Home DestinazioniEuropaRegno Unito Guida al Royal wedding di Harry e Meghan per non British
Una foto del matrimonio di Harry e Meghan

Guida al Royal wedding di Harry e Meghan per non British

13 commenti

Finalmente Harry e Meghan si sono sposati e in qualche modo abbiamo partecipato tutte al loro Royal wedding in diretta sulla BBC, attraverso i canali televisivi locali, i giornali e i meme su internet. Ci siamo chieste quale fosse il pensiero di Queen Lizzie su questo matrimonio visto che Meghan è divorziata, perché Pippa si fosse vestita da lattina di tè hipster e perché Victoria Beckham non sorrida mai.

Avevo già scritto della loro sdolcinatissima storia d’amore e sono convinta che questa coppia darà una svecchiata alla noiosa monarchia britannica, spazzando via dai giornali il noiosissimo William e la super perfetta Kate, che odiamo silenziosamente per la sua capacità di camminare sui tacchi poche ore dopo aver partorito. Meghan è tutto quello che la destra inglese odia e che invece la rende così vicina a noi: straniera (americana), divorziata, più vecchia del marito, attrice, meticcia e tante altre caratteristiche normali che vengono presentate come negative.

Gaffe del principe Filippo sui duchi che sposano donne americane

Solo per voi come omaggio del Royal wedding, la gaffe del principe Filippo sui duchi inglesi che sposano donne americane, da pinnare e condividere sui social

Poco prima del matrimonio reale in Inghilterra avevo visto un paio di copertine dei giornali che la attaccavano per le cose più assurde, quando a me sono sempre venuti in mente solo i sacrifici che la povera Meghan ha dovuto fare per poter stare con Harry: rinunciare alla sua carriera, chiudere tutti i suoi account sui social media, compreso un magazine super interessante, per parlare solo attraverso i portavoce della famiglia reale e imparare un protocollo d’altri tempi, solo per citarne alcuni.

Piccolo riassunto su cerimonia e ricevimenti del matrimonio di Harry e Meghan

Per le pochissime tra noi che si sono perse questo evento (non mentite, lo vedo dalle statistiche che vi piacciono i pettegolezzi British!) riassumo di seguito i momenti principali del Royal wedding di Harry e Meghan il 19 maggio 2018.

Harry e Meghan al loro matrimonio, foto Getty Images

Harry e Meghan al loro matrimonio, foto Getty Images

La cerimonia religiosa si è svolta a mezzogiorno nella St George’s Chapel del Castello di Windsor, una cittadina a 34 km da Londra. Al termine è seguito un bagno di folla in una carrozza d’epoca trainata da cavalli attraverso la città per arrivare fino al Castello di Windsor, una delle residenze ufficiali della Regina, dove si è tenuto il ricevimento ufficiale.

Gli invitati alla cerimonia erano circa 600 persone, mentre ai festeggiamenti hanno partecipato circa 2.640 persone tra cui 1.200 persone comuni riconosciute per aver prestato servizio alle comunità locali, 200 amici di Harry e Meghan, 100 alunni delle due scuole locali, 610 membri della comunità locale di Windsor e 530 membri della The Royal Households e Crown Estate, i dipartimenti che si occupano dei beni e degli incarichi pubblici della famiglia reale.

Il vestito da sposa di Meghan è stato disegnato da Clare Waight, il direttore artistico di Givenchy e ci ha stupito per la sua semplicità, abbinato a un velo lungo 5 metri e alla tiara Queen Mary, prestata dalla regina e realizzata nel 1932, alla quale è stato sostituito lo zaffiro centrale con un diamante.

Meghan Markle il giorno del suo matrimonio, foto Getty Images

Meghan Markle mentre entra in chiesa il giorno del suo matrimonio, foto Getty Images

Al termine dei festeggiamenti ufficiali è seguito un altro ricevimento serale, riservato ai 200 amici e parenti, ospitato dal principe Carlo a Frogmore House, un altro palazzo della tenuta di Windsor. Tutti gli invitati si sono cambiati d’abito ed Elton John sembra si sia esibito per gli sposi. Meghan e Harry hanno abbandonato gli abiti da cerimonia per uno smoking e un vestito ancora più semplice senza velo. A me questo secondo vestito di Stella McCartney non è piaciuto per niente perché non amo gli abiti con lo scollo all’americana.

Meghan e Harry al secondo ricevimento per il loro matrimonio, foto Getty Images

Meghan e Harry al secondo ricevimento per il loro matrimonio, foto Getty Images

La torta nunziale per questo secondo ricevimento – la prima era una classica fruit cake come da tradizione – è stata creata da Claire Ptak di Violet Cakes[http://www.violetcakes.com/], una pasticcera americana con sede a Londra, ed era al gusto di limone e fiori di sambuco. A me è venuta l’acquolina in bocca solo a guardarla in foto, è una torta di classe e super appetitosa!

I vestiti delle invitate al Royal wedding

Il momento più eccitante di tutto il matrimonio di Harry e Meghan è stato per noi spettatrici la sfilata di vestiti dall’incredibile all’assurdo delle invitate al Royal wedding. I fascinator, ovvero i cerchietti e cappellini super decorati, sono una grande tradizione sartoriale inglese che vede il suo massimo splendore proprio in questi eventi perché il protocollo impone che tutte le donne della famiglia reale debbano coprirsi la testa durante gli impegni ufficiali.

Di seguito vi propongo una carrellata delle ospiti più apprezzate o disprezzate per la loro scelta in fatto di abbigliamento. Devo ammettere che molte VIP sono per me tutt’ora sconosciute! In ogni caso cliccate sull’immagine sotto per aprire la galleria, le più eleganti secondo me erano Kitty Spencer e Amal Clooney.

