Home DestinazioniEuropaItaliaTorino Museo Egizio di Torino: il più antico museo di antichità egizie del mondo

Museo Egizio di Torino: il più antico museo di antichità egizie del mondo

di Paola

Il Museo Egizio di Torino è il più vecchio museo dedicato alla cultura dell’Antico Egitto, e il secondo museo egizio nel mondo per dimensioni. La sua collezione infatti è seconda solo a quella de Il Cairo! I torinesi ne vanno fierissimi, anche perché lo studio dell’egittologia è fortemente legato alla città e alle vicende di casa Savoia. Negli ultimi anni il Museo Egizio di Torino si è completamente rinnovato, diventando social e scrollandosi di dosso la polvere degli anni.

Un Museo Egizio più vivo che mai

Quello che mi colpisce ogni volta che torno al Museo Egizio sono le continue novità nonostante sia un museo dedicato a una civiltà estinta. Scioperi dei lavoratori di Dehir el-Medina, progetti di architettura funeraria e lettere ai famigliari distanti vengono raccontate su papiri. La scrittura in ieratico o geroglifici è tradotta per noi visitatori grazie al costante lavoro dei ricercatori.

La storia si fa sentire anche nell’edificio scelto per ospitare, da sempre, il Museo Egizio di Torino. Il Collegio
dei Nobili, opera di Guarino Guarini
, è un affascinante palazzo barocco nel centro città che puoi riconoscere dalle enormi statue egizie poste davanti all’ingresso principale. Il Museo Egizio che ricordo nelle mie gite scolastiche era cupo e pauroso. Nel 2015 però gli interni sono stati rivisti completamente creando ampi spazi luminosi e scenografiche gallerie.

Il nuovo ingresso che porta alla biglietteria e al bookshop ti introduce gradualmente nelle epoche passate, con la segnaletica stessa in “stile egizio”. Tutto è curato nei dettagli. Anche durante l’emergenza Covid il museo è riuscito a trovare un punto di incontro tra le necessità di visitatori e staff. Non a caso il Museo Egizio di Torino è uno dei musei italiani più visitati e TripAdvisor l’ha premiato con il suo Travellers’ Choice.

ORGANIZZA IL TUO VIAGGIO A TORINO
Compra la tessera Torino + Piemonte Card per visitare tutti i musei e viaggiare gratis sui mezzi pubblici, oppure scegli la Royal Card per le residenza reali oppure la Torino e Piemonte Contemporary Art Card. Infine prenota un free tour di Torino prima di partire e acquista i biglietti per mostre temporanee ed eventi a Torino.

Com’è nato il Museo Egizio di Torino

La storia stessa della fondazione del Museo Egizio di Torino è avventurosa quanto le prime missioni archeologiche in Egitto. Mentre leggi le didascalie nell’esposizione al piano interrato riesci quasi a immedesimarti nei primi archeologi-avventurieri. Immaginare il vento caldo, la sabbia, i suoni e i rumori dell’Egitto ottocentesco è facilissimo.

La storia del Museo Egizio infatti inizia con Bernardino Drovetti, Console Generale di Francia in Egitto a inizio Ottocento. Bernardino Drovetti aveva acquisito il monopolio di fatto degli scavi delle antichità egizie, che all’epoca andavano molto di moda. Le faceva cercare ai suoi agenti e rivendeva i ritrovamenti in Europa ai musei e alle corti reali. Nel 1824 Carlo Felice di Savoia acquistò quindi una collezione e decise di esporla al pubblico.

Puoi scoprire personaggi ed eventi che hanno portato alla nascita del museo anche sull’avvincente libro La Storia del Museo Egizio. Infatti si sono susseguiti vari avvenimenti importanti per far diventare il museo di Torino il più antico museo di antichità egizie al mondo. Per dare un ordine storico ai reperti, venduti alla rinfusa da Bernardino Drovetti, il primo direttore del Museo Egizio, Ernesto Schiaparelli, promosse degli scavi per studiare la cultura egizia sul campo.

Dal 1900 al 1935 la Missione Archeologica Italiana in Egitto si occupò di cercare e scavare le tombe dei faraoni. Il Museo Egizio di Torino è ricchissimo di reperti – compreso un tempio intero e la tomba completa di Kha e Merit – perché in quel periodo i reperti archeologici venivano divisi tra l’Egitto e le missioni archeologiche internazionali. Oggi non sarebbe più possibile perché tutti i ritrovamenti devono restare in Egitto.

