Home Appunti di viaggio Guida definitiva ai pannolini da piscina da portare in vacanza
Britalian baby in piscina a Tirrenia

Guida definitiva ai pannolini da piscina da portare in vacanza

2 commenti

Dopo i primi mesi di panico, sono diventata abbastanza brava a ridurre le dimensioni dei bagagli formato famiglia. Al mare con mio figlio però la valigia è di nuovo esplosa tra salvagente, formine, abbigliamento e pannolini. Per evitare di lasciare a casa i vestiti o raddoppiare il numero di valigie ho trovato un’ottima soluzione salvaspazio nei pannolini lavabili da piscina. Rispetto ai pacchi di pannolini usa e getta da piscina, due pannolini contenitivi riutilizzabili sono infatti sufficienti per una vacanza al mare di dieci giorni, e fanno pure bene all’ambiente.

Quando utilizzare i pannolini lavabili da piscina

Nelle piscine, sia quelle classiche e che in quelle degli hotel, i neonati e bambini piccoli devono sempre indossare dei pannolini contenitivi. Se vi state chiedendo come fanno i pannolini da piscina a distinguere la pipì dall’acqua, la risposta è che il pannolino da piscina non serve a trattenere i liquidi, ferma solo l’eventuale fuoriuscita di feci.

Non è una questione estetica o di decoro, tutte le piscine aperte al pubblico hanno delle regole di igiene ben precise da seguire, con controlli periodici. In caso di (bleah) feci in piscina la procedura prevede infatti di far uscire tutti i bagnanti, recuperare con il retino gli elementi galleggianti ed effettuare un trattamento di disinfezione dell’acqua che può durare diverse ore. Ecco perché i pannolini contenitivi sono sempre obbligatori.

Perché non è possibile usare i pannolini tradizionali in piscina

Se state pensando di risparmiare e far galleggiare i vostri pargoli con un pannolino usa e getta tradizionale, sappiate subito che non è una buona idea perché non sono pensati per venire immersi in acqua. Quando sono pieni di liquidi i pannolini tradizionali tendono infatti a gonfiarsi e in piscina rischierebbero pure di sfilarsi tra una sgambettata e l’altra, con possibile fuoriuscita di m… materiale organico.

Perché è una buona idea usare i costumini contenitivi anche al mare

Assodato che in vacanza nelle piscine degli hotel i costumini contenitivi sono obbligatori, in spiaggia molte mamme preferiscono lasciare i bambini nudi. I piccoletti ovviamente apprezzano sempre stare senza vestiti, eppure fare indossare loro un pannolino lavabile anche in spiaggia è una buona idea.

Fino a tre/quattro anni infatti la pelle dei bambini è molto delicata e se i nostri piccoli demoni frugoletti non vogliono stare fermi sull’asciugamano possono facilmente scottarsi o irritarsi la pelle a forza di rotolarsi nella sabbia. Per evitare questi problemi (e rovinarci le vacanze) secondo me è un’ottima soluzione fargli indossare anche in spiaggia un pannolino lavabile da piscina, magari coordinato a una maglietta con protezione dai raggi UV.

Britalian baby in piscina a Torino con il set nuoto Bambino Mio
Il costumino contenitivo e la maglietta anti raggi UV sono perfetti anche per una giornata in una piscina all’aperto. Qui siamo in piscina a Torino e il Britalian baby indossa il set nuoto Bambino Mio

Quali e quanti tipi di pannolini da piscina esistono

Per il mare e la piscina esistono diverse alternative ai pannolini usa e getta tradizionali, sia lavabili e riutilizzabili che usa e getta, pensati apposta per essere immersi in acqua. I pannolini da piscina vengono chiamati in modi diversi: pannolini da piscina, pannolini da mare, pannolini impermeabili, pannolini da nuoto, pannolini lavabili da piscina, pannolini contenitivi, ecc. Comunque li vogliamo chiamare, i pannolini da piscina si dividono tra usa e getta e riutilizzabili.

I pannolini da piscina usa e getta

Appena iniziamo a pensare alle vacanze al mare, o a un corso di acquaticità per i nostri bambini, i primi pannolini da piscina che ci vengono proposti sono quelli usa e getta pensati a questo scopo. Si trovano sia in farmacia che nei negozi di articoli sportivi come Decathlon e vengono venduti a pacchi esattamente come i pannolini usa e getta tradizionali.

