Home DestinazioniEuropaItalia I toret, le tipiche fontane di Torino dalla testa di toro
Un toret visto di profilo. I toret sono le tipiche fontane in ghisa di Torino con la testa di toro

I toret, le tipiche fontane di Torino dalla testa di toro

13 commenti

Insieme alla Mole Antonelliana e ai gianduiotti, i toret sono uno dei simboli di Torino più amati. Queste caratteristiche fontanelle verdi in ghisa sono decorate con una testa di toro e il loro nome toret in piemontese significa proprio piccolo toro. Sono davvero particolari perché l’acqua esce dalla testa del toro, mentre a terra c’è una griglia di scolo con uno spazio per far bere gli animali.

I toretti in funzione sono oggi 813, disseminati in tutta la città di Torino. Secondo alcune fonti i classici toret verdi in ghisa risalgono alla fine dell’800, mentre per altre sono state installati nei primi anni ’30. Il dubbio nasce perché a Torino ci sono sia toretti classici che toretti in pietra, questi ultimi installati maggiormente in collina e nei parchi monumentali.

Oggi  tutti i toret sono tutti collegati all’acquedotto cittadino, ma alcune leggende metropolitane giurano il contrario perché in origine le fontane pubbliche erano collegate alle tubature che arrivavano dal Pian della Mussa.

Qualsiasi sia la loro origine, i torinesi e i turisti apprezzano moltissimo i toretti perché sono sempre in funzione, estate e inverno. Quando sono in giro per Torino io stessa ricarico spessissimo la mia bottiglia d’acqua da queste fontanelle pubbliche. In città ci sono centinaia di toret, tutti con acqua potabile, quindi almeno a Torino possiamo pensare all’ambiente e diminuire il nostro consumo di bottigliette di plastica.

Paola Bertoni tra due toret a Torino

Foto Turin style con il Britalian baby in mezzo a due fontane toret nel centro di Torino con tanto di maglietta e borraccia con il logo I love Toret, foto Virginia Barinaga Ʌir Fotografía in stage presso Plastikwombat

Leggende metropolitane e curiosità sulle fontanelle di Torino

Il toretto di piazza Rivoli è forse il più famoso perché molti torinesi sono ancora convinti che eroghi acqua di sorgente invece della comune acqua di acquedotto. L’origine di questa leggenda metropolitana deriva dal fatto che i primi toret installati erano collegati alla sorgente del Pian della Mussa.

La SMAT, la società che gestisce l’acquedotto torinese, ha smentito più volte la leggenda metropolitana, specificando che la fontanella di piazza Rivoli è connessa all’acquedotto come gli altri toretti ed eroga comune acqua di rubinetto. Nonostante questo, fino ai primi anni 2000, intorno alla fontana si potevano vedere spesso persone munite di taniche e bottiglioni per fare scorta di acqua!

Per i torinesi i toret sono assolutamente intoccabili. Qualsiasi proposta di rimodernamento delle fontane pubbliche è stata respinta al mittente per direttissima. Le ultime due idee proposte dalle amministrazioni comunali, bocciate al volo, furono quelle di far ridipingere tutti toretti da artisti contemporanei e di sostituire quelli in centro città con un nuovo modello in pietra.

I torinesi sono abitanti generalmente schivi e tranquilli, dei bogianen, ma quest’ultima proposta li fece infuriare così tanto che avviarono una campagna spontanea di lettere di protesta e telefonate. Curiosamente la rabbia popolare fu indirizzata alla Soprintendente ai Beni Architettonici che non c’entrava nulla con la proposta del Comune!

Per farvi capire il livello di indignazione, La Stampa, lo storico quotidiano torinese, lanciò un sondaggio online e il 96% dei 7.000 votanti si espresse per mantenere i tradizionali toret verdi così com’erano.

A conferma della loro importanza per la città, i toret sono oggi uno dei simboli riprodotti nella linea ufficiale dei souvenir di Torino, ObjecTO. Inoltre anche l’associazione I Love Toret ha creato una serie di oggetti sul tema delle amatissime fontanelle taurine.

Paola Bertoni davanti a un toret di Torino

Qui mi potete vedere mentre promuovo attivamente l’utilizzo delle fontane torinesi esibendo la maglietta e la borraccia con il logo I love Toret. Foto Virginia Barinaga Ʌir Fotografía in stage presso Plastikwombat

L’associazione I Love Toret per gli amanti dei toretti

I Love Toret è un’associazione di promozione sociale nata nel 2012 con il progetto di tutelare e valorizzare i toret, le amatissime fontanelle verdi con la testa di toro. Oltre a diffondere l’immagine dei toretti attraverso magliette, borracce, ecc. di cui vi avevo parlato nel post sui regali alternativi, I Love Toret organizza anche eventi e iniziative per far conoscere le fontanelle.

Grazie a I Love Toret, la passione per i toret è uscita dalla città per arrivare fino a Panama e in Australia con le adozioni a distanza di alcune fontanelle. Con l’adozione di un toret noi cittadini o turisti diventiamo parte attiva della sua conservazione e valorizzazione, controllando che siano sempre presenti e in funzione. Se invece abitiamo distante possiamo manifestare il nostro apprezzamento per l’iniziativa adottandolo a distanza.

