli inglesi siano sporchi è solo un luogo comune, e quasi tutti quelli che ho incontrato fanno un uso ragionevole di acqua e sapone. Semplicemente si lavano in modo diverso, con doccia, salviettine e micro asciugamani di cui finalmente ho capito la funzione.

D’altra parte i British sono fissatissimi con l’igienizzarsi le mani e in ogni autogrill, ospedale e studio medico troverete appesi al muro un dispenser di igienizzante senz’acqua, che odio profondamente perché mi dà allergia e secca la pelle. Sempre nei luoghi pubblici sono poi presenti numerosi cartelli su come lavarsi correttamente le mani e mi chiedo il perché ogni volta visto che io l’avevo imparato da bambina e non mi sembrava un’attività particolarmente difficile.

In pratica sembra proprio che noi italiani siamo fissati con il lavarci il sedere e gli inglesi con il lavarsi le mani. Lascio a voi le eventuali conclusioni.

Doccia mattutina e bagni britannici

Gli inglesi tendono a preferire la doccia mattutina rispetto a qualsiasi altra pratica igienica, ma io non ce l’ho proprio fatta ad abituarmici. Innanzitutto mi sono sempre chiesta, anche in Italia, perché sprecare preziosi minuti che possiamo passare dormendo. Per quanto mi riguarda non c’è nulla di meglio di una doccia rilassante prima di dormire, quindi la doccia la faccio la sera e basta, ma c’è anche da fare un discorso sulla planimetria dei bagni inglesi.

Dopo aver vissuto per mesi nel creepy flat ho capito che il nostro bagno non era bello, ma neanche particolarmente invivibile secondo gli standard inglesi, mentre per me un bagno senza riscaldamento con moquette a bordo vasca continua ad essere qualcosa di totalmente inconcepibile.

Immaginatevi nudi a cercare di docciarvi nella vasca con gli spifferi gelidi provenienti dalla finestra. A me venivano sempre in mente le docce dei prigionieri di guerra, e infatti a casa d’inverno mi sono lavata il meno possibile, approfittando al massimo delle trasferte di lavoro e delle docce della piscina.

Gatti e stranieri non capiscono l'uso del bidet

Per qualche strano motivo sia i gatti che gli stranieri non capiscono l’uso del bidet

Il lavaggio a pezzi e il mistero dei micro asciugamani

Quando non optano per la doccia intera, il metodo degli inglesi per il lavaggio a pezzi si basa sull’insaponare e strofinarsi con dei microscopici asciugamani quadrati. Questo metodo potrebbe essere pure efficace lato pulizia, a parte la mancanza del risciacquo come accade per il lavaggio dei piatti, ma poi il pezzettino di spugna rimane abbandonato nel lavandino appallottolato, bagnato e insaponato.

Non sono ancora riuscita a capire se dopo si lava immediatamente, si riusa o si lascia asciugare nella medesima posizione. Io nel dubbio quando trovavo questi pezzi di spugna abbandonati dal mio compagno li buttavo direttamente in lavatrice.

Le salviettine umidificate e l’arte di arraggiarsi nel lavarsi

L’ultimo metodo di lavaggio britannico, quello delle salviettine, a me fa rabbrividire. Di solito le salviettine igieniche vivono in bagno sulla vaschetta del water e servono alla pulizia del sedere, ma possono essere usate anche per il lavaggio integrale.

Questo metodo, particolarmente apprezzato anche in campeggio, comunque non funziona perché ha lo stesso effetto di quelli che si profumano invece di lavarsi e sul lungo periodo può pure irritarci la pelle. Io le uso solo durante il periodo delle mestruazioni se devo andare in bagni pubblici, altrimenti opto per delle modalità di lavaggio creative, tramandate sui vari blog dagli italiani espatriati.

Strategie di sopravvivenza igienica

Quando andiamo in vacanza all’estero per un paio di settimane proviamo tutti un certo fastidio nella mancanza del bidet, ma è quando ci trasferiamo che si manifesta una vera e propria sofferenza pensando a come poterci lavare il sedere per tutti i giorni a venire. Per evitarvi questa pena, vi racconto quali sono state le mie strategie di sopravvivenza igienica.

Equilibristi nella vasca e bottiglie d’acqua

Il metodo dell’equilibrista funziona quando il bagno ha una vasca da bagno senza parete fissa di vetro, come nel creepy flat. Io mi sporgevo senza pantaloni sulla vasca quel tanto che bastava per dirigere il doccino con il tubo flessibile verso l’obiettivo. Come metodo di lavaggio era quasi decente, a parte la necessità di prestare davvero molta attenzione a non perdere l’equilibrio per non finire per terra e allagare il bagno.

In alternativa utilizzavo una bottiglietta d’acqua e mi lavavo svuotandola come se fosse un rubinetto. Purtroppo questo metodo è funzionale solo a seconda della forma del bagno e del gabinetto perché alcuni water sono incastrati in modo così stretto nelle pareti che è quasi impossibile allargare le gambe quel tanto che basta per sciacquarsi. So comunque che molte espatriate tengono in bagno una serie di bottigliette da mezzo litro proprio per questo scopo!