Cosa vedere al Museo Egizio di Torino

Il merito della popolarità che sta vivendo il Museo Egizio negli ultimi anni va al direttore Christian Greco. Lui è un vero mito che ha modernizzato totalmente il museo e guidato il progetto di rinnovo dell’allestimento e del percorso espositivo. Lo puoi conoscere dai video di YouTube Le passeggiate del Direttore nei quali spiega ogni settimana il significato di un reperto esposto. Il mio sogno da travel blogger è fare una visita guidata proprio con lui!

Il Museo Egizio di Torino è davvero grande e la sua collezione è esposta in ordine cronologico. In questo museo puoi scoprire come vivevano gli antichi egizi dell’epoca predinastica e del Medio Regno, e come è cambiata la civiltà egizia nei secoli.

Nell’immaginario collettivo l’Antico Egitto è una cultura monolitica dove il tempo dei faraoni è tutto uguale. Tuttavia visitando il museo potrai accorgerti che la stessa arte funeraria cambia di molto nel corso dei secoli. In particolare durante il regno di Amenofi IV l’arte è completamente diversa, molto più libera e realistica rispetto agli anni precedenti. Il faraone Amenofi IV infatti provò ad avviare una rivoluzione religiosa monoteista, incentivando anche un cambiamento “visivo”!

Anche il modo di scrivere degli egizi non era solo geroglifici. Molti papiri esposti infatti sono in ieratico, una specie di corsivo dei geroglifici, utilizzati invece per i documenti ufficiali dei faraoni. Il modo migliore per scoprire queste curiosità e assorbire tutto il fascino dell’Antico Egitto è una visita guidata con un egittologo del Museo Egizio.

Il Museo Egizio di Torino contiene così tanti oggetti, tra statue e corredi funerari, che una giornata non è sufficiente per orientarti tra le collezioni. Io l’ho visto più di una volta con una guida e torno regolarmente da sola o con mio figlio con l’Abbonamento Musei Piemonte e Valle d’Aosta. Non mi dispiacerebbe però visitarlo di nuovo con un egittologo del museo perché non si finisce mai di scoprire qualcosa di nuovo!

Tomba di Iti e Neferu, foto Museo Egizio Torino
Tomba di Iti e Neferu, foto Museo Egizio Torino

Il villaggio degli artisti di Deir el-Medina

Durante il periodo del Nuovo Regno le tombe dei faraoni vennero spostate nella Valle dei Re, lontano da tutto, per evitare che venissero saccheggiate. Gli artigiani e gli architetti che lavoravano alle tombe vivevano in un villaggio poco distante, Deir el-Medina. Questo borgo era soprannominato “il villaggio degli artisti” perché ospitava numerosi pittori e scultori.

L’importanza del villaggio di Deir el-Medina consiste nel ritrovamento di oggetti e testimonianze di uso quotidiano. Sono reperti molto rari perché le case dell’Antico Egitto erano costruite con mattoni e fango, materiali non adatti a resistere nei secoli.

Tra gli oggetti più curiosi esposti in questa sezione del Museo Egizio di Torino ci sono due papiri molto particolari. In uno è descritto uno sciopero dei lavoratori per il ritardo dei pagamenti, mentre l’altro è la piantina di una tomba usata dagli operai edili.

La Tomba di Kha e Merit

Vicino al villaggio di Deir El-Medina nel 1906 fu ritrovata la tomba di Kha e Merit, architetto di tombe e sua moglie. All’epoca fu una scoperta sensazionale perché non era stata saccheggiata dai ladri di tombe. Il motivo di tanta fortuna era dovuto a una frana. Per secoli l’accesso al pozzo che conduceva alle tombe era rimasto coperto, lasciando visibile solo la cappella funeraria.

Tutto il corredo della tomba di Kha e Merit fu quindi portato a Torino ed esposto al Museo Egizio. Il prezioso libro dalla copertina dorata La tomba di Kha e Merit ti può anticipare cosa troverai in questa sala. Oppure aiutarti ad approfondire il valore di questi reperti unici una volta tornato a casa.

Visitare la sala dedicata a Kha e Merit infatti corrisponde a un emozionante tuffo nel passato. Qui puoi vedere tutti gli oggetti che utilizzavano in vita: vestiti, accessori, strumenti di lavoro, giochi da tavolo e persino cibo!

La Galleria dei Sarcofagi

Nell’Antico Egitto i sarcofagi erano l’equivalente delle nostre bare contemporanee. Nati per contenere il corpo dei defunti, con il tempo diventarono sempre più decorati e complessi, con sarcofagi esterni e intermedi. Tutti i sarcofagi riportano una rappresentazione dei defunti e sono quasi tutti dorati perché li rappresentano come degli dei, la forma che avrebbero assunto nell’aldilà.

Nella Galleria dei Sarcofagi del Museo Egizio di Torino puoi scoprire come è cambiato lo stile delle bare egizie nel corso del tempo. Troverai ricchissime decorazioni, con oro a profusione. C’è persino un sarcofago dallo stile totalmente diverso. La defunta Tamutmutef infatti è rappresentata da viva con una tunica anziché nella classica “posa da morta” dei sarcofagi più classici.

La Valle delle Regine

Le mogli dei faraoni e i membri importanti della corte del Nuovo Regno venivano sepolti poco distanti dalla Valle dei Re, nella Valle delle Regine. In quest’area, nel 1904 gli studiosi della Missione Archeologica Italiana in Egitto del Museo Egizio di Torino scoprirono la tomba di Nefertari, moglie di Ramesse II. Purtroppo la tomba era stata quasi completamente saccheggiata. Puoi quindi vedere solo un modellino della tomba e i pochi oggetti lasciati dai ladri, come i sandali di fibre vegetali intrecciati.

Il Tempio di Ellesiya

Al Museo Egizio di Torino puoi vedere anche un intero tempio che si trovava lungo le rive del Nilo, smontato e ricostruito pezzo per pezzo. Il Tempio di Ellesiya infatti sarebbe stato sommerso dalla costruzione della diga di Nasser. Il Museo Egizio lo ricevette come ricompensa per aver contribuito al suo salvataggio e a quello di altri monumenti, tra cui il famoso spostamento del tempio di Abu Simbel.

Il Tempio di Ellesiya è piccolo, ma molto suggestivo, ed è interamente scavato nella roccia con una forma di T. Puoi proprio entrarci dentro e sentirti come un antico egizio. Sulla parte in fondo puoi vedere Horus e Satet, le divinità a cui è dedicato il tempio, e il faraone Tutmosi III.

Sala con statue del Medio e Nuovo Regno, foto Museo Egizio Torino
Sala con statue del Medio e Nuovo Regno, foto Museo Egizio Torino

Lo statuario del Museo Egizio di Torino

La parte più scenografica del Museo Egizio di Torino è sicuramente lo statuario, conosciuto anche da chi non è appassionato di musei. L’allestimento è davvero emozionante, con luci volte a valorizzare l’imponenza delle statue. Nell’ultima sala del museo puoi passare attraverso una ventina di statue della temibile dea guerriera Sekhmet, con il corpo di donna e testa di leonessa. Non sono tutte uguali, ma provengono tutte dallo stesso tempio. Prova a identificare le differenze e scrivimi nei commenti di questo articolo cosa hai notato!

Come prepararti a visitare il Museo Egizio di Torino

Il Museo Egizio è davvero ricco di oggetti da vedere, alcuni con un significato per noi non esperti quasi incomprensibile come i “cuscini” degli antichi egizi. Per vivere al meglio questa esperienza ti consiglio una visita guidata con un egittologo del Museo Egizio, almeno la prima volta che visiti questo museo. Cambierà davvero il tuo modo di vedere l’Antico Egitto!

La guida cartacea del Museo Egizio

In alternativa, o da leggere a casa per approfondire, ti consiglio la guida cartacea Guida Museo Egizio di Torino. Io adoro le guide dei musei e le uso anche per verificare i contenuti dei miei appunti quando torno a casa.

Guida Museo Egizio di Torino
11,06€
12,00€
disponibile
12 nuovo da 11,06€
2 usato da 12,00€
al 16/05/2021 16:59
Amazon.it

Il Museo Egizio di Torino con bambini

Probabilmente il Museo Egizio non è il primo museo di Torino che associ a una visita con bambini. Tuttavia se viaggi con i tuoi figli ti stupirà il loro interesse nell’Antico Egitto. I più piccoli infatti sono molto curiosi di barche e mummie. I più grandi che hanno iniziato a studiare l’Antico Egitto a scuola invece si divertiranno a vedere dal vivo oggetti e papiri di cui hanno parlato in classe.