Le app per trovare i toret

I Love Toret ha anche creato l’app iToret per iOS per trovare il toretto più vicino e segnalare le nostre bevute. Esiste anche l’app Fontane di Torino maps per Android, sempre con l’elenco dei toretti cittadini, ma non sembra collegata all’associazione I Love Toret.

L’app ilovetoret per iOS è stata invece creata in collaborazione con SMAT, la società che gestisce l’acquedotto torinese. Con quest’app il toretto dovrebbe comunicare con il nostro telefono per informarci sulla qualità dell’acqua, sulla storia del quartiere e sui suoi monumenti più significativi. Il sito di SMAT ci informa che il servizio partirà inizialmente su cinque toret in zona centrale. Le fontanelle prescelte sono quelle di piazza Castello, piazza San Carlo, piazza Vittorio Veneto, piazza Bernini e presso la stazione ferroviaria di Porta Susa.

Come fare per avere un vero toret nelle nostre case

Un’ultima curiosità sulle fontanelle torinesi riguarda la possibilità di comprarne una da mettere in giardino, identica all’originale, presso le Fonderie Lamperti che si occupano della loro produzione. Il loro sito ci informa che possiamo averne una “in ghisa grigia lamellare con fondo antiruggine e finitura in colore verde Ral 6009” per il modico prezzo di € 1.159 IVA inclusa.

Conoscevate già i mitici toret? Fatemi sapere nei commenti se anche nelle vostre città sono presenti delle fontanelle così iconiche e non dimenticate di riempire la vostra borraccia mentre siete a Torino!

Altri post che potrebbero interessarti

Fammi sapere cosa ne pensi con un commento

13 commenti

Katja 16/05/2019 - 9:55

Ne ho sentito tanto parlare e finalmente anche io potrò riempiere la mia boraccia d’acqua dai Toret: domenica sarò a Torino!

Rispondi
Paola 20/05/2019 - 21:48

E abbiamo anche le foto che testimoniano la tua gita 🙂

Rispondi
Katja 28/05/2019 - 10:33

Ovviamente sotto la pioggia!! 🙂

Rispondi
Valeria 30/04/2019 - 21:34

Le volte che sono stata a Torino mi sono stati di enorme aiuto, visto che bevo tantissima acqua! Non conoscevo tutti i dettagli sulla loro storia né l’affetto che i torinesi provano per queste fontanelle, ma condivido in pieno. Da un lato è bello che ci siano proposte che incentivino l’arte (e a Torino ci sono davvero tante belle iniziative), ma è anche bello preservare i simboli della città così come sono 🙂

Rispondi
Paola 30/04/2019 - 22:10

Quando vado in altre città senza fontane mi chiedo come facciano a sopravvivere d’estate i poveri residenti 😉

Rispondi
Noemi Ginosa 19/04/2019 - 11:33

Sono stata a Torino ma non avevo mai notato o sentito parlare dei toret! La storia che esiste un app per trovarli è fantastica 🙂 per Pasqua ci andrò di nuovo con i miei genitori che vengono a trovarmi a Milano, dopo aver letto questo
Articolo li cercherò come i ragazzini cercano i pokemon

Rispondi
Paola 19/04/2019 - 13:46

E pensa che alcuni toret sono pure dei Pokestop quindi puoi davvero cercarli con il gioco dei Pokemon ahahah

Rispondi
Alessandra 19/04/2019 - 9:38

Sono piemontese, ma non conoscevo i toret. Un elemento del passato che anche in epoca moderna ha la sua funzione ‘ecologica’. E bravi i torinesi!

Rispondi
Paola 19/04/2019 - 11:26

Io li apprezzo tantissimo specialmente d’estate. Credo di siano salvati negli anni per il loro valore storico più che ecologico però 😉

Rispondi
Giovy Malfiori 19/04/2019 - 8:57

Io trovo la presenza delle fontane con acqua potabile un gran segno di civiltà assoluta. Dovrebbero esserci sempre (e manutentate nel modo giusto), un po’ ovunque. Come i bagni pubblici.

Rispondi
Paola 19/04/2019 - 11:25

Concordo. Riguardo ai bagni pubblici siamo così disabituati al fatto che siano un bene comune che quasi nessuno sa dove siano al parco vicino a casa mia. Eppure ci sono e anche abbastanza decenti (forse perché sconosciuti ai più?)

Rispondi
iltuopostonelmondo 19/04/2019 - 8:18

Sono rientrata da Torino la scorsa settimana e mi credi che sto rosicando tantissimo per non aver letto in tempo il tuo articolo?
Non ho dato la giusta importanza a queste fontane, uffa!

Rispondi
Paola 19/04/2019 - 11:23

Oh no! Per noi torinesi i toret sono davvero qualcosa di sacro, pensa che riescono a mettere d’accordo tutti indipendentemente dalla fede politica o calcistica 😛

Rispondi

Questo sito internet usa i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per adempiere alla noiosa burocrazia europea dovresti confermarmi che sei d'accordo. Accetto Privacy & Cookies Policy