Home DestinazioniEuropaItaliaTorino Il Museo dell’Automobile di Torino: un viaggio nella storia dell’auto

Il Museo dell’Automobile di Torino: un viaggio nella storia dell’auto

di Paola

Il Museo dell’Automobile di Torino, abbreviato in MAUTO, è considerato uno dei 50 migliori musei del mondo e racconta storia e design delle autovetture attraverso un percorso che parte dalle auto a vapore per arrivare ai prototipi di auto elettriche, passando per le vetture da corsa. Assolutamente da non perdere se sei appassionata di auto o viaggi con bambini di tutte le età!

Prenota ora la tua visita guidata al Museo dell’Automobile di Torino

Perché visitare il Museo dell’Automobile di Torino

Pur essendo torinese da anni, sono andata al Museo dell’Automobile solo quando mio figlio ha iniziato a interessarsi alle macchinine. Quando vedo auto d’epoca infatti penso solo a quanto dovevano essere scomode. Per me l’automobile ideale dovrebbe essere completamente automatica con zero manutenzione!

Oggi la maggior parte della produzione automobilistica avviene altrove, ma nell’immaginario collettivo Torino è sempre la città dell’automobile e della Fiat. Vedere il Museo dell’Automobile è quindi quasi un passaggio obbligato per i turisti.

Il MAUTO valorizza l’eredità industriale della città e abbina curiose auto d’epoca con la cultura pop. In questo museo puoi trovare connessioni tra la storia automobilistica italiana, segnata dall’iconica 500, con quella europea delle Trabant tedesche e dei furgoncini hippie Volkswagen.

Prototipo dell'auto Fiat Turbina al Museo dell'Automobile di Torino
Prototipo dell’auto Fiat Turbina al Museo dell’Automobile di Torino. Questa vettura è stata la prima a funzionare con una turbina a gas, ma non è mai entrata in produzione!

Cosa vedere al Museo dell’Automobile di Torino

Il Museo dell’Automobile di Torino è suddiviso su tre piani, tutti dedicati alle autovetture. Il percorso inizia dal secondo piano che raggiungi in ascensore o con una scala mobile. La prima parte è una vera e propria lezione di storia che inizia dalle carrozze trainate da cavalli a cui vennero applicati i primi motori.

In quest’area ho scoperto che una delle prime motorizzazioni di carrozze prevedeva un motore a vapore, ma ebbe scarso successo perché decisamente poco pratico. Curiosamente il motore a scoppio non fu subito uno standard, lo divenne solo a inizio Novecento. Prima vennero fatti diversi esperimenti, tra cui di auto elettriche.

La storia automobilistica di Torino

Il MAUTO attraversa anche la storia di Torino. In delle mie sale preferite è quella con la Mole Antonelliana su una 500, entrambi simboli torinesi. Il pavimento di questa sala è una mappa dei costruttori di auto presenti in città durante il periodo di maggior sviluppo dell’industria automobilistica.

Oggi sono rimaste solo Fiat, Pininfarina e Bertone, tuttavia all’inizio del secolo scorso c’era almeno un’officina per ogni quartiere. Pensa che questa piccola curiosità storica è spesso sconosciuta anche agli stessi torinesi che non si immaginano così tanta creatività automobilistica nei loro cortili!

La storia moderna dell’automobile

Il percorso di visita del MAUTO continua con le auto “moderne”. Puoi vedere le piccole 500 che hanno dato alle famiglie italiane la possibilità di viaggiare, le Trabant scoperte dopo la caduta del muro di Berlino, i furgoncini Volkswagen guidati dagli hippie in vacanza.

Al Museo dell’Automobile di Torino c’è anche una vera officina con pompe di benzina d’epoca, oltre a una vera e propria catena di montaggio, per scoprire come vengono assemblate le automobili ancora oggi.

Quest’area farà intenerire i più nostalgici perché c’è persino una Fiat Panda. Io devo ammettere di essere felicissima di guidare un’auto moderna davvero, con climatizzatore, idroguida, ABS, ecc. Per questo mi appassiona molto di più la sezione dei prototipi, per scoprire cosa ci riserverà il futuro.

Le automobili da corsa

Il percorso si conclude con lo scenografico allestimento dell’area Formula 1 che strizza invece l’occhio al Futurismo. Qui rimarrai senza fiato vedendo scorrere dietro alle auto esposte video di cavalli al galoppo che si trasformano in animali sempre più veloci e uccelli che si librano in aria.

Il Museo dell’Automobile di Torino con bambini

Paradiso per bambini di tutte le età, il Museo dell’Automobile di Torino è studiato alla perfezione per una visita in famiglia. Gli spazi sono ampi, il museo è totalmente accessibile, e anche i più piccoli si divertono a scoprire tutti i modelli di auto esposte, mentre i più grandi possono scoprire storia e design dell’automobile.

Durante la sua prima visita, a due anni, mio figlio ha apprezzato soprattutto l’area dedicata alle auto da corsa. L’anno dopo invece si è appassionato alla trasformazione delle carrozze trainate da cavalli in automobili moderne. Tornando regolarmente sono molto curiosa di scoprire cosa attirerà la sua attenzione la prossima volta.

Inoltre una parte delle installazioni del MAUTO sono interattive per cui vengono sempre apprezzate dai più piccoli. Con bambini ti consiglio soprattutto di salire sulle macchinine della catena di montaggio, una vera e propria giostra che attraversa le fasi di costruzione della Fiat 500.