Al momento in cui scrivo questo articolo ho visitato il Museo Egizio di Torino già due volte con mio figlio. La prima a un anno e mezzo e la seconda a due anni e mezzo con un suo compagno dell’asilo nido. Gli oggetti esposti che lo hanno affascinato di più sono i modellini di barche e le mummie di animali. Nell’Antico Egitto infatti venivano mummificati anche gli animali da compagnia come gatti, cani e uccelli, e anche animali per il lavoro dei campi come le mucche.

All’ingresso i bambini ricevono un simpatico adesivo di gatto mummia che adorano tenere appiccicato come una spillina sulla maglia durante la visita. Noi abbiamo seguito la visita con la guida cartacea Alla scoperta del Museo Egizio perché entrambe le volte tutte le attività dell’Area 0-6 erano sospese per Covid (tempismo perfetto 😢).

In tempi normali comunque il Museo Egizio di Torino offre delle fantastiche attività per bambini, tra cui un’area apposita in cui giocare ai piccoli archeologi e scavare amuleti egizi nella sabbia.

Sala con reperti del Medio Regno, foto Museo Egizio Torino
Sala con reperti del Medio Regno, foto Museo Egizio Torino

Libri per bambini per prepararsi a visitare il Museo Egizio

Prima di visitare il Museo Egizio di Torino ti consiglio di leggere insieme a tuo figlio qualche libro sull’Antico Egitto. I bambini più grandicelli ti faranno infatti millemila domande. I più piccoli invece vorranno sapere tutto sulle mummie di animali e sui modellini di barche presenti nelle tombe.

Questi sono i libri che ho letto con mio figlio prima delle nostre visite:

Pimpa va al Museo egizio
7,12€
7,50€
disponibile
11 nuovo da 3,00€
al 16/05/2021 16:59
Amazon.it
Alla scoperta del Museo egizio. I segreti della terra dei faraoni
10,00€
disponibile
9 nuovo da 9,50€
al 16/05/2021 16:59
Amazon.it
A Visitor's Guide to Ancient Egypt (in inglese)
42,86€
disponibile
2 usato da 42,86€
al 16/05/2021 16:59
Amazon.it

Perché visitare il Museo Egizio di Torino

Il Museo Egizio di Torino è uno dei miei musei preferiti che consiglio a tutti: agli appassionati di storia, a chi vuole vedere un’allestimento davvero scenografico, a chi viaggia con bambini, ma anche a chi vuole solo scoprire qualcosa di nuovo. Si tratta infatti di uno dei musei più belli e meglio organizzati in cui sia stata e a ogni nuova visita acquisisce fascino.

Inoltre il Museo Egizio di Torino è un museo in cui tornare regolarmente. Il lavoro dietro le quinte degli egittologi infatti contribuisce ad aggiornare l’esposizione ogni anno, con traduzioni di papiri e mostre temporanee. La cura con cui sono realizzate le guide e le attività per bambini lo rende infine un museo davvero adatto a tutta la famiglia.

Informazioni pratiche per visitare il Museo Egizio di Torino

AGGIORNAMENTO COVID
Il Museo Egizio adegua giorni e orari di apertura alle norme regionali legate al Covid. Per entrare sono obbligatorie mascherina e misurazione della temperatura. Lungo il percorso di visita puoi trovare diverse dispenser di gel igienizzante, mentre le sale possono ospitare un numero massimo di persone per volta per mantenere la distanza tra i visitatori.
Riguardo all’accesso ti invito a verificare sul sito del museo se devi prenotare online o se la biglietteria è aperta. Tutte le attività per i bambini invece sono temporaneamente sospese.

Il Museo Egizio si trova nel centro di Torino, a pochi passi dalle attrazioni e principali punti turistici. Puoi raggiungerlo con la metropolitana (fermata Porta Nuova e poi una decina di minuti a piedi) oppure in bus. La via del museo è pedonale quindi nessun mezzo pubblico si ferma esattamente lì davanti. Una passeggiata a piedi in compenso ti farà scoprire la scenografica architettura torinese.

📍 Museo Egizio di Torino
Via Accademia delle Scienze, 6
10123 Torino

Scrivimi nei commenti se conoscevi già questo museo torinese, quando l’hai visitato e cosa ti ha colpito di più del Museo Egizio!

HOTEL A TORINO
Prenota subito il tuo hotel su Booking.com prima di partire!

Booking.com

📌 Salva questo articolo su Pinterest

.

Altri post che potrebbero interessarti

Fammi sapere cosa ne pensi con un commento

Questo sito internet utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Conferma se sei d'accordo o leggi come vengono utilizzati i tuoi dati. Accetto Privacy & Cookies Policy