Questo simpatico gatto ha deciso di usare il bidet come divano

Questo simpatico gatto ha deciso di usare il bidet come divano

Invenzioni furbe per sostituire il bidet

Nei commenti mi avete suggerito diverse soluzioni a cui non avevo pensato, alcune perfette da portare con sé durante un viaggio, altre ottime da utilizzare in una casa in affitto senza bidet nella quale non è possibile effettuare lavori edili. A riprova che la mancanza del bidet è un problema molto sentito, il mondo dei bidet portatili è in continua espansione, quindi aggiornerò periodicamente questa sezione con le ultime novità.

Bidet da campeggio e bacinelle

Una soluzione comoda se si ha abbastanza spazio in bagno sono i bidet da campeggio e le bacinelle da appoggiare sul water, entrambi in plastica leggera, ma più ingombranti rispetto ad altre soluzioni. Il bidet da campeggio è un vero e proprio bidet in plastica smontabile in due pezzi, base e vaschetta, da sistemare nella doccia per poterlo riempire e svuotare comodamente. Esiste anche un bidet portatile pieghevole senza la base, ma con delle gambe in metallo che si chiudono.

Se non abbiamo spazio per il bidet da campeggio, ma per una bacinella possiamo comprarne una della misura del water e appoggiarcela sopra oppure comprare un bidet portatile adattabile al sedile del water pensato apposta per questo scopo.

Doccette portatili

In viaggio una soluzione funzionale come il doccino fisso a bordo water che si trova ovunque in Asia è portarci dietro una doccetta portatile da attaccare al lavandino e allungare fino a water. Ovviamente funziona solo nel caso il lavandino sia abbastanza vicino al water da poter allungare il tubo dell’acqua e manovrarlo comodamente. La doccetta portatile Hello Bidet è la versione più veloce da montare e viene venduta anche già con un kit da viaggio.

Accessori da viaggio per simulare il bidet

Quando infine nessuna delle precedenti soluzioni è applicabile, ho trovato su internet Hygienna Solo, un accessorio per rendere più agevole farci il bidet con le bottigliette d’acqua, grazie alla bocchetta sagomata da applicare sul collo della bottiglia.

[amazon_link asins=’B013WIE30Y,B00BF8P8HG,B00CFGXLPS,B00I4TBA94,B0757436V7′ template=’ProductCarousel-PPS’ store=’papisco-21′ marketplace=’IT’ link_id=’b8556f5c-d89a-11e8-a7eb-2be9ce762ad9′]

La mia dichiarazione d’amore per l’italico bidet

Un anno all’estero mi è servito per capire quanto sia lussuoso potermi sciacquare dopo aver usato il bagno e quanto pure io sia affezionata al bidet. Ancora mi chiedo perché, dove non ci sia spazio per installare un bidet, non vengano adottate ovunque soluzioni alternative come il doccino accanto al water che usano in Asia. Se però penso all’abitudine francese di mettere il lavandino in una stanza diversa da quella del water capisco come il bidet possa essere un problema marginale.

Italiani all’estero, iniziamo ad esportare il bidet come un nostro diritto inalienabile. Non solo pizza, caffè e vino, anche le nostre abitudini igieniche meritano di essere conosciute, tutelate e valorizzate!

Voi all’estero quali metodi usate per lavarvi? Vi convertite alla tragica doccia mattutina o riempite il bagno di bottigliette? Fatemelo sapere nei commenti ⬇︎

Post pubblicato settembre 2017 - Ultimo aggiornamento ottobre 2018

Altri post che potrebbero interessarti

94 commenti

Gian Luigi 07/09/2019 - 14:26

Salve !! Credo che possiamo tranquillamente sancire la supremazia del concetto italico dell’igiene rappresentato dal bidet. Sarebbe il caso, probabilmente, che nel parlamento europeo si stabilissero dei parametri minimi di dimensione dei bagni, che vanno via via restringendosi per il costo degli immobili, e che comprendessero questo indispensabile strumento di civiltà, il cui primato, per onestà, va attribuito alla regina Maria Carolina, del regno di Napoli!!

Rispondi
Paola 07/09/2019 - 21:30

In realtà pare che il bidet l’abbiano inventato i francesi, ma siamo stati noi italiani, e la regina da te citata, e importarlo e farlo entrare in ogni casa, mentre i nostri cugini d’oltralpe ancora non hanno capito l’importanza di mettere almeno un lavandino nella stanza dove si trova il wc 😉

Rispondi
Konrad 19/07/2019 - 15:57

Sono tedesco ma il mio ragazzo è italiano e ho vissuto in Italia per alcuni mesi. Mio ragazzo adesso si e trasferito in Germania e nel suo appartamento c’è un gabinetto separato con un piccolo lavandino. Lui è abbastanza alto quindi riesce a pulirsi con il rubinetto del lavandino.

Quando stavo in Italia anch’io mi ero abituato ad usare il bidet ma dopo mi sono ancora trasferito in Germania dopo un po’ mi sono ancora abbitituato ad avere il sedere un po’ sporco.

