Home DestinazioniMedio OrienteEmirati Arabi Dove vedere la Dubai antica e il quartiere storico Al Fahidi

Dove vedere la Dubai antica e il quartiere storico Al Fahidi

di Paola

Attraversando Dubai in auto, specialmente sull’enorme strada a più corsie Sheikh Zayed Road, è praticamente impossibile immaginarti la città prima dei grattacieli. Eppure Dubai ha una storia molto antica. Parte dalle antiche tradizioni beduine per passare dall’espansione dell’Islam, fino alla scoperta del petrolio e all’indipendenza dal protettorato britannico nel secolo scorso. Negli ultimi anni il governo di Dubai ha rivalutato le aree più antiche della città, oggi punti di interesse da non perdere per i turisti. In questo articolo ti porto nel cuore più antico di Dubai, alla scoperta di storia e tradizioni dell’emirato più visitato.

Dubai storica e tradizionale: dove puoi trovarla oggi

La prima volta che ho visitato Dubai, all’incirca a inizio Duemila, ero rimasta abbastanza delusa per non aver trovato nulla di storico. Nulla che potesse corrispondere alla parte vecchia della città. All’epoca, il forte Al Fahidi non era ancora stato ristrutturato e si trovava al centro di lavori in corso. Il quartiere Al Fahidi Historical Neighbourhood, dove oggi puoi ammirare la tradizionale architettura araba con le torri del vento, portava ancora il vecchio nome di Bastakiya ed era trascurato dalle visite guidate che ti portavano sotto ai grattacieli più alti di Dubai.

Immagina quindi la mia delusione di non aver trovato un’area antica e tradizionale come la intendiamo in Europa. A differenza che nelle nostre città, negli Emirati Arabi Uniti la Storia non è ricordata dai monumenti e dagli edifici storici, quanto dalle tradizioni beduine, tramandate da generazioni. A Dubai non vedrai palazzi antichi semplicemente perché all’epoca non esistevano.

Prima dell’avvento del petrolio e dei grattacieli, le case degli emirati erano quasi tutte capanne beduine costruite con le fronde della palma da dattero. L’edificio più antico che puoi vedere a Dubai è il forte Al Fahidi, datato solo 1787. I siti storici che puoi vedere oggi nell’emirato sono infatti esclusivamente il forte e il quartiereAl Fahidi Historical Neighbourhood (exBastakiya) entrambi ristrutturati e resi accessibili ai turisti.

Un’altra parte della città tradizionale sono i Souk dell’Oro e delle Spezie. Tuttavia rispetto ad altri mercati mediorientali hanno un aspetto molto più arioso e moderno e sono letteralmente circondati dai grattacieli della Dubai moderna. Puoi vedere l’architettura tradizionale di Dubai anche nel centro commerciale Souk Madinat e nell’hotel Al Seef Heritage Hotel Dubai, ma in questo caso si tratta di ricostruzioni, seppur bellissime da vedere.

A parte questi pochi esempi di architettura tradizionale e quartieri storici, puoi trovare le tradizioni di Dubai nel modo di vivere degli emiratini. La cultura araba tradizionale infatti vive ancora oggi nel modo in cui vengono accolti gli ospiti nelle case emiratine, con caffè e datteri in un salotto apposito chiamato majlis. Anche il modo in cui viene servito il caffè, con un apposito rituale, trova le sue radici nella tradizione beduina degli Emirati Arabi Uniti.

Ingresso del quartiere Al Fahidi Historical District, ex Bastakiya
Ingresso del quartiere Al Fahidi Historical District, ex Bastakiya, con case storiche restaurate e ricostruzione di un campo beduino

Il quartiere storico Al Fahidi: le attività da non perdere

Arrivando al quartiere storicoAl Fahidi Historical Neighbourhood potresti confonderti con i vicini quartieri di Shindagha o Al Seef. Quest’ultimo a prima vista sembra nello stesso stile arabo tradizionale, ma in realtà ricostruito con criteri moderni. Shindagha quasi si fonde con il quartiere Al Fahidi, dove si trova l’omonimo forte.

