Home Appunti di viaggio Come organizzare un viaggio da mamma single

Come organizzare un viaggio da mamma single

di Paola

Essere una mamma single ha trasformato i miei viaggi avventurosi da travel blogger in avventure formato famiglia, non per questo meno memorabili. Con un bambino puoi infatti emozionarti a scoprire il mondo attraverso i suoi occhi. La mia scelta di continuare a viaggiare con mio figlio mi porta sempre tantissimi complimenti perché tutti pensano che viaggiare con un bambino sia difficile. In realtà organizzare un viaggio mamma e figlio è possibile, ed è un’esperienza che consiglio a tutte.

Pianifica l’itinerario completo prima di partire

Per me è stato abbastanza strano passare dalla non organizzazione al pianificare tutto, compreso quanto tempo guidare e quando tempo fermarmi nelle aree di sosta o dove mangiare. Tuttavia con un bambino più riesci a pianificare più il tuo viaggio sarà semplice. Prima di partire, cerco di stilare un programma di viaggio il più completo possibile, con distanze da coprire e cose da vedere. Avere un piano B in caso di pioggia potrebbe rivelarsi fondamentale per salvare la giornata.

Considera del tempo libero per giocare

Nel mio itinerario lascio anche molti tempi morti per poter giocare in un parco o mangiare con calma al ristorante. In base alla mia esperienza, lasciare del tempo per far giocare tuo figlio liberamente è fondamentale per la buona riuscita del viaggio. Se lui vuole giocare a tutti i costi nel parco davanti a cui siete appena passati, trascinarlo in un museo è inutilmente stressante per entrambi (e comunque non riusciresti a goderti il museo).

Naturalmente non ti sto consigliando di cedere ai capricci, ma di valutare le situazioni perché in viaggio devi considerare anche le esigenze di tuo figlio. Sapere cosa vedere nei dintorni, se ci sono parchi giochi o musei interattivi, quale cibo tipico provare senza lasciare nulla al caso ti aiuterà a coinvolgere tuo figlio e goderti le vacanze. Per esempio, se non c’è verso di interessarlo ai musei puoi provare a coinvolgerlo con i free walking tour, divertenti e informali.

Coinvolgi tuo figlio nella preparazione del viaggio

Nonostante mio figlio sia ancora piccolo inizio a raccontargli cosa vedrà e mangerà prima di partire e cerco di coinvolgerlo nei programmi. Cerca qualcosa che possa interessare tuo figlio, non farti fermare dall’età. Con il mio, alcuni musei lo hanno appassionato, come il Museo dell’Automobile di Torino, il Museo BMW e il Deutsches Museum di Monaco, mentre altri musei lo hanno annoiato a morte. Tuttavia quando sarà più grande sarà già abituato a pianificare il suo viaggio e sarà in grado di esprimere le sue preferenze.

Pianifica i bagagli da portare con te

Nella parte della pianificazione inserisco anche quali bagagli portare. Io preferisco viaggiare con trolley, zaino piccolo e passeggino pieghevole. Uno zaino grande tipo trekking è infatti troppo ingombrante, pesante e poco agile in città, oltre ad essere decisamente poco pratico per inseguire un bambino in un’area pedonale.

Uno zainetto invece è perfetto per le escursioni e può essere portato a spalle tutto il giorno. Per gite più brevi o le visite a una città invece preferisco una borsa a tracolla in modo da avere sempre le mani libere. Puoi portarli entrambi e lasciare la borsa nello zaino quando non ti serve.

Come intrattenere bambino in viaggio in auto

Una domanda che mi viene sempre fatta riguardo ai viaggi con mio figlio è come faccio a farlo stare bravo in auto da sola. Credo che la risposta sia solo l’abitudine. Sono una mamma single da quando è nato mio figlio quindi lui è sempre stato seduto nel seggiolino posteriore da solo da quando ho la macchina. In auto cantiamo, ascoltiamo qualche volta la radio o guardiamo i camion che superiamo. In genere però guido in silenzio per ascoltare Google Maps e racconto a mio figlio le caratteristiche delle aree che stiamo attraversando.

So che molte mamme utilizzano la busy bag per intrattenere i bambini, ma fino ai due anni di mio figlio non ne ho sentito la necessità. In auto mio figlio ha una macchina di peluche e un peluche a forma di smile con cui può giocare fino a quando non cade sotto il sedile. Non mi piace tenere oggetti nell’abitacolo che potrebbero rivelarsi pericolosi in caso di incidente, né è consentito mangiare in auto, abitudine presa quando usavo le auto a noleggio.

Pianifica le soste in automobile

Il suggerimento migliore che posso darti è partire al mattino presto, pianificare tratte di massimo due o tre ore e non fermarti quando tuo figlio dorme. Se però è ora di pranzo fermati lo stesso e sveglialo perché saltare pranzo potrebbe renderlo nervoso. Inoltre verifica sempre che abbia il pannolino pulito prima di metterti alla guida. Potresti dover cambiare tuo figlio prima e dopo il pranzo all’Autogrill, ma è sicuramente meglio che doverti fermare poco dopo essere partita.