Ho trovato questo articolo perché volevo sapere se tutti gli italiani soffrono così tanto della mancanza del bidet come il mio ragazzo. Sembra di essere il caso.

Spesso gli italiani sono un po’ arroganti quando si tratta di cose considerate tipiche italiane come il cibo ma in questo caso avete veramente raggione.

Saluti della Germania da un aprezziatore del bidet.

Rispondi
Paola 19/07/2019 - 16:12

Felice di sapere che il bidet è apprezzato anche dai tedeschi 🙂

Rispondi
Anna 04/08/2019 - 15:55

Quando vado all’estero, se c’è la doccia col braccio mobile uso quella per lavarmi dalla vita in giù ogni volta che vado in bagno. Se invece la doccia é fissa in alto non posso perché ogni volta dovrei fare una doccia completa. Allora uso una spugnetta, la inumidisco nel lavandino e metto un goccio di detergente intimo, poi la passo sulle parti intime e poi risciacquo. Certo non é come fare il bidet, ma è meglio delle salviettine

Rispondi
Paola 04/08/2019 - 23:24

La spugnetta mi sembra un’ottima soluzione e si può usare anche in vacanza perché occupa poco spazio in valigia. Grazie del suggerimento!

Rispondi
Gioele Persichetti 01/07/2019 - 9:39

buon giorno. invece di tutti questi elaborati “ripieghi” una legge del parlamento europeo sull’obbligo ad alberghi e nuove costruzioni di implementare il bidet… naturalmente il tutto sostenuto da una campagna di advertisemt televisivi e scolastici. E poi in Europa ci trattano con la puzza sotto al naso…. è vero che il bidet è nato in Francia…. ma lì ancora non l’hanno capito….

Rispondi
Paola 01/07/2019 - 17:48

Ahahah mi sembra un po’ eccessivo, soprattutto perché la comprensione dell’uso del bidet va al di là dell’averlo installato in casa 😉
Il #teamdoccia non cederà alle lusinghe del bidet neanche sotto tortura. Piuttosto installerei i lavandini dove ci sono i wc, cosa non scontata, soprattutto in Francia dove è molto apprezzato il bagno separato (questo argomento meriterebbe un post a parte)

Rispondi
Lil 29/05/2019 - 12:33

Hello. Vivendo in UK senza bidet, ho scoperto la doccetta che chiamano shattaf. E da allora le parti basse sono felici!

Rispondi
Paola 29/05/2019 - 12:45

Ma sai che nessun British me ne ha mai parlato? La prossima volta che torno su farò propaganda di questa doccetta 🙂

Rispondi
michelepezzadaotro 29/05/2019 - 14:08

Sono contento per le tue parti basse felici, ma evidentemente sei giovane ed agile. Non mostri nessuna comprensione per le parti basse di una persona anziana e corpulenta come me… Solo il bidet risolve il problema.

Rispondi
Manuela 15/04/2019 - 11:00

bellissimo e utilissimo articolo!!! Anche io sono una fanatica del bidet e della pulizia, e il problema mi si pone quando vado via con il camper in quanto nel bagno del mezzo non ha il bidet e nemmeno quello delle aree di sosta/campeggi. Attualmente rimedio con doccia mattutina e all’occorrenza salviettine deumidificate ma proverò con la soluzione della bottiglietta a cui non avevo pensato…

Rispondi
Paola 15/04/2019 - 14:20

Il camper ancora mi manca, ma è un mezzo di trasporto che vorrei provare presto! Ho visto che ce ne sono di bellissimi 🙂

Rispondi
Gian 14/04/2019 - 22:58

Nemmeno io ho mai avuto pregiudizi sull’igiene in generale sull’igiene di persone di altri paesi.
Mi sono trovato anche bene all’estero, e curavo lo stesso la mia igiene.
Detto questo:
In ogni caso, secondo me il bidet è importantissimo.
C’è la doccia.. ok.. la uso… ma non è la stessa cosa. Inoltre, credo che possa essere fatta un numero limitato di volte al giorno, anche per motivi pratici. Non tutte le volte che uno va in bagno. Faccio un esempio:
Mettiamo che una persona abbia per un periodo una patologia gastro-intestinale, che sono abbastanza diffuse anche all’estero. A volte portano a evacquare molto spesso. In condizioni del genere può essere necessario lavarsi diverse volte al giorno.
Soprattutto in questi casi, possono esserci anche parti anali più o meno infiammate/ delicate, per non parlare di ragadi, piccole emorroidi ecc.. strofinare con la carta igienica come fanno alcuni, o con altri mezzi non sempre è la migliore soluzione. Potrebbe essere dannoso in certi casi.
Con il bidet in modo molto più delicato e si può riuscire a pulirsi molto meglio che con la sola carta igienica, anche in tempi relativamente brevi. Pare che lo abbia ammesso anche uno studio americano, riportato anche sul Daily Mail. Questo per dire che non sono solo gli italiani a pensare che sia utile, a maggior ragione se altri paesi ne facessero un uso maggiore sarebbe una bella comodità.