Dalla vostra cronista preferita è tutto, passo la linea allo studio! Voi invece lasciatemi un commento su cosa avete amato e odiato di più di questo matrimonio reale.

Altri post che potrebbero interessarti

Fammi sapere cosa ne pensi con un commento

13 commenti

Marina 15/01/2019 - 22:26

Ti leggo solo adesso e se posso permettermi ti segnalo che a proposito della torta c’è un piccolo errore. al wedding breakfast subito dopo la cerimonia è stata servita proprio la torta creativa stile americano alla crema di sambuco e limone, infatti dalla foto si nota il luogo che è la St. George Hall del castello di Windsor. Sono super certa perché negli ultimi quattro mesi ci sono stata due volte in quel salone.

Rispondi
Paola 16/01/2019 - 0:28

Ciao Marina, quando avevo scritto questo post avevo preso tutti i giornali inglesi di gossip a disposizione come fonti. Vero è che non sono sempre molto attendibili. Ho visto che hai un blog molto curato sulla famiglia reale, se hai scritto un post a proposito del matrimonio di Harry e Meghan posso citarti appena rivedo il testo 🙂

Rispondi
Giulia 15/06/2018 - 10:35

Pensavo proprio l’altro giorno a quanti sacrifici ha dovuto fare Meghan per sposare Harry, non deve essere certamente facile la vita nella Royal Family, per quanto lui non abbia un ruolo da protagonista come suo fratello William. Ok che il principe Harry è bonazzo, però che sbatti adattarsi a questo nuovo stile di vita 😀 a me l’abito di lei non dispiace, anche la fa sembrare un po’ castigata. Terribili i vestiti di Eugenia e Beatrice (ma meglio di quelli indossati al matrimonio di William&Kate) e bellissimo quello di Amal Clooney.
Comunque giusto per farsi due risate: in Ungheria traducono il nome William e lo chiamano “il principe Vilmos”, terrificante!

Rispondi
Maria Rita 02/06/2018 - 14:02

Ho saputo del loro matrimonio soltanto nel pomeriggio durante i pettegolezzi in un’uscita di trekking per alleviare le salite. Bellissimi gli abiti, e lei mi piace più di Kate.

Rispondi
Paola 02/06/2018 - 14:35

Meghan è davvero spontanea, speriamo che il protocollo reale non la faccia diventare come Kate!

Rispondi
Stefania C. (Girovagando con Stefania) 25/05/2018 - 15:21

Credo di essere una delle poche persone che non ha seguito il matrimonio, ho guardato ora le foto perché mi piace vedere cosa indossano alle cerimonie gli inglesi che per la verità portano il cappello a tutti i matrimoni! A me è piaciuto molto l’abito della Williams

Rispondi
Paola 25/05/2018 - 19:48

Non sono veri e propri cappelli, sono fascinator, dei cerchietti/cappellini piumati e iper decorati. Nei matrimoni “normali” si usano se lo indossa la madre della sposa, nei matrimoni reali invece sono obbligatori perché il protocollo prevede che le donne debbano avere la testa coperta. Io sono una fan accanita dei fascinator, ne ho persino due in versione unicorno, oltre ai classici piumati, mi mancano solo le occasioni per indossarli!!!

Rispondi
Anna 25/05/2018 - 12:29

Sarò romantica, ma ho adorato questo matrimonio. Mi è piaciuto molto la semplicita del vestito della sposa, e anche il secondo per me era stupendo. Vederli guardarsi negli occhi, sorridere, mi sembravano due ragazzi qualsiasi, innamorati ed emozionati. Spero che le pressioni reali non incrinino la loro semplicita. E vaiiii… ora sono sposati e … vissero per sempre felici e contenti.

Rispondi
Paola 25/05/2018 - 12:37

Qui facciamo tutte il tifo per loro, sono i reali più normali e autentici di tutta la famiglia!

Rispondi
Elizabeth Sunday 25/05/2018 - 10:18

Bell’articolo! Ho amato tantissimo questo matrimonio per la ventata di novità e per la spontaneità del principe Harry: adoro le persone spontanee e lui è stato davvero magnifico nell’essere se stesso. Il vestito di lei era molto elegante proprio perché semplice, eleganza per me è sinonimo di semplicità. Io al contrario di te ho sempre adorato (e portato) gli scolli all’americana, lei ha il fisico che se lo può permettere. Imparo sempre qualcosa di nuovo dai tuoi post sugli inglesi, stavolta la parola “fascinator” 🙂

Rispondi
Paola 25/05/2018 - 11:38

Gli sposi mi piacciono entrambi un sacco proprio per lo stesso motivo! La prossima volta che ci vediamo a Torino ti mostrerò la mia collezione di cerchietti piumati, aspetto solo di riuscire ad andare a una corsa di cavalli per prenderne uno davvero esagerato…

Rispondi
Sara L'Esploratrice 25/05/2018 - 10:05

Posso dire: io c’ero!! È stata una giornata divertentissima e sono riuscita a vedere (e fotografare sfuocati) gli sposi! Comunque a me il secondo vestito di Meghan è piaciuto più del primo 🙂

Rispondi
Paola 25/05/2018 - 11:36

Wow, fantastico!! Se vuoi scrivermi la tua esperienza ti pubblico volentieri un guest post 🙂

Rispondi

Questo sito internet usa i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per adempiere alla noiosa burocrazia europea dovresti confermarmi che sei d'accordo. Accetto Privacy & Cookies Policy