Un tempo l’Al Fahidi Historical Neighbourhood era conosciuto comeBastakiya, nome di origine iraniana. Curiosamente le uniche case di mattoni presenti a Dubai erano state costruite proprio dai mercanti iraniani che lì vi si erano stabiliti nei secoli passati. Gli emiratini infatti non costruivano case fatte per durare perché erano seminomadi.

Con la riqualificazione urbana, oggiBastakiya si chiama a tutti gli effetti solo piùAl Fahidi Historical Neighbourhood ed è uno splendido quartiere pedonale dagli stretti vicoli tra casette a basse a un piano, con torri del vento per il raffrescamento dell’aria.

Visitare il forte Al Fahidi

Il forte Al Fahidi ospita il Dubai Museum, il museo cittadino di Dubai che racconta la storia dell’emirato. Al momento in cui scrivo è ancora chiuso per ristrutturazione e sono molto curiosa di rivederlo. La prima volta che avevo visitato Dubai infatti non mi era piaciuto per nulla, l’avevo trovato un museo sciatto e poco interessante. I nuovi musei di Dubai però sono spettacolari. Hanno tutti installazioni interattive davvero futuristiche, per cui spero che anche il museo del forte Al Fahidi sia all’altezza dell’attuale panorama museale cittadino.

Riguardo all’edificio in cui si trova il museo, la fortezza Al Fahidi è il più antico edificio di Dubai antica. Costruito nel 1787, il forte Al Fahidi venne utilizzato come residenza reale, fortezza difensiva, arsenale militare e prigione. Divenne infine un museo nel 1971, anno in cui si formarono gli Emirati Arabi Uniti.

Girare per il quartiere storico Al Fahidi

L’Al Fahidi Historical Neighbourhood è composto da strutture quasi completamente originali del Novecento, ristrutturate secondo i criteri dell’epoca. La parte più caratteristica, specialmente se ti accosti per la prima volta all’architettura araba, sono letradizionali torri del vento, costruite con pietra, legno e gesso, funzionanti come un sistema di aria condizionata naturale che permetteva all’aria più fresca di circolare nelle stanze e a quella più calda di uscire dalle aperture in alto.

Gironzolare per ilquartiere storico Al Fahidi è il modo migliore per immaginare la vita a Dubai prima della nascita degli Emirati Arabi Uniti. Le case tradizionali ospitano musei e gallerie d’arte, mentre nel quartiere vengono spesso organizzati eventi culturali. Ti consiglio di partire dal centro culturaleSheikh Mohammed Centre for Cultural Understanding perché questo ente che si occupa di diffondere la cultura emiratina organizza splendidi tour all’interno del quartiere.

Se preferisci gironzolare da sola, tra i musei più curiosi dell’Al Fahidi Historical Neighbourhood ci sono sicuramente il Coffee Museum, il Coin Museum e la casa della calligrafia Dar Al Khatt. Il Coffee Museum è un museo privato da non perdere se vuoi scoprire tutto sul tradizionale caffè emiratino, molto diverso dagli altri tipi di caffè. Negli Emirati Arabi Uniti infatti il caffè è servito quasi come un tè, seguendo regole tramandate da generazioni. Nel Museo del Caffè di Dubai potrai gustarlo preparato sul momento e scoprire tutto sul suo aroma.

Al Coin Museum invece puoi vedere le monete utilizzate nella penisola arabica prima dell’indipendenza. Sono esposte oltre 470 monete rare dell’Impero britannico, utilizzate in India e nelle altre colonie. La casa della calligrafia Dar Al Khatt invece offre lezioni sulla calligrafia araba e spiegazioni sul suo uso artistico. Come vedi un giro nel quartiere storico di Al Fahidi è un vero e proprio tutto nella cultura emiratina!

Caffetteria con galleria d'arte nel quartiere storico di Al Fahidi a Dubai
Caffetteria con galleria d’arte nel quartiere storico di Al Fahidi a Dubai

Il quartiere storico Shindagha

Il Shindagha historic district viene spesso confuso con il vicinissimo quartiere storico di Al Fahidi, ma in realtà sono due aree distinte. Shindagha infatti è l’area di Dubai affacciata sul Creek in cui fino agli anni Cinquanta del secolo scorso viveva la famiglia regnante di Dubai.