Rispondi
Paola 14/04/2019 - 23:57

Ricordo l’articolo che citi. Pare che in America ci sia stato un trend di crescita sulla richiesta di installazioni del bidet. Nel Regno Unito purtroppo vanno molto le salviettine umidificate che non sono proprio così salutari se usate spesso

Rispondi
Cutuli Angelo 05/03/2019 - 7:54

Ottimo resocontò! Per quanto riguarda il bidè il metodo più semplice per sciacquar si è mettere un asciugamano sul bordo del lavandino e sedercesi sopra con una natica e con un appoggio di un piede a terra, per i più piccoli sedersi completamente sperando che il lavandino regga

Rispondi
Paola 05/03/2019 - 13:50

Effettivamente è una buona idea.. Sempre che il lavandino sia stato fissato a dovere!!!

Rispondi
Umberto 14/02/2019 - 3:27

Io lavoro spesso all’estero e il bidet è sempre un grande assente ho imparato a mie spese come lavarmi a pezzi nella vasca o nella doccia senza spogliarmi totalmente ma rimane un accrocchio dettato dal bisogno, negli USA non c’è nemmeno il telefono nella vasca per cui è tutto più difficile ma non riesco a non lavarmi dopo aver usato il bagno.
Bello il tuo articolo anche se devo confessarti che non mi hai totalmente convinto sulla pulizia personale degli anglosassoni.

Rispondi
Paola 14/02/2019 - 20:31

Senza neanche il doccino nella vasca bisogna essere davvero acrobatici! Il British boyfriend per fortuna era davvero pulito (sprecava fin troppa acqua con le sue innumerevoli docce!!!) però ho conosciuto anche molti puzzoni… un vicino per farti un esempio l’avevamo soprannominato Stinky, e ti lascio immaginare il motivo 🙂

Rispondi
pippo corini 02/02/2019 - 3:41

paola ti faccio ridere costco in usa sta vendento bidet commento super

Rispondi
Paola 06/02/2019 - 23:18

Ecco, vedi, hanno scoperto un nuovo business ahahah

Rispondi
Anders 30/01/2019 - 17:22

Ciao , ho letto il tuo articolo con molto interesse, è scritto bene e anche divertente. In merito all’ argomento trattato, ho sempre trovato ingiusto il nostro punto di vista sugli stranieri: hanno semplicemente abitudini diverse dalle nostre e non per questo ne farei una tragedia come molti italiani fanno. Io ho vissuto parecchio all’ estero e non ho mai avuto questi gran problemi pur avendo molta cura della mia igiene personale. Ma penso che purtroppo noi italiani siamo degli igienisti compulsivi, come per l’ assurdo timore di sporcare i piedi! Un timore, per non dire orrore, che non ho mai compreso.
Comunque, tutto questo terrore di non avere il bidet non l’ ho mai capita. Qui in Italia ci guardiamo sbigottiti se pensiamo che uno straniero non usa il bidet poi però andiamo al bancomat e con le stesse mani con cui abbiamo toccato i tasti mangiamo un panino o le portiamo sul naso e in bocca….

Rispondi
Paola 06/02/2019 - 23:15

Ahahah verissimo! A fa impressione vedere i disinfettanti per mani in molti ambienti pubblici inglesi. Probabilmente loro pensano che io sia una zozzona perché non ne faccio mai uso.

Rispondi
Romy 19/01/2019 - 0:38

io considero la doccetta al lato del wc poco praticabile, per gli arabi che hanno la gallabia forse ma con i pantaloni ?, Ti bagni tutto. Dopo essermi pulito con carta igienica, ne prendo un po, la piego, la umidifico leggermente con acqua, finisco per pulirmi cosi quando son fuori casa lo trovo semplice e pratico

Rispondi
Paola 28/01/2019 - 19:15

In questo caso bisogna spogliarsi prima del lavaggio, ma vale lo stesso anche con il bidet. Però la doccetta è ottima nei Paesi caldi!

Rispondi
Luca 10/12/2018 - 12:41

In Portogallo tutte le case hanno il bidet, io ho 3 bagni con 3 bidet

Rispondi
Paola 11/12/2018 - 0:41

Meno male che all’estero ci sono Paesi con le nostre stesse abitudini. Sinceramente non ricordavo questo dettaglio del Portogallo 🙂

Rispondi
Walter Zaccagnini 16/11/2018 - 7:52

Il lavaggio delle parti intime IMHO, è qualcosa di cui non ho mai potuto farne a meno.
Nei paesi arabi, anche nelle più remote oasi, l’acqua accanto alla turca, non mana mai. Negli accampamenti notturni e durante i lunghi tragitti per l’attraversamento del Sahara, lavaggi e risciacqui, con le onnipresenti bottiglie d’acqua. Sfruttare i bordi vasca con il doccino, quando è possibile è d’obbligo. Se non trovate proprio nulla, prendete una sedia che garantisca stabilità, mettetela a bordo del lavabo, saliteci sopra e mettendovi “in retromarcia” sul sul lavabo… Per soddisfare i propri fabbisogni igienici italici, basta avere un po d’inventiva, e si torna ad essere i padroni del mondo!

