Home DestinazioniEuropaFrancia Il museo dell’aviazione Air + Espace a Parigi Le Bourget dove vedere biplani e concorde
Museo aviazione di Parigi

Il museo dell’aviazione Air + Espace a Parigi Le Bourget dove vedere biplani e concorde

5 commenti

Nel periodo in cui ho lavorato a nord di Parigi sono stata anche a Le Bourget, un sobborgo decisamente brutto e anonimo, che si salva solo grazie al suo museo dell’aviazione Air + Espace, un museo sulle conquiste dell’aria e dello spazio. In attesa della nuova fermata della metropolitana, da Parigi i bus 350, 152 o 148 ci portano direttamente alla fermata Musée de l’Air et de l’Espace, riconoscibile per i tre aerei impalati davanti all’ingresso del museo. Il viaggio dura mezz’ora, ma secondo me ne vale assolutamente la pena

Il museo dell’aviazione Air + Espace si trova in un vero aeroporto

Se qualche volta abbiamo volato da/a Charles de Gaulle o Orly il nome Aéroports de Paris non ci è nuovo. Si tratta della società che gestisce questi aeroporti più quello di Le Bourget, dove si trova il museo dell’aviazione. Questo piccolo scalo è infatti un vero aeroporto, oggi attivo per lo più per gli aerei privati, e deve restare disponibile anche per il traffico aereo nazionale e internazionale straordinario.

L’aeroporto di Le Bourget aprì nel 1919 e fu il primo aeroporto civile di Parigi. Nel 1927 ospitò l’atterraggio di Charles Lindbergh e del suo monomotore Spirit of Saint Louis dopo la traversata atlantica, un’impresa all’epoca davvero notevole.

La parte storica dell’aeroporto fu poi ridisegnata nel 1935 dall’architetto Georges Labro e la nuova struttura dell’aeroporto Le Bourget di Parigi venne inaugurata nel 1937 per un’esposizione internazionale. Durante la seconda guerra mondiale Le Bourget fu seriamente danneggiato, ma venne subito ricostruito uguale a prima per riprendere il suo servizio di aeroporto cittadino fino al 1970.

La storia del museo Air + Espace, da Chalais-Meudon a Le Bourget

Anche la storia del museo dell’aviazione Air + Espace si incrocia con eventi storici, proprio come quella dell’aeroporto de Le Bourget. Il primo museo dell’aria e dello spazio fu inaugurato nel 1921 a Chalais Meudon e chiuso dai tedeschi durante l’occupazione della seconda guerra mondiale (i tedeschi dovevano avercela in modo particolare con gli aeroporti).

Nel 1973 le esposizioni del museo dell’aviazione vennero in parte trasferite da Chalais Meudon all’aeroporto Le Bourget di Parigi che qualche anno prima aveva perso importanza come scalo. Con la nascita dell’aeroporto di Parigi Charles de Gaulle l’anno successivo, il museo venne trasferito definitivamente a Le Bourget, e arricchito dei vari pezzi di aerei e razzi spaziali dispersi negli aeroporti vicini.

Logo museo aviazione di Parigi

Il logo del museo dell’aviazione Air + Espace a Le Bourget, Parigi

Cosa vedere al museo dell’aviazione di Parigi

Nel museo dell’aviazione di Parigi Air + Espace si trovano aerei e razzi spaziali di tutti i tipi, in un percorso molto curato che ricostruisce la storia dell’aviazione nel dettaglio.

Si parte dal debutto dell’aviazione con motori, navicelle, prototipi e dirigibili per poi passare ad un’area interamente dedicata alla guerra aerea del 1914-1918. Se allo scoppio della prima guerra mondiale gli aerei erano utilizzati principalmente per la ricognizione, in breve tempo i piloti dovettero impegnarsi nei combattimenti con aerei nemici (ecco da dove è nato il rancore dei tedeschi). Inutile dire quanto sia emozionante vedere dal vivo tutti quei biplani.

Tra le attrazioni spiccano anche l’aereo supersonico Concorde, visitabile con un biglietto extra, diversi elicotteri e aerogiri, oltre a degli aerei da guerra più moderni. Una sala imperdibile è quella dedicata alla conquista spaziale: razzi, sonde metereologiche e informazioni scientifiche dettagliate vi faranno rivivere la storia della conquista dello spazio. Dal viaggio dello Sputnik al razzo Ariane 5, passando per il progetto Apollo, quest’area vi farà tornare la voglia di diventare astronauti!

Esterno museo aviazione di Parigi

Esterno del museo dell’aviazione Air + Espace a Le Bourget, Parigi

Attualmente il museo si sta rinnovando quindi fino a fine 2018 non sarà possibile visitarlo integralmente il museo è ancora in ristrutturazione, controllare gli aggiornamenti sul sito Air + Espace. Una parte delle sale aperte e la pista con aerei e razzi sono comunque visibili gratuitamente quindi il viaggio vale assolutamente la pena.

Scrivetemi nei commenti se conoscevate già questo museo di Parigi, bellissimo da visitare da sole o con bambini, famiglia e fidanzati!

Altri post che potrebbero interessarti

5 commenti

Elisa 29/03/2018 - 14:30

Saremo a Parigi a luglio per una settimana e questo museo non l’ho trovato indicato da nessuna parte e in nessuna guida… ma essendo con due bambini mi cascherebbe a fagiolo! Loro apprezzeranno sicuramente. Anche se parzialmente chiuso forse qualcosa si riuscirà a vedere, che dici?

Rispondi
Paola 30/03/2018 - 10:03

Io ero andata che era già in ristrutturazione ed erano chiuse solo un paio di sale. Il museo ha comunque così tanto materiale esposto che ci avevo passato un pomeriggio pieno! Non è esattamente a Parigi, ma a Le Bourget, lo raggiungi comodamente con il bus. In più con un biglietto extra puoi salire e visitare un concorde parcheggiato lì 🙂

Rispondi
Elisa 30/03/2018 - 12:53

Messo nel programma! In sette giorni è probabile che ci si faccia! Grazie!

Rispondi
claireinsicily 29/03/2018 - 14:01

Ho vissuto a Parigi e non ho mai sentito parlare di questo museo. Dato che in famiglia siamo amanti di velivoli (marito pilota, io ex assistente di volo) sarebbe bello andarci!

Rispondi
Paola 30/03/2018 - 9:59

L’Air + Espace è davvero carino, piacerebbe molto anche ai tuoi bambini perché c’è un esposizione enorme di aerei e razzi spaziali (quale bambino resisterebbe???). Ho guardato sul sito ed è ancora in fase di rinnovamento, ma ci sono abbastanza sale visitabili da valere il viaggio 🙂

Rispondi

Fammi sapere cosa ne pensi con un commento

Questo sito internet usa i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per adempiere alla noiosa burocrazia europea dovresti confermarmi che sei d'accordo. Accetto Privacy & Cookies Policy