L’area complessiva dei due quartieri storici di Shindagha e Al Fahidi copre circa tre chilometri. È molto facile passare da un quartiere all’altro alla ricerca di un museo o di una galleria d’arte. La ristrutturazione delShindagha historic district rientra nel programma di candidatura della vecchia Dubai a patrimonio UNESCO.

Nel quartiere storico di Shindagha puoi visitare alcuni interessanti musei: Perfume House, Crossroads of Civilization Museum e Sheikh Saeed Al Maktoum House. LaSheikh Saeed Al Maktoum House è la casa natale del nonno dell’attuale sceicco regnante di Dubai. Al suo interno puoi vedere fotografie della città prima della scoperta del petrolio, del Creek e di festività tradizionali, oltre a foto di famiglia.

IlCrossroads of Civilization Museum è un museo privato che racconta il ruolo di Dubai come incrocio di civiltà, terra di connessione tra est e ovest. Molto interessante per scoprire i traffici commerciali che passavano dalla penisola arabica già dai tempi di greci, romani e babilonesi. La Perfume House invece è un piccolo museo del profumo in cui puoi imparare tutto sui tradizionali profumi arabi, dalla creazione delle essenze al loro ruolo nella cultura emiratina.

Il quartiere Al Seef tra tradizione e modernità

Un quartiere nuovo, ma che riprende l’architettura araba tradizionale, con tanto di finte torri del vento, è Al Seef. A due passi dai quartieri storici di Al Fahidi e Shindagha, è un modo carino per vivere l’atmosfera emiratina con una passeggiata lungo il Creek tra negozi di artigianato e profumerie.

Nel quartiere di Al Seef si trova anche un hotel diffuso, l’unico in Dubai, pensato per dormire in una vera casa emiratina tradizionale, ma con tutti gli agi degli hotel a cinque stelle, aria condizionata compresa. Ti consiglio un soggiorno al Al Seef Heritage Hotel Dubai Curio Collection by Hilton sia per l’esperienza in sé che per la posizione unica accanto ai quartieri storici di Dubai.

L’hotel diffuso è davvero stupendo, con camere arredate in stile arabo e all’interno di un contesto pedonale. Da qui puoi spostarti tranquillamente a piedi, nelle ore meno calde del giorno, tra i musei e i vicoli della vecchia Dubai per scoprire la sua anima nascosta dai grattacieli.

Al Seef Heritage Hotel Dubai Curio Collection by Hilton
Al Seef Heritage Hotel Dubai Curio Collection by Hilton

Altri luoghi per scoprire storia e tradizioni di Dubai

Oltre alla zona dell’Al Fahidi Historical Neighbourhood, per comprendere a fondo la storia di Dubai e degli Emirati Arabi Uniti ti consiglio di visitare il museo Etihad, un edificio dall’architettura spettacolare, che racconta la storia dell’indipendenza degli Stati della Tregua e la nascita degli Emirati Arabi Uniti. Questi eventi sono più recenti perché avvenuti negli anni Settanta del secolo scorso, ma fondamentali per capire la storia di Dubai. La città infatti nell’arco di una ventina d’anni si è completamente trasformata da villaggio di pescatori a città di grattacieli.

Infine, non puoi capire Dubai e gli Emirati Arabi Uniti se non comprendi la loro cultura basata sull’Islam. Per questo una visita alla Moschea di Jumeirah, l’unica aperta ai non musulmani, può davvero darti uno sguardo diverso sull’emirato più turistico, famoso per il lusso e i suoi eccessi. Qui puoi vedere come il vecchio e il nuovo, le tradizioni e la modernità coesistono nella stessa città.

