Home Appunti di viaggio Interrail: come esplorare la Spagna in treno

Interrail: come esplorare la Spagna in treno

2 commenti

Fiorella di Cronache di viaggi è una viaggiatrice straordinaria che parla diverse lingue e ha vissuto in Germania, Cina e Costa Rica. Di lavoro è una tour leader e travel designer, quindi capite bene che a lei progettare itinerari viene proprio spontaneo. Sul suo blog troverete tantissimi consigli su come viaggiare low cost o visitare destinazioni meno note come il Nicaragua o il Kazakistan, ma anche proposte di viaggi organizzati per scoprire il Kenya con un safari.

In questo post però Fiorella ci racconta del suo viaggio in Interrail in Spagna, di come e perché ha scelto questa destinazione. Se state pensando di organizzare un viaggio in treno di questo tipo vi consiglio di leggere anche come l’Interrail può essere la scelta migliore per scoprire l’Europa in treno.

L’Interrail di Fiorella di Cronache di viaggi

La scelta di Fiorella di scoprire la Spagna in Interrail

Quando ho iniziato a progettare il mio primo Interrail avevo ventidue anni. Era da molto tempo che sognavo di partire per un viaggio a più tappe in Europa, ma per motivi di tempo e per rimanere fedele al mio stile di viaggio ‘lento’ ho finito col concentrarmi su un paese soltanto: la Spagna. Credo che questo in realtà abbia giovato molto alla qualità del mio viaggio.

Per come sono fatta io, perché questo è ciò che mi piace: avere il tempo di sentire mio un luogo, trovarci qualcosa che mi affascina e che mi ci faccia sentire a casa. Tanto meglio se in questo tempo di ‘stallo’ ho anche l’opportunità di ritrovare qualche vecchia conoscenza locale e scambiare due impressioni che vadano oltre la mia prospettiva. In questo modo trovo che il viaggio si arricchisca molto di più!

Ricordi di viaggio del primo Interrail in Spagna di Fiorella di Cronache di viaggi

Come e perché organizzare un viaggio in Interrail in Spagna

Tornando al nostro Interrail, io e un’amica abbiamo colto l’occasione per visitare insieme alcune città della costa orientale spagnola. Complice la presenza di un’altra nostra amicizia
in Spagna, abbiamo disegnato un itinerario di 8 giorni adatto a questa occasione, toccando mete bellissime come Barcellona, Tarragona, Valencia e Madrid.

Destino ha voluto che il mio primo viaggio da sola l’abbia fatto proprio in questo paese! Nutro un particolare legame con alcuni amici e amiche spagnoli/e, con la loro cultura fatta di calore e accoglienza, e la loro lingua affascinante e turbinosa. Dopo una toccata e fuga nel lontano 2010, non vedevo l’ora di ripetere e ampliare l’esperienza. Volevo vedere con i miei occhi le creazioni di Gaudì e Goya, ritrovare vecchi amici e tornare a fare scorpacciate di ottimo cibo spagnolo!

Oltre a questo devo ammettere che la Spagna ha sempre esercitato un forte fascino su di me fin da quando andavo a scuola. Tra le lingue che ho studiato mancava lo spagnolo. Ma c’era qualcosa nel ritmo e nella musicalità di questa lingua che mi incantava, ormai ne avevo fatto una questione di principio impararlo. Avevo bisogno di immergermi in un’atmosfera full-Spanish per imparare a parlarlo. Quale miglior modo se non andare proprio in Spagna?

Per chi è adatto un viaggio in Interrail secondo Fiorella

L’Interrail è per sua natura un viaggio itinerante, dove ci si sposta molto spesso. Bisogna quindi essere pronti a cambiare location potenzialmente ogni giorno. In realtà non è stato il mio caso: nonostante abbia toccato più tappe, mi interessava la qualità della visita, non il numero di quelle accumulate, ma è una libera scelta. Quindi è sicuramente un viaggio adatto a persone dinamiche!

Inoltre, causa gli spostamenti frequenti si finisce col passare tanto tempo sui mezzi di trasporto: a me piace molto viaggiare in treno e l’ho usato spesso, insieme all’autobus, per spostarmi in Spagna. Ma magari non per tutti risulta altrettanto piacevole.

Penso che questo tipo di viaggio richieda anche una certa flessibilità nell’adattare i propri programmi in base agli spostamenti fattibili. Muovendosi via terra le distanze percorribili sono senz’altro ridotte rispetto a quelle che si possono coprire con un volo e occupano anche più tempo.

Il mio consiglio è quindi di informarsi in anticipo su come arrivare da un posto ad un altro, fare le opportune valutazioni in base al proprio interesse e armarsi di tanto spirito d’adattamento. È un’esperienza formativa e di vita, sono convinta che ripaghi in pieno!

Fiorella di Cronache di viaggi durante il suo primo viaggio in Interrail in Spagna

Fiorella ci ha dato diversi spunti su cosa significa viaggiare in Interrail, prima di iniziare a progettare un viaggio di questo tipo dobbiamo innanzitutto capire se siamo disposte a passare molto tempo in treno. Fatemi sapere nei commenti ︎ se è un tipo di viaggio che sentite vostro o se preferite un viaggio più tranquillo, magari sempre in treno!

Altri post che potrebbero interessarti

2 commenti

elena 24/12/2019 - 10:23

Che bel viaggione… e, soprattutto, che lavoro invidiabile svolge Fiorella!

Rispondi
Paola 24/12/2019 - 18:45

Eh sì, l’ho invidiata parecchio pure io

Rispondi

Fammi sapere cosa ne pensi con un commento

Questo sito internet utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per adempiere alla noiosa burocrazia europea dovresti confermarmi che sei d'accordo. Accetto Privacy & Cookies Policy