Home Appunti di viaggio Come viaggiare in treno con un neonato, secondo Italo Treno
Madonna che allatta di Bernardino Luini

Come viaggiare in treno con un neonato, secondo Italo Treno

11 commenti

L’altro giorno stavo cercando informazioni su come viaggiare in treno con un neonato in vista di una gita fuori porta e sono finita sul blog di Italo Treno che invita le madri ad allattare coperte.

La frase incriminata dice esattamente:

ti servirà un foulard da allattamento, per sentirti sempre a tuo agio in carrozza
Screenshot blog Italo Treno con indicazione di usare un foulard da allattamento
Screenshot del post sul blog di Italo Treno con il consiglio di utilizzare un foulard da allattamento

Come madre e come donna mi sono sentita davvero infastidita da questo suggerimento perché sono convinta che dovrebbero essere le singole persone a decidere se e quando coprirsi. Vale per una minigonna, per una scollatura e anche per nutrire un bambino.

Che ci piaccia o no, siamo mammiferi per cui allattare al seno i nostri figli è un comportamento naturale che non andrebbe censurato.

Comunque per non urtare la sensibilità altrui, le immagini in questo post raffigureranno esclusivamente l’allattamento nelle opere d’arte cristiane. Il fatto che le Madonne con bambino siano meno pudiche di una madre che allatta in treno è solo un dettaglio trascurabile.

Madonna del latte attribuita a Leonardo da Vinci
Madonna del latte attribuita a Leonardo da Vinci, il cui bambino esprime pieno disprezzo verso le anime sensibili che si sentono offese dall’allattamento in pubblico

Leggi e raccomandazioni sull’allattamento

L’allattamento è un argomento caldo per noi madri e blogger. Prima della nascita di mio figlio ho vissuto in Inghilterra dove allattare, cambiare un bambino o anche solo farlo giocare sono attività normali, ma soprattutto facili. C’è addirittura una legge che tutela le madri che allattano, l’Equality Act del 2010.

In Italia purtroppo non ci sono (ancora) leggi che regolano l’allattamento, ma molti punti nascita hanno aderito al progetto “Ospedali amici dei bambini” dove le neomamme vengono formate sui benefici del latte materno e lo stesso Ministero della Salute promuove l’allattamento esclusivo.

Con l’allattamento a richiesta, lo stile di allattamento che viene promosso in ospedale, si nutre il bambino ogni volta che lo richiede. Questo significa che se il bambino ha fame va nutrito, indipendentemente dal fatto che la madre si trovi in casa, al parco o appunto in treno.

La vergine che allatta il bambino di Lucas Cranach il Vecchio
La vergine che allatta il bambino di Lucas Cranach il Vecchio non capisce tutto questo scandalizzarsi per una tetta la vento mentre il suo bambino mangia con la ciccia all’aria

Cosa non funziona nella comunicazione di Italo Treno

I consigli su come viaggiare in treno con un neonato dovrebbero essere del tipo “porta con te il marsupio così riesci a spostarti più velocemente tra un treno e l’altro” oppure “avvisa il capotreno in modo che ti possa dare una mano a scendere con il passeggino se il marciapiede non è all’altezza della porta”.

Punti nascita, OMS, Ministero della Sanità, ospedali, ostetriche e altri professionisti sanitari promuovono attivamente l’allattamento al seno per cui un’azienda che si professa family friendly non dovrebbe suggerire alle madri di coprirsi. L’idea del foulard da allattamento è terribile, non riesco neanche a immaginare la scomodità di mangiare sotto a un lenzuolo.

Madonna di Jehan Fouquet
Il bambino della Madonna di Jehan Fouquet non è affatto turbato dell’esibizione di tetta da parte della sua mamma

Dagli altri post sul blog di Italo Treno, e dai servizi offerti come Italo Famiglia, Bimbi Gratis e Italo Junior, è chiaro che l’azienda punta a far viaggiare le famiglie.

Peccato che i commenti al mio post su Facebook, ricondiviso e riproposto da altre blogger anche su Instagram, siano molto chiari: non ci serve nessun foulard di allattamento per sentirci a nostro agio sul treno.

Allattare è un gesto d’amore, un atto naturale, e non c’è nessuna malizia a nutrire il proprio bambino in pubblico. Spero che Italo Treno lo capisca e corregga al più presto i suoi consigli su come viaggiare in treno con un neonato.