Tra tipi usa e getta, la differenza tra i pannolini normali e quelli specifici da piscina consiste nel nucleo assorbente che nei secondi non si gonfia a contatto con l’acqua. Il fatto che non si gonfino, non vuol dire però che non si riempiano…

Altra cosa da segnalare alle neomamme, i pannolini da piscina usa e getta non andrebbero mai indossati in spiaggia perché il materiale plastico dello strato esterno potrebbe scaldare troppo la zona genitale. Inoltre non trattengono la pipì quindi fuori dall’acqua non servono. Molte mamme comunque li preferiscono perché così non devono lavare proprio nulla.

Pannolino da piscina usa e getta marca Decathlon
Pannolino da piscina usa e getta marca Decathlon

I pannolini contenitivi lavabili da piscina

Visto i lati negativi dei pannolini da piscina usa e getta, mi sono informata sulle alternative riutilizzabili e ho scoperto che esistono diversi modelli di pannolini lavabili da mare e da piscina, e possono essere utilizzati sia in acqua che in spiaggia. Alcuni pannolini contenitivi assorbono anche la pipì perché hanno uno strato interno assorbente in materiali naturali o uno strato impermeabile nascosto all’interno, mentre altri hanno invece una retina.

In genere comunque i pannolini riutilizzabili da piscina sono composti da un materiale elastico come un costume da bagno e permettono all’acqua di fuoriuscire, trattenendo però le feci grazie agli elastici su cosce e girovita.

Perché preferire un pannolino da piscina riutilizzabile

Per i pannolini di tutti i giorni fino a oggi ho sempre utilizzato quelli usa e getta, pur consapevole di non fare una scelta molto ecologica. Non doverli lavare li rende molto pratici, mentre per quanto riguarda i pannolini da piscina ho considerato aspetti diversi.

I pannolini usa e getta da piscina si possono usare solo in acqua e per una giornata tra mare e piscina dovrei utilizzarne uno per ogni bagno. Immaginate quindi il numero di pannolini necessario con un bambino entra e esce dall’acqua per giocare con le formine e con la sabbia.

Inoltre se andiamo in vacanza in una zona mal servita da supermercati o farmacie, consideriamo che due o tre pannolini contenitivi lavabili fanno risparmiare moltissimo spazio in valigia rispetto ai pannolini da piscina usa e getta. Quando sono andata in vacanza al mare un quarto del mio trolley era occupato dai pannolini tradizionali; se avessi portato anche i pannolini da piscina usa e getta non avrei più avuto spazio per i vestiti!

I pannolini contenitivi da piscina riutilizzabili vengono inoltre prodotti in un’infinità di modelli, fantasie e colori diversi, a volte anche abbinati a wet bag, magliette che filtrano i raggi UV e materassini per il cambio. Sono davvero molto belli da vedere, sicuramente più dei modelli plasticosi usa e getta.

I modelli di costumini contenitivi e pannolini lavabili da piscina

Per un viaggio di dieci giorni o un’intera estate tra mare e piscina, sono sufficienti due o tre pannolini da piscina lavabili. Ci sono differenti modelli, sia regolabili con una forma a pannolino che dei veri e propri costumini contenitivi, questi ultimi adatti anche ai bambini di due o tre anni che stanno imparando ad andare in bagno da soli visto che a prima vista non si distinguono dai costumi normali.

Per la prima estate al mare del mio bimbo ho provato entrambi i modelli, non sapevo come orientarmi nella scelta e quali fossero le differenze. Sia i pannolini lavabili regolabili che i costumini contenitivi si trovano in diverse qualità e fasce di prezzo. Qualsiasi sia la nostra scelta, se pensiamo di utilizzarli spesso ci conviene acquistarli di una marca affidabile per avere la certezza di poterli lavare in lavatrice innumerevoli volte (nessuno ama lavare via la cacca e la pipì a mano, eh).

I pannolini lavabili da piscina regolabili

I primi pannolini riutilizzabili da piscina che ho acquistato per mio figlio sono stati di questo tipo. Subito non ero sicura fosse una buona idea scegliere i pannolini lavabili così mi sono buttata sul risparmio e li ho presi della marca Alvababy che è molto economica. Se però vi piace l’idea del pannolino lavabile da piscina e pensate di usarli tanto, un pannolino riutilizzabile di fascia medio alta potrebbe essere una scelta migliore perché pur essendo molto resistenti non hanno l’interno particolamente morbido.

Gli elastici in vita e intorno alle gambe sono rinforzati per fare da barriera contenitiva e non far fuoriuscire nulla. I modelli di Alvababy che ho acquistato io avevano l’interno in retina, altre marche invece li producono con l’interno in una maglia più morbida. Anche la retina è ottima per trattenere le feci, semplicemente è meno morbida al tatto. Preciso comunque che mio figlio non si è assolutamente lamentato della fodera interna, preso com’era a esplorare spiaggia e piscina!