Auto d'epoca esposte al Museo dell'Automobile di Torino
Auto d’epoca di inizio Novecento esposte al Museo dell’Automobile di Torino

La nascita del MAUTO di Torino tra collezioni d’epoca e restyling

Il Museo dell’Automobile di Torino è uno dei più antichi musei automobilistici nel mondo. Fu infatti fondato nel 1932 da Cesare Goria Gatti e Roberto Biscaretti di Ruffia, quest’ultimo uno dei fondatori della FIAT e primo Presidente dell’Automobile Club di Torino.

Il museo ha subito nel tempo varie modifiche e restyling e oggi è un museo con un allestimento moderno e coinvolgente. La collezione di auto comprende oltre 200 vetture originali di 80 marche diverse, provenienti da tutto il mondo. Le vetture più antiche invece sono state raccolte da Carlo Biscaretti di Ruffia, il figlio di uno dei fondatori del museo.

L’attuale sede del MAUTO è stata costruita sui disegni dell’architetto Amedeo Albertini e inaugurata nel 1960. I suoi allestimenti invece sono del 2011. In quell’anno infatti il museo fu completamente ristrutturato su progetto dell’architetto Cino Zucchi, mentre gli allestimenti interni sono firmati dallo scenografo François Confino che curato anche il Museo del Cinema di Torino.

Proprio grazie al nuovo allestimento, il Museo dell’Automobile di Torino nel 2013 è stato nominato dal Times tra i 50 migliori musei del mondo!

ORGANIZZA IL TUO VIAGGIO A TORINO
Compra la tessera Torino + Piemonte Card per visitare tutti i musei e viaggiare gratis sui mezzi pubblici, oppure scegli la Royal Card per le residenza reali oppure la Torino e Piemonte Contemporary Art Card. Infine prenota un free tour di Torino prima di partire e acquista i biglietti per mostre temporanee ed eventi a Torino.

Parte anteriore di auto americane al Museo dell'Automobile di Torino
I fari delle auto americane più famose ci danno il benvenuto nell’area dedicata al “made in USA” del Museo dell’Automobile di Torino

Info utili per visitare il MAUTO

Per scoprire in anteprima la collezione del Museo dell’Automobile di Torino puoi scaricare l’app MAUTO, disponibile in italiano e in inglese sia per Android che per iOS. Ti consiglio di utilizzare l’app sia prima della visita per studiare il percorso che durante la visita stessa, inquadrando il QR code presente davanti ogni autovettura esposta.

Il MAUTO si trova vicino al fiume Po e a poca distanza dal Lingotto, in un edificio moderno con ampio spazio per parcheggiare. Puoi anche raggiungere il Museo dell’Automobile di Torino a piedi o con i mezzi pubblici. In questo caso ti sconsiglio di passare a piedi da corso Unità d’Italia, la strada su cui si affaccia il museo, perché è molto trafficata e assolutamente non pensata per i pedoni. Molto meglio prendere pullman, metropolitana o camminare per arrivare dall’altro lato del museo senza rischiare di farti investire!

Orari e prezzi aggiornati sono esposti sul sito del museo e l’accesso è gratuito per i minori di sei anni, giornalisti, possessori dell’Abbonamento Musei Torino Piemonte o della Torino + Piemonte Card (card acquistabile online su Civitatis), accompagnatori e guide turistiche.

📌 Museo dell’Automobile di Torino
Corso Unità d’Italia, 40
10126 Torino

Scrivimi nei commenti se conoscevi già il Museo dell’Automobile di Torino. Per me è stata una vera sorpresa scoprire il suo bellissimo allestimento, ma soprattutto ho adorato vedere mio figlio divertirsi in un museo pensato anche per le esigenze dei più piccoli.

HOTEL A TORINO
Prenota subito il tuo hotel su Booking.com prima di partire!

Booking.com

📌 Salva questo articolo su Pinterest

.

Altri articoli che potrebbero interessarti

5 commenti

Vi do il tiro 23/03/2022 - 16:08

Devo dire che a dicembre quando l’ho visitato, sono rimasta piacevolmente colpita. L’avevo visitato tantissimi anni prima e devo ammettere che la nuova ristrutturazione gli ha dato quel qualcosa in più!

Rispondi
Paola 24/03/2022 - 11:11

Le scenografie di Confino sono sempre top! Dovresti tornare perché ora hanno riattivato tutte le installazioni interattive chiuse per la pandemia, compreso il trenino della catena di montaggio 🙂

Rispondi
Vi do il tiro 24/03/2022 - 12:49

Tornerò presto, ho ancora tanti luoghi da visitare!!!!

Rispondi
Tess Wortmann 06/10/2020 - 20:43

Che belle macchine, che belle Foto. Articolo molto interessante e un museo che ho messo tra quelli assolutamente da visitare

Rispondi
Paola 07/10/2020 - 09:13

Il Museo dell’Automobile è piaciuto anche a me che non sono appassionata di auto: ci sono alcuni modelli molto carini che hanno fatto la storia come l’Isetta, la 500 e la Trabant. È più piccolo rispetto al Museo BMW di Monaco, ma non sfigura al confronto (mi sono piaciuti entrambi) 🙂

Rispondi

Fammi sapere cosa ne pensi con un commento

Questo sito internet utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Conferma se sei d'accordo o leggi come vengono utilizzati i tuoi dati. Accetto Privacy & Cookies Policy