Rispondi
Paola 16/11/2018 - 17:54

Alla sedia non ci avevo proprio pensato, purtroppo quasi tutti i bagni inglesi che ho ‘visitato’ non avevano sufficiente spazio per la manovra! In compenso anche in molte parti dell’Asia ho trovato un contenitore con l’acqua a disposizione (ahimè spesso troppo stagnante per i nostri gusti occidentali), proprio come racconti tu nei Paesi arabi.

Rispondi
Elisa 02/10/2018 - 14:32

Anche io ho riso moltissimo anche perché questa del bidet è una vicenda a me molto cara.Ho vissuto per anni all’estero ed ho sempre strenuamente difeso e visceralmente lodato il nostro italico bidet. Non è assolutamente sostituibile con il “prendere una doccia…ci sono alcuni esempi di scuola o da manuale che dimostrano l’indispensabilitá del bidet…Il caso ad esempio della diarrea, o del ciclo mestruale delle donne..impensabile fare 10 docce al giorno e scomodissimo ogni altro metodo..compreso il doccino se non si ha la possibilità di sedersi o di divaricare bene le gambe. La posizione a cavalcioni sul bidet è in assoluto quella che garantisce la pulizia completa e l’ottimo risciacquo delle parti intime…evitando così sporcizia o irritazioni da detergenti. Inoltre il bidet è anche ottimo per il pediluvio…Avrei ancora molto da dire al riguardo ma non voglio annoiarvi…perciò w il bidet è w l’italia!!!

Rispondi
Paola 06/10/2018 - 21:16

Dopo anni di frequentazione dell’Inghilterra ancora non ho capito come effettivamente facciano le ragazze durante il ciclo. Non ho ancora trovato il coraggio di chiedere, ma prima o poi lo farò! 😉

Rispondi
Giulio 08/09/2018 - 0:21

uso le salviette o il doccino. Se sono fortunato c’è almeno la vasca, dove mi siedo sul bordo col sedere dentro e le gambe fuori, e mi pulisco col doccino.

Rispondi
Paola 09/09/2018 - 7:55

Il doccino quando c’è vicino al water o vasca è la salvezza, io con le salviette proprio non mi trovo, vanno bene giusto per le emergenze 🙁

Rispondi
Satori Miyake 14/05/2018 - 16:07

Mah…io uso acqua da una bottiglietta da mezzo litro e sapone seduta sil water e funziona a meraviglia. Proprio non concepisco il non lavarsi dopo essere andati in bagno.

Rispondi
Paola 14/05/2018 - 17:19

Una volta abituati al bidet è davvero difficile farne a meno, è molto più comodo di tutte le soluzioni alternative 🙂

Rispondi
Anna 25/04/2018 - 22:56

In olanda ho comprato su Amazon Italia (e credo spediscano in tutto il mondo) il bidet portatile di plastica a 22 euro. Lo tengo in doccia e lo uso con il doccino della doccia. E perfetto, unico difetto é che bisogno svuotarlo un paio di volte perché ovviamente non ha lo scarico e usando acqua corrente si riempie velocemente.

Rispondi
Paola 26/04/2018 - 14:18

Questa è un’altra buona soluzione da segnarmi per la prossima volta che vivrò all’estero per qualche mese. Purtroppo il limite è sempre la dimensione della doccia e – nel mio caso – la passione assurda degli inglesi per le vasche da bagno (io sono una super fan della doccia!)

Rispondi
NonPuòEssereVero 19/03/2018 - 10:54

Io la doccia mattutina la faccio anche in Italia e lo preferisco ☺

Rispondi
Paola 19/03/2018 - 22:45

Io nel creepy flat congelavo, non c’era il riscaldamento in bagno! Meno male che c’era una piscina bellissima a poca distanza e ho fatto tante trasferte di lavoro ahahahah

Rispondi
Ida Testoni 20/04/2018 - 18:37

Sono molto daccordo con cio che scrivi, condivido tutto e propongo di portare a conoscenza in tutto il mondo il metodo asiatico che consiste nel famoso doccino istallato al lato del vater ( metodo favoloso e il piu igenico del mondo , molto meglio del nostro favoloso bidet) io ho viaggiato molto ho vissuto per molti anni nei paesi asiatici , nonostante la nostra grande cultura occidentale, devo riconoscete che il loro metodo” tanto di cappello”. Evviva importiamo il doccino asiatico…..eliminiamo il nostro favoloso bidet ottenendo anche piu spazio nei bagni.

Rispondi
Paola 20/04/2018 - 22:54

Il doccino è davvero favoloso, lo adoro anche io e dopo ogni viaggio in Asia mi chiedo perché non lo usiamo anche noi! Sarebbe praticissimo soprattutto nelle case piccole in cui il bagno sembra un sistema di incastri

Rispondi
Fra Diavolo 26/09/2018 - 18:51

Per usare bene il doccino ci vogliono tre mani: una per il doccino, una per pulirsi il sedere e la terza per appoggiarsi. Comunque, meglio di nient

Rispondi
Paola 30/09/2018 - 12:38

Puoi restare seduta sul water e usarlo come un bidet

Rispondi
Fra Diavolo 29/01/2019 - 11:29

Se hai fatto un corso per spettacoli circensi, forse ce la fai bene. Ma se la tua corporatura non è snella e agile, col doccino sei molto a disagio.