Infine, scegli come aree di sosta degli Autogrill con parco giochi o aree picnic lungo l’autostrada in mezzo ai boschi. In Italia non ce ne sono moltissimi, mentre la Francia e Germania è un vero paradiso per i piccoli viaggiatori on the road. Abbiamo visto parchi giochi bellissimi praticamente ovunque. Calcola almeno un’ora per mangiare e giocare ad ogni sosta, tuo figlio sarà rilassato e felice al momento di salire in auto.

Britalian baby al parco giochi di un Autogrill in Francia
Mio figlio al parco giochi di un Autogrill in Francia durante una tappa del nostro primo viaggio on the road insieme

Scegli il mezzo di trasporto migliore per il tuo itinerario

Prima ti ho parlato di come intrattengo mio figlio durante i lunghi viaggi in auto perché dopo la pandemia di Covid abbiamo dato la nostra preferenza ai viaggi on the road. Non è però l’unico tipo di mezzo di trasporto che ho sperimentato per i miei viaggi da mamma single.

Treno, bus e mezzi pubblici

Prima della nascita di mio figlio mi spostavo quasi esclusivamente con i mezzi pubblici. Con un bambino però mi sono accorta molto presto che qualsiasi gita fuori porta in treno si trasforma in una sfacchinata incredibile se devi portarti da sola passeggino, marsupio e zaino pesante anche per un solo giorno.

Le stazioni ferroviarie e i mezzi pubblici in generale non sono quasi mai accessibili, ovvero hanno gradini per salire e scendere. Ciò che da sole non è assolutamente un ostacolo lo diventa improvvisamente con un passeggino, peggio ancora se hai passeggino e trolley e non riesci a sollevarli entrambi per fare le scale. Dopo i due anni di mio figlio ho iniziato a chiudere il passeggino e portare passeggino a tracolla, valigia in una mano mentre tenevo il mio piccolo con l’altra mano, ma ti assicuro che non è molto pratico.

Nonostante i disagi ho comunque portato mio figlio in treno varie volte e si è divertito molto. I treni, così come bus e tram, sono fonte di curiosità incredibile per i bambini. Ho ridotto l’uso dei mezzi pubblici solo durante il periodo del Covid perché purtroppo il distanziamento sociale non funzionava benissimo, tuttavia penso ancora siano una buona idea per brevi spostamenti. Per gite che durano più di un pomeriggio sono però passata senza rimpianti all’uso dell’auto privata.

Perché partire con la tua auto

Per quanto tu sia minimalista un viaggio con bambini prevede molti più bagagli, anche solo per lo spazio occupato dai pannolini. In pratica, con un bambino dovrai trascinarti bagagli voluminosi da sola insieme al passeggino con tuo figlio. Nella maggior parte dei casi non ci sarà nessuno ad aiutarti, per cui l’auto privata ti permette di essere autonoma, indipendente e portare quel cambio extra che può salvarti il viaggio.

Per me proprio la voglia di indipendenza è stata la molla che mi ha fatto acquistare un’auto. Da single ero felice di viaggiare con i mezzi pubblici, da mamma single volevo ancora poter andare ovunque con mio figlio e non potevo più farlo solo con treno e bus. O almeno, non potevo farlo senza far diventare ogni viaggio un piccolo trasloco!

In più l’auto nei viaggi lunghi diventa una costante, una piccola estensione di casa, dove tuo figlio troverà sempre tutto uguale anche se cambierai hotel ogni sera. Scegli un seggiolino sicuro e confortevole in cui possa stare comodo e addormentarsi all’occorrenza.

Guarda la mia selezione dei migliori seggiolini e accessori auto per viaggiare con bambini

Viaggiare in aereo con bambini

A causa della pandemia di Covid ho dovuto rimandare a tempo indeterminato il primo viaggio aereo con mio figlio. Per il momento quindi puoi leggere come pensavo di organizzarmi in base ai miei viaggi da sola e quello che funziona per gli altri genitori, in attesa di aggiungere la mia esperienza diretta a questo articolo.

Per quanto riguarda partenza e arrivo in aeroporto, ti suggerisco di eliminare ogni possibile fonte di stress e prenotare in anticipo il parcheggio in aeroporto. In genere si trova sempre parcheggio, ma se non sei organizzata rischi di pagarlo molto caro. I prezzi infatti variano in base alla distanza dall’aeroporto e con bambino e valigie probabilmente non vuoi parcheggiare distante. Prenotando online puoi confrontare i prezzi e valutare le varie soluzioni comodamente da casa.

Trova il tuo parcheggio vicino ai maggiori aereoporti nazionali e internazionali

Se voli frequentemente ti consiglio anche di acquistare l’ingresso nelle lounge aeroportuali. Quando viaggi da sola è un modo fantastico per rilassarti o lavorare prima dell’imbarco in un ambiente curato ed esclusivo, motivo per cui io le adoro. Quando viaggi con un bambino invece puoi per far passare più velocemente l’attesa con la gustosissima selezione di cibo e le comodissime poltrone.

Come spostarti dall’aeroporto

Se vuoi visitare una sola città e non fare un viaggio itinerante, ti suggerisco di acquistare il transfer aeroportuale. A prima vista può sembrarti un lusso, ma ti assicuro che se viaggi come genitore single avere qualcuno che ti viene a prendere e ti porta a destinazione ti evita davvero molto stress e, se organizzi in anticipo, riesci pure risparmiare.

Trova il tuo transfer aeroportuale su Civitatis

In alternativa, se preferisci usare i mezzi pubblici, ti consiglio di prenotare online i biglietti per la navetta dall’aeroporto in anticipo in modo da non dover cercare la biglietteria con un bambino super emozionato da gestire. In tutti i miei viaggi non ho mai trovato grosse differenze sul costo online o a terra in aeroporto, ma sono sempre stata molto felice quando non dovevo fare coda o girare mezzo aeroporto per acquistare i biglietti del bus.

Se invece stai pensando a un viaggio itinerante in Europa, il mio suggerimento è di affittare un’automobile direttamente in aeroporto. Con un bambino non vale la pena andare in città e fare un viaggio in più per risparmiare qualcosa sul noleggio. Tra l’altro in base all’età di tuo figlio potrebbe essere pure più economico noleggiare subito l’auto che non pagare i biglietti extra del bus o del transfer per arrivare in città.

Dove dormire in un viaggio da mamma single

Quando viaggio con mio figlio non cerco strutture family friendly a tutti i costi. I nostri viaggi insieme devono essere piacevoli anche per me! La differenza tra gli hotel per bambini e quelli in cui i bambini sono benvenuti è sottile, ma non troppo. Perché una struttura sia adatta ai bambini deve avere a disposizione giusto seggioloni e lettini. Se c’è un giardino o un parco giochi lo apprezzo moltissimo, ma il senso del viaggio per me non è far giocare mio figlio bensì fargli scoprire luoghi nuovi, hotel di lusso compresi.

Il nostro soggiorno all’Hilton Munich City è stato davvero piacevole per entrambi, pur non essendo un hotel a cui pensi per le vacanze in famiglia. Inoltre secondo me è importante da subito introdurre i bambini ad ambienti diversi, proprio per stimolare la loro curiosità.

Come avrai capito, io preferisco gli hotel rispetto agli appartamenti. C’è chi invece preferisce riprendere le abitudini di casa anche in vacanza e allora cerca appartamenti su Airbnb invece di hotel. La via di mezzo secondo me sono residence e aparthotel che offrono la comodità degli hotel e l’indipendenza degli appartamenti.

Ti suggerisco comunque di non risparmiare troppo su hotel o appartamento perché se scegli una sistemazione più economica, ma fuori città diventa difficile visitare tutto con tuo figlio. Scegli una zona centrale e ben servita dai mezzi pubblici per vedere tutto quello che hai messo in programma senza passare mezz’ora o più su un bus ogni mattina solo per arrivare nella zona turistica.

Dove e cosa mangiare in viaggio con bambini

Mangiare cibi nuovi è la parte che preferisco di un viaggio, e sembra lo stia diventando anche per mio figlio. Come me, adora provare ristoranti e cibi nuovi. I bambini però non hanno ancora la pazienza di noi adulti nell’aspettare il cibo al tavolo e all’estero il servizio è spesso molto più lento. Devi considerare anche che in Italia c’è quasi sempre pane sul tavolo, mentre in alcuni Paesi no e talvolta arriva solo insieme alle portate che lo prevedono.

Per evitare che mio figlio si annoi o pianga affamato per mezz’ora porto sempre con me uno snack salutare. In Germania ci siamo innamorati dei Bretzel che sono diventati il nostro aperitivo standard per tutto il viaggio. Anche a me infatti veniva una fame terribile ad aspettare mezz’ora il cameriere! Per lo stesso motivo porto sempre con me la borraccia d’acqua di mio figlio. Se non ci sono fontane nei dintorni i negozianti sono generalmente disponibili a riempirla.

Infine, se vedi che tuo figlio è troppo stanco o agitato per andare al ristorante, improvvisa un pasto in un parco con della gastronomia locale o con dello street food. In Francia mio figlio e io ci siamo divertiti molto a improvvisare picnic con Camembert, Brie, baguette, pain au chocolat e taboulé. In qualsiasi zona della Francia puoi trovare deliziose delizie gastronomiche da asporto, ricorda solo di mettere nella tua borsa un set di posