Home DestinazioniEuropaItalia Capire il cambiamento climatico con l’experience exhibition di National Geographic
Fotografia di Mauricio Lima esposta nella mostra Capire il cambiamento climatico di National Geographic

Capire il cambiamento climatico con l’experience exhibition di National Geographic

0 commento

Ecologia e ambiente sono dei temi caldi per chiunque ami viaggiare o vivere in modo consapevole. Per capire il cambiamento climatico National Geographic ha organizzato un’experience exhibition con immagini di grande impatto, giochi interattivi e informazioni per imparare quanto i nostri comportamenti impattano sull’ambiente. Io l’ho visitata durante la tappa del 2020 al Museo Archeologico Nazionale di Napoli, ma dopo essere stata già a Milano questa mostra continuerà a girare l’Italia fino a fine maggio 2020, fermandosi a Torino, Roma, Verona e Bari.

Il nostro pianeta è davvero in pericolo?

Mi sono sempre considerata una persona abbastanza attenta ai temi ambientali: non ho un’auto di proprietà da anni, in casa ho installato infissi isolanti con i doppi vetri, elettrodomestici classe A+ e lampadine led, faccio la raccolta differenziata in modo consapevole, consumo pochissima carne, e quando possibile mi sposto a piedi o con i mezzi pubblici. Prima di vedere l’experience exhibition di National Geographic devo però confessarvi di non aver mai preso troppo sul serio il cambiamento climatico in corso, anzi ho ovviato al problema dell’aumento delle temperature decidendo di passare gli ultimi mesi di agosto in Inghilterra o in montagna dove invece qualche grado in più ha reso il soggiorno più piacevole del solito.

La mostra Capire il cambiamento climatico mi ha però aperto gli occhi: siamo in un periodo storico in cui negli ultimi anni si stanno susseguendo incendi, alluvioni, devastazioni varie, e pandemie. Il coronavirus – che non è neanche citato perché è arrivato dopo – è stata solo la pandemia più eclatante perché ha colpito il mondo industrializzato, ma ne abbiamo avute altre prima. Parallelamente gli ambientalisti come Greta Thunberg e gli studenti del Friday For Future si stanno moltiplicando e manifestano incessantemente per garantire un futuro alle prossime generazioni.

Luca Mercalli ci spiega come questa mostra può aiutarci a capire con semplicità l’impatto del riscaldamento globale

Cosa aspettarci dalla mostra Capire il cambiamento climatico

La mostra Capire il cambiamento climatico – Experience exhibition promossa da National Geographic e curata da Luca Mercalli, Presidente della Società Meteorologica Italiana, ci aiuta a comprendere con esempi reali, giochi e immagini di grande impatto gli effetti davvero catastrofici del cambiamento climatico. Nel percorso espositivo passiamo attraverso ambienti paradisiaci che si trasformano in modo catastrofico dopo l’intervento dell’uomo.

Le incantevoli e impressionanti immagini che ci accompagnano attraverso l’experience exhibition sono fotografie realizzate nel corso di tre decenni da fotografi internazionali – Paul Nicklen, Melissa Farlow, Pete McBride, James Balog, Gerd Ludwig, e Joel Sartore – per conto di National Geographic e tracciano la progressione dei cambiamenti climatici.

Come si sviluppa il percorso della mostra Capire il cambiamento climatico

La mostra Capire il cambiamento climatico mi ha stupito perché è davvero un’experience exhibition come dice il suo nome: entrando passiamo in mezzo a immagini di una natura rigogliosa e lussureggiante per poi trovarci subito dopo davanti alle catastrofi dovute al cambiamento climatico, prima di scoprire come le scelte politiche, economiche e culturali possono influire sull’ambiente.

Il percorso della mostra è suddiviso in tre ambienti su quattro sale:

L’emozione del mondo

Nella prima e nella seconda sala l’experience exhibition di National Geographic racconta l’emozione del mondo. La prima sala accoglie i visitatori con fotografie mozzafiato di una natura rigogliosa e incontaminata, con paesaggi ghiacciati, fiumi e mari, foreste e verde a perdita d’occhio. Accompagnati dai suoni della natura gli abitanti del nostro pianeta ci presentano il loro habitat: l’orso polare per il ghiaccio, la tartaruga marina per l’acqua, l’elefante asiatico per la terra, e l’uomo per… la plastica!

La seconda sala è molto più drammatica, in totale contrasto con la precedente. Le fotografie ci fanno scoprire gli ambienti devastati per colpa dell’inquinamento, mentre le notizie costantemente aggiornate sui fenomeni in atto ci raccontano come stiamo distruggendo il nostro pianeta.

Le scelte quotidiane

La terza sala è dedicata alla consapevolezza e ci invita a misurare l’impatto sull’ambiente dei nostri gesti quotidiani attraverso giochi interattivi adatti a tutti. Sappiamo fare correttamente la raccolta differenziata? Il nostro stile di vita quanto contribuisce alla distruzione del nostro pianeta?

I dati sullo stato del pianeta

Nella quarta sala possiamo invece scoprire attraverso delle infografiche i dati scientifici riguardanti lo stato del nostro pianeta e immaginare quale potrà esser lo scenario dei prossimi anni se non cambiamo il nostro modo di vivere e consumare.

La prima sala della mostra Capire il cambiamento climatico – Experience exhibition di National Geographic con l'ambiente acquatico presentato dalla specie animale delle tartarughe marine
Il primo ambiente della mostra Capire il cambiamento climatico che ci introduce nel mondo acquatico delle tartarughe marine con le immagini mozzafiato di National Geographic

Perché vedere la mostra Capire il cambiamento climatico

La mostra Capire il cambiamento climatico di National Geographic ci mette davanti ai pericoli reali del riscaldamento globale che stiamo causando. Visitandola ho scoperto – leggendo dati reali – come nell’ultimo secolo la temperatura della Terra sia aumentata di oltre un grado Celsius e il 2018 sia stato il quarto anno più caldo della storia a livello globale. Forse sono informazioni mainstream, ma vederli spiegati con immagini e giochi interattivi ha avuto su di me un impatto totalmente diverso che sentirmi il solito spiegone ecologico.

Ho scoperto anche come i cambiamenti causati della riduzione dei ghiacci perenni e dell’innalzamento del livello del mare danneggiano la produzione alimentare, minacciano specie animali in via d’estinzione e provocano eventi estremi sempre più intensi e frequenti. Siccità, incendi nelle foreste, caldo intenso, alluvioni e fusione accelerata dei ghiacci polari sono conseguenze dirette del riscaldamento globale e ormai avvengono con frequenze troppo ravvicinate per rientrare nella normale variabilità climatica del passato.

Allarmante? Sicuramente, ma la mostra Capire il cambiamento climatico – Experience exhibition è stata anche molto coinvolgente e l’ho trovata adatta a tutti, bambini compresi. Se avete la fortuna di trovarvi in una delle città in cui farà tappa appena riapriranno i musei dopo la pandemia del coronavirus non perdetevela perché è davvero illuminante su come i nostri comportamenti quotidiani possano influire direttamente sui disastri globali.

📌 Capire il cambiamento climatico – Experience exhibition
Milano, Napoli, Torino, Roma, Verona, Bari

Prima di prenotare i biglietti per la mostra o andare a cercare la vostra impronta ecologica su internet, lasciatemi un commento ⬇︎ per dirmi quanta attenzione ponete ai temi ecologici e quali comportamenti virtuosi state mettendo in atto per arginare il problema del surriscaldamento globale.

Altri post che potrebbero interessarti

Fammi sapere cosa ne pensi con un commento

Questo sito internet utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per adempiere alla noiosa burocrazia europea dovresti confermarmi che sei d'accordo. Accetto Privacy & Cookies Policy