I costumi contenitivi regolabili hanno taglia unica e si regolano con i bottoncini a pressione che ne ricoprono tutta la superficie. Con tutti questi bottoncini bianchi sono effettivamente meno carini rispetto ai costumini a taglie, ma possono essere utilizzati per bambini dai tre ai sedici chili a seconda delle marche. Proprio per questo motivo, secondo me i pannolini lavabili da piscina regolabili possono essere una buona scelta per chi vuole provarli senza spendere troppo.

I costumini contenitivi a mutandina

Dopo essermi appassionata ai pannolini da piscina lavabili ho provato anche i costumini contenitivi e li ho trovati ancora più belli e pratici. I modelli a costumino ve li consiglio totalmente, sono perfetti da far indossare anche ai bambini più vivaci. L’unica accortezza che dobbiamo avere è quella di verificare bene le misure e la vestibilità prima di acquistarli online perché non sono regolabili.

I costumini contenitivi, come i pannolini lavabili da piscina, sono rinforzati ed elasticizzati sia in vita che sul giro coscia per impedire le fuoriuscite. La differenza è che i costumini contenitivi sembrano costumini normali, hanno taglie diverse in base a età e peso del bambino, e si mettono e tolgono come qualsiasi costume.

Alcuni modelli hanno anche un laccio in vita per stringerli e regolarli meglio. Sono però tutti super pratici, specialmente se i nostri bambini non hanno la pazienza di aspettare la chiusura di tutti i bottoncini prima di tornare a giocare. L’interno dei costumini contenitivi può essere sia in retina che in cotone, quest’ultimo molto più morbido e confortevole.

Del modello di pannolini lavabili a costumino contenitivo ho provato il set nuoto Bambino Mio e mi è subito piaciuto per la sua comodità e cura dei dettagli. I costumini contenitivi di questa marca vengono realizzati in diverse fantasie marine, una più carina dell’altra, e sono abbinabili ai vari accessori, come il top nuoto che ripara dai raggi UV, la borsa impermeabile wet bag dove mettere i costumini bagnati e il fasciatoio portatile impermeabile.

Dopo averli provati, ho scritto una recensione completa sui costumini contenitivi da piscina Bambino Mio in cui ho spiegato in modo approfondito perché possono essere la scelta migliore tra i pannolini da piscina lavabili se pensiamo di andare spesso al mare o in piscina con i nostri bambini.

La mia opinione sui pannolini lavabili da piscina

Per me i costumini contenitivi e i pannolini lavabili da piscina sono stati una scoperta fantastica che mi ha permesso di ridurre lo spazio in valigia dedicato ai pannolini quando siamo andati al mare. Proprio perché non occupano spazio extra possiamo metterne sempre uno in valigia anche quando programmiamo solo un fine settimana nel caso il nostro hotel abbia una piscina interna.

I pannolini da piscina riutilizzabili sono anche bellissimi da vedere e disponibili in tantissime fantasie diverse. Per mio figlio ho scelto fantasie a tema marino sia per i pannolini regolabili da piscina che per i costumini contenitivi, ma sono disponibili anche a fiori, frutta e altre stampe ancora.

Oltre al lato estetico, che batte sicuramente gli usa e getta, i pannolini da piscina fanno anche bene all’ambiente perché sono riutilizzabili più e più volte, per poi essere passati ad altri bambini perché in base alla mia esperienza sono indistruttibili se trattati secondo le indicazioni del produttore.

Fatemi sapere nei commenti ⬇︎ se conoscevate già i pannolini lavabili da piscina e quali usate per i vostri bambini.

Altri post che potrebbero interessarti

2 commenti

Speranza 14/09/2019 - 16:18

Interessante questo post sui pannolini da piscina. Anche se non sono mamma li ritengo utili per l’igiene sia del bambino che per gli altri fruitori di spiagge e piscine.

Rispondi
Paola 14/09/2019 - 23:19

Da quando sono diventata mamma mi si è aperto un mondo tra le necessità dei bambini e la ricerca di prodotti eco-compatibili, credo che questo sarà solo il primo dei post sulle mie scoperte 🙂 Per quanto riguarda mare e piscine comunque i regolamenti sono molto più restrittivi verso i bambini che verso il pubblico; nell’hotel in cui ero per esempio i bambini potevano andare solo nella piscina piccola anche se erano attrezzati con il pannolino apposito.

Rispondi

Fammi sapere cosa ne pensi con un commento

Questo sito internet utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per adempiere alla noiosa burocrazia europea dovresti confermarmi che sei d'accordo. Accetto Privacy & Cookies Policy