Fra Diavolo 29/01/2019 - 11:32

Comunque, il doccino DOPO il bidet è la cosa migliore

Lucia 07/03/2018 - 23:55

Ciao…..io molto semplicemente o troppo complicatamente mi faccio la doccia dall’ombelico in giù dopo essermi pulita ben bene…..non riuscirei a fare altrimenti! 😀

Rispondi
Paola 08/03/2018 - 0:00

Sicuramente è più pratico, d’inverno però per me era impraticabile perché gelavo per via degli spifferi del creepy flat quindi preferivo fare l’equilibrista 😀

Rispondi
VagabondaInside 04/03/2018 - 17:38

al parte il fatto che ho riso come una matta, mi hai fatto ridere come poche volte perchè mi hai fatto venire in mente quando in Australia non potevo lavarmi e tutto era importante per pulirmi! si perchè odiavo non lavarmi e le alviette umidificate non erano sempre disponibili Specie a lavoro. quindi la carta igienica e fazzoletti erano le uniche soluzioni…poi a casaDOCCIA obbligatoria

Rispondi
Paola 04/03/2018 - 19:16

OMG!!! Allora dovrai raccontarci nel dettaglio la tua esperienza da incubo in Australia!

Rispondi
Alessia 23/02/2018 - 14:08

Mi hai fatto morire dal ridere!!! Nei miei 5 anni in Olanda le ho provate tutte:salviette, catino, bottiglia… Quest’ultima soluzione non era male. Adesso che a Barcellona ho il bidet comunque vivo molto meglio!!!

Rispondi
Paola 23/02/2018 - 14:30

L’hai fatto installare tu? Non mi ricordavo del bidet a Barcellona!!!

Rispondi
Alessia 23/02/2018 - 14:35

No no… Qui quasi tutte le case lo hanno.

Rispondi
Silvia 17/02/2018 - 14:05

io vivo in Francia e sono disperata…mi faccio il bidet con vari bicchieri d’acqua (ho il lavandino vicino, è l’equivalente della bottiglietta d’acqua) ma io sono terrorizzata dall’avere rapporti intimi con i francesi: cioè, vedo i miei colleghi che fanno tutti i loro bisogni a lavoro ma poi siamo sicuri che si fanno la doccia a casa?Una mia collega ha detto di farsi la doccia solo la mattina, quindi il resto poi non se lo lava più durante la giornata…

Rispondi
Paola 18/02/2018 - 9:57

Aiuto! Nell’ultimo anno sono stata spesso in Francia per lavoro e viaggi, e per fortuna non ho conosciuto nessun francese puzzone mentre invece mi ha abbastanza sconvolta il bagno separato, uno stanzino a parte con solo il water senza il lavandino che ho scoperto essere abbastanza comune. In questi casi mi sento sempre in imbarazzo a correre da un pezzo di bagno all’altro però voglio anche lavarmi le mani!

Rispondi
Silvia 18/02/2018 - 13:43

esatto, i miei colleghi non si lavano le mani dopo che vanno al bagno e potrei dirti tante altre cose che fanno (e che non fanno) ma non voglio rovinarti la domenica 😀

Rispondi
Marta 07/02/2018 - 6:53

Questo sconvolgerà tutti! Perché io sono italiana e nn lo uso mai il bidet e sinceramente nn me ne può fregare di meno è come dire… Sono incazzata come un t-rex xké in Italia nn c’è il mac and cheese o il frappuccino e tante altre robe americane! E io che non posso vivere senza frappuccino o mac and cheese cosa dovrei fare? Spararmi? Non ho capito! Italiani… Troppo fissati su tutto quanto e si credono i migliori al mondo!

Rispondi
Paola 07/02/2018 - 21:45

Se ti fai la doccia tutti i giorni ti perdoniamo 😉 Scherzi a parte, ma il mac and cheese e il frappuccino sono davvero il peggio della cultura culinaria americana! Io che bevo solo caffè lunghissimo stile sciacquatura di piatti non ce la posso fare con il frappuccino, da Starbucks ci vado solo per il wifi gratis quando non ci sono alternative (ok per il wifi mangio anche nei fast food, l’avevo anche ammesso pubblicamente in un altro post). Poi ti confesso che appena vedo un Burger King mi mangio il chilly cheese, una porcata senza paragoni di formaggio fritto e peperoncini verdi (non ho idea se esiste anche in Italia!). Ognuno hai suoi peccati però God save the bidet, concedilo ai tuoi connazionali in difficoltà all’estero 😉

Rispondi
Silvia 05/02/2018 - 15:02

Io e mio marito risolviamo così: prendiamo a spanne la misura del buco del water e poi compriamo una bacinella che si incastri. Sì fa un po’di lago intorno, ma è un’ottima alternativa!