Cosa ne pensate? Scrivetemelo nei commenti, senza coprire vostro figlio con un foulard 😛

Altri post che potrebbero interessarti

11 commenti

Anna Scrigni 27/07/2019 - 21:20

Assurdo! Come fa un’azienda di quelle dimensioni a far passare un messaggio simile? Ho due bambini, la seconda ha 5 mesi adesso e li ho sempre allattati ovunque senza nemmeno chiedermi se fosse il caso o meno di farlo e mai ho sentito il bisogno di coprirmi con un foulard. Le immagini che hai scelto sono bellissime, fanno capire quanto retrograda può essere la società contemporanea su certi argomenti!

Rispondi
Paola 28/07/2019 - 22:19

Dopo aver scritto questo post e iniziato a parlare sui social network del diritto delle mamme di allattare in pubblico sono rimasta senza parole dal numero di persone che ancora si scandalizzano a vedere una mamma allattare. Di recente persino KLM è stata criticata per un comunicato stampa simile…

Rispondi
Elena 02/05/2019 - 10:46

Ahahah, fantastica la tua carrellata… decisamente artistica, in risposta ad Italo! Mitica!

Rispondi
Paola 02/05/2019 - 16:14

Quando ci va, ci va! Ahahahah

Rispondi
diariodeigiornidistratti 01/05/2019 - 7:53

Incredibile come, ancora oggi, in Italia – e sottolineo in Italia- si debba parlare dell’allattamento al seno come un tabù. Hai fatto benissimo a mostrare opere di epoca (anche e non solo) medievale, periodo in cui l’allattamento naturale non era un tabù. Rifletto soprattutto sugli esperti di comunicazione delle grandi aziende. Ricordate la storia della caramella al limone della diretta concorrente di Italo? Il punto è: come è possibile che si in cappi ancora in questo tipo di comunicazione ridicola e approssimativa? Come è possibile che non ci si renda conto che un tipo di comunicazione errata può ledere all’immagine stessa dell’azienda?

Rispondi
Paola 01/05/2019 - 11:48

Hai lanciato una domanda davvero importante. Secondo me le grandi aziende non si rendono ancora conto dell’importanza della comunicazione online e si accontentano di un prodotto approssimativo. Vale per tutti i settori, l’ho visto anche per le banche e società finanziarie più note. Le piccole imprese e le start up invece investono tantissimo in comunicazione e il risultato si vede.
Nel caso di Italo e l’allattamento sono convinta si sia trattato proprio di una mancata attenzione alla comunicazione online – Italo Treno promuove attivamente i viaggi per famiglie – e sarei curiosa di leggere una loro risposta!

Rispondi
Annalisa 30/04/2019 - 13:11

Sono sconvolta! Ancora c’è chi inorridisce dinanzi ad una mamma che allatta in pubblico!?? Però a nessuno da fastidio vedere tette e culi in ogni dove, a partire dai manifesti pubblicitari fini a finire alla provocante tettona che ti sta di fronte in treno, con soli due bottoni allacciati della camicetta e il reggiseno di pizzo bene in vista. O come i due fidanzatini che si passano la lingua dalla bocca alle orecchie in modo così viscido da far venire il voltastomaco! A mio parere quella è volgarità allo stato puro. Non un gesto d’amore. Trenitalia dovrebbe chiedere scusa!

Rispondi
Paola 30/04/2019 - 14:16

Il post era sul blog di Italo Treno, per questa volta Trenitalia è innocente 😉

Rispondi
Annalisa 30/04/2019 - 21:21

peggio!!! Si crede che la scampa solo perché i biglietti costano meno?? Ma anche no! Sono molto adirata

Rispondi
Feddysworld 30/04/2019 - 8:34

Concordo con te! E aggiungo che purtroppo in Italia c’è ancora una società prettamente maschilista e con pensieri di altri tempi, inutile nasconderlo. Ma sicuramente le voci e le penne di chi ha voglia e “coraggio” di farsi sentire sono importanti per un eventuale cambiamento. 🙂

Rispondi
Paola 30/04/2019 - 14:11

Per fortuna siamo in tante e il cambiamento culturale è già in atto 🙂

Rispondi

Fammi sapere cosa ne pensi con un commento

Questo sito internet utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per adempiere alla noiosa burocrazia europea dovresti confermarmi che sei d'accordo. Accetto Privacy & Cookies Policy