Visitare l’Etihad Museum

Gli eventi che hanno trasformato gli emirati della penisola arabica da Stati della Tregua in Stati moderni e indipendenti sono meno antichi, ma assolutamente storici. Per scoprire questa parte di Storia e come sono nati gli Emirati Arabi Uniti, non perderti l’Etihad Museum. Si trova esattamente nel punto in cui sorgeva la Union House, il luogo nel quale fu firmata la Costituzione degli Emirati Arabi Uniti nel 1971.

Nell’Etihad Museum puoi vedere tantissimo materiale storico sulla scoperta del petrolio e sui cambiamenti che hanno dovuto affrontare gli emirati Abu Dhabi, Ajman, Dubai, Fujaira, Ras al-Khaimah, Sharja e Umm al-Qaywayn dall’indipendenza dal protettorato britannico.

Acquista online i biglietti per visitare l’Etihad Museum

Esterno dell'Etihad Museum a Dubai
Esterno dell’Etihad Museum a Dubai

Visitare la moschea di Jumeirah

L’Islam è la religione principale degli Emirati Arabi Uniti ed è un vero e proprio stile di vita, più che una religione in cui frequentare la comunità di appartenenza nel giorno festivo come in Occidente. I suoi principi enunciati nel Corano infatti vengono applicati nella vita di ogni giorno, a partire dalle cinque preghiere quotidiane. La religione musulmana infatti detta una serie di principi da seguire sia riguardo alla famiglia che cosa mangiare o come vestirsi.

Per questo motivo non puoi pensare di scoprire cultura e tradizioni di Dubai senza dare importanza alla religione islamica. Per fortuna puoi approfondire l’argomento visitando la Moschea di Jumeirah, l’unica moschea di Dubai aperta ai non musulmani. Tutti i giorni, escluso il venerdì che equivale alla nostra domenica, la Moschea di Jumeirah è aperta ai turisti con tour guidati gestiti dal centro cultualeSheikh Mohammed Centre for Cultural Understanding, lo stesso che si occupa delle visite all’Al Fahidi Historical Neighbourhood.

Le visite guidate alla Moschea di Jumeirah comprendono spiegazioni dettagliate sullo stile di vita e sulla religione musulmana, con approfondimenti su riti, tradizioni, gastronomia e festività islamiche. Durante il tour è possibile anche assaggiare il caffè arabo e i datteri. Inoltre i bambini sono i benvenuti, con visite guidate su misura per loro. Se ti interessa visitare la Moschea di Jumeirah ricorda solo che per l’ingresso è richiesto un abbigliamento sobrio, con capo e spalle coperte per le donne.

Moschea di Jumeirah a Dubai
Moschea di Jumeirah a Dubai

Dubai antica: cultura e tradizione dietro il lusso sfrenato

Come vedi a Dubai la cultura araba c’è ancora ed è ben radicata, bisogna solo saperla cercare dietro lo scintillio dei grattacieli. In questo articolo hai letto qualche informazione per partire con la tua ricerca e scoperta. Quello che ho notato io rispetto al mio primo viaggio a Dubai è che ora è lo stesso governo emiratino a voler mettere in luce gli aspetti tradizionali di Dubai.

Durante il mio primissimo viaggio a Dubai avevo vissuto una città senz’anima, dove l’unico punto di interesse storico era il forte Al Fahidi. Prima della ristrutturazione si trattava di un piccolo museo con un allestimento davvero poco attraente. La stessa guida aveva condotto il mio gruppo di turisti sotto il Burj Al Arab e il Burj Khalifa, tralasciando di raccontarci come erano nati gli Emirati Arabi Uniti.

Oggi per fortuna hai tante occasioni per scoprire Dubai prima del petrolio e dell’indipendenza, sia visitando musei moderni e interattivi, sia passeggiando nelle aree storiche totalmente ristrutturate e ripristinate. Scrivimi nei commenti cosa ne pensi di questa rivalutazione della Dubai antica e se ti interessa questa visita alternativa in una città famosa per i grattacieli sempre più alti.

.

Altri post che potrebbero interessarti

Fammi sapere cosa ne pensi con un commento

Questo sito internet utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Conferma se sei d'accordo o leggi come vengono utilizzati i tuoi dati. Accetto Privacy & Cookies Policy