Rispondi
Paola 05/02/2018 - 23:48

Mi sembra un’ottima idea, soprattutto quando non puoi/vuoi rifare il bagno!

Rispondi
Stefania CON LA VALIGIA ARANCIONE 26/01/2018 - 16:44

Il bidet è un’icona istituzionale dell’Italia, proprio come la pizza e gli spaghetti!
Quando vivevo in Francia ne ho sentito la mancanza, ma per fortuna ho optato per un appartamento con un bagno con vasca (perché qui di solito hanno la stanza per il water ed una salle de bain con lavabo e doccia o vasca) e come una circense riuscivo a farmi il bidet mattutino! A mali estremi….

Rispondi
Paola 26/01/2018 - 19:14

Omg, la stanza con il water è il mio incubo quando vado in Francia e prenoto con Airbnb… appartamenti bellissimi e senza un punto d’acqua in bagno, neanche per lavarsi le mani dopo!!!

Rispondi
IngegnerErrante 21/01/2018 - 22:32

Ti dico che sono 30 anni che mia zia abita in UK, si é abituata a tutto, ma non alla mancanza del bidet. A me le salviette igienizzanti hanno salvato tanto, ma non sono certo sostituibili con una bel bidet

Rispondi
Paola 21/01/2018 - 23:32

Conosco italiani che se lo sono fatto installare in casa appena hanno potuto 😉

Rispondi
IngegnerErrante 22/01/2018 - 0:00

Anche la mia zia e i miei cugini!

Rispondi
Samanta Berruti 19/01/2018 - 10:36

Una mia amica espatriata a Oslo mi ha introdotta (tenetevi forte) al metodo della bacinella. Con una bacinellina piccola piena d’acqua, insomma, far quello che di norma si farebbe nel bidet. Le salviette urtano la mia coscienza ecologica, ergo in casa ne abbiamo un pacchetto solo per le crisi da assenza di carta igienica della domenica (qua è tutto chiuso), ma il metodo della bottiglietta…buono a sapersi 😀

Rispondi
Paola 19/01/2018 - 22:36

Anche la bacinella non è male come metodo se si ha spazio in bagno!

Rispondi
Laura 19/01/2018 - 8:56

Questo post è simpaticissimo….e molto veritiero! Io non ho mai vissuto all estero, ma vado sempre in vacanza e opto per lo sporgersi sulla vasca, oppure accucciarsi nella doccia, sempre che abbia un ‘telefono’ col filo lungo….perché se fosse fisso alla parete…niente, vado di doccia!

Rispondi
Paola 19/01/2018 - 22:34

Alla comodità del bidet ci pensiamo solo quando siamo all’estero!

Rispondi
Bruna Athena 05/01/2018 - 19:00

Ahahah ma io ci credo che è il post più letto: per me la mancanza del bidet è un male sociale da estirpare

Rispondi
Paola 05/01/2018 - 19:17

Ahahahah ti adoro, citerò la tua frase agli amici inglesi quando mi chiederanno perché noi italiani ne siamo così ossessionati 😀

Rispondi
Giulia 05/01/2018 - 9:46

Ahah io dopo anni all’estero, tra Germania e Ungheria, ho sviluppato una tecnica per farmi il bidet anche senza averlo, però concordo, è una gran rottura di scatole! Le salviette sono terrificanti, per fortuna che qua in Ungheria non si usano spesso, ma in Germania ho visto cose che voi umani…. 😀

Rispondi
Paola 05/01/2018 - 16:43

Ahahah questi comunque sono i veri discorsi tra expats 😉

Rispondi
Giorgia 30/12/2017 - 0:15

Che articolo simpatico! In effetti una delle domande più frequenti degli italiani quando devono andare all’estero è proprio “come farò senza bidet?!?” 😀

Rispondi
Paola 30/12/2017 - 9:47

Sai che è il post più letto di sempre? Pensa che moltissima gente mi trova da Google cercando proprio “come lavarsi senza bidet” ahahah

Rispondi
Francy 13/12/2017 - 11:34

Fortuna che è possibile portarsi in vacanza una doccetta igienica portatile 🙂

Rispondi
Paola 13/12/2017 - 12:35

La doccetta igienica portatile è geniale!

Rispondi
Mary Moretti 05/08/2018 - 15:28

La doccetta igienica portatile, non la conosco, ma penso sia la soluzione migliore!!! Anche se i giovani agili fanno gli equilibristi sulla vasca, i creativi usano le bottiglie di acqua sul water e il volgo muto e senza nome fa altro, o non lo fa, non si capisce, ma mi spiegate come fanno le persone meno agili da potersi sedere a bordo vasca senza cadere, o se non si hanno al momento le bottiglie d’acqua a portata di mano? Quando fai la pipì, la cacca, o hai il ciclo, se non usi acqua e sapone, oltre ad essere più facilmente esposto alle infezioni, sei inavvicinabile per la puzza! Altro che anticorpi!!! Dai!!! Toglietemi tutto, ma non il bidet!!!

Rispondi
Paola 05/08/2018 - 18:53

Ahahahah nella casa dove sono ora a Norwich ho il lavandino attaccato al water quindi ho messo una serie di bottigliette nel mobile sotto il lavandino. La doccetta igienica mi piacerebbe provarla, ma non sono sicura si adatterebbe con facilità. In questo caso per esempio dovrebbe rimanere attaccata al lavandino altrimenti montarla e smontarla ogni volta diventerebbe più faticoso che tornare a fare l’equilibrista!!!

Rispondi
dritteontheroad 02/12/2017 - 10:01

Ho letto divertita questo articolo! Molto interessante! Mi sono sempre domandata come facessero gli inglesi a gestire la situazione igiene intima senza il bidet…

Rispondi
Paola 02/12/2017 - 18:21

Sono le domande esistenziali degli expat 🙂

Rispondi
Sabrina 30/11/2017 - 1:53

Io ho optato per il bidet pieghevole che si trova nei negozi di sanitari ad un costo di 40 euro

Rispondi
Paola 30/11/2017 - 22:54

Non lo conosco, è quello da campeggio?

Rispondi
leciramluce 16/09/2017 - 13:36

Nelle Filippine si usa il “tabo”, molto efficace nei wet toilet. https://en.wikipedia.org/wiki/Tabo_(hygiene)

Rispondi
Paola 17/09/2017 - 11:29

Buono a sapersi! L’ho visto anche in Malesia ed è molto comodo. Nei paesi caldi fare a meno di acqua fresca è impossibile!

Rispondi
Marta 14/09/2017 - 16:29

Per me, il metodo migliore che si avvicina di piu’ al bidet e’ quello di utilizzare una bacinella piccola poggiata sopra al wc – l’ingegno si aguzza in caso di necessita’ 🙂

Rispondi
Marta Frigerio 13/09/2017 - 8:57

L’assenza di un bidet, per quanto possa essere dolorosa, è ancora sopportabile.
La moquette in bagno NO. Non le dovrebbe essere concesso neanche di avvicinarsi al bagno (orrore e raccapriccio).

Comunque ho adorato questo articolo, hai dato voce a tanto di quel disagio interiore che mi è capitato di provare vivendo in paesi anglosassoni! 😀

Rispondi
Paola 13/09/2017 - 22:25

Ahahahah è la dura vita dell’expat
La mia migliore esperienza di moquette in bagno comunque resta il bed & breakfast di Liverpool con effetto palude

Rispondi
Raffaella 12/09/2017 - 11:40

Ecco, il bidet per primo, però pure la storia dei piatti non risciacquati non è che mi andasse molto giù quando ho vissuto in Irlada … comunque c’è speranza … http://www.huffingtonpost.it/2017/04/22/il-bidet-conquista-gli-stati-uniti-vendite-record-mentre-da-no_a_22050776/

Rispondi
Paola 13/09/2017 - 6:44

Sui piatti non risciacquati sto ancora indagando, ma c’è un fondo di verità!!!

Rispondi
Brus 29/11/2017 - 9:50

i componeti chimici del detersivo rimangono sul piatto e sappiamo benissimo che ingerire parti di detersivo non è affatto benefico, anzi

Rispondi
Giovy 12/09/2017 - 10:21

Il mio personale metodo mi porta ad acquistare delle normali salviette umidificate per bimbi. E mi pulisco come fossi un bimbo al quale viene cambiato il pannolino. Ovviamente cerco le salviette (esiste anche già la carta igienica umidificata da portare in viaggio) gettabili nel wc. Cmq mi sento davvero di spezzare una lancia sul fatto che gli inglesi non sono sporchi. Tutti i posti che ho frequentato in UK erano più che spettacolari. E parlo di b&b o di stanze sopra i pub.

Rispondi
Paola 13/09/2017 - 6:43

Ciao Giovy, purtroppo a me anche le salviette per bambini fanno venire irritazione se usate con continuità, meglio la vecchia acqua 😉 Con la doccia mattutina ci si tiene freschi e puliti, ma sul lungo periodo è proprio comodo avere un bidet in casa!

Rispondi
Mirko 10/12/2017 - 12:42

Quando si intende intende sporchi non penso che si intenda nei locali o altro e che comunque nn usando il bidet ma solo salviette a secco cioè senza risciacquo non si è totalmente puliti intimamente… io da uomo tante cose che riguardano l’intimo con una donna mi fa passare il pensiero..

Rispondi
Paola 10/12/2017 - 14:23

L’idea di sporco è un luogo comune e questo blog prende un po’ in giro i luoghi comuni 🙂 Ho conosciuto zozzoni in Inghilterra come in Italia, e oltre alle salviettine anche i gel per le mani che si stanno diffondendo ovunque non mi danno tanto l’idea di pulito come la vecchia acqua e sapone!

Rispondi

Fammi sapere cosa ne pensi con un commento

Questo sito internet usa i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per adempiere alla noiosa burocrazia europea dovresti confermarmi che sei d'accordo. Accetto Privacy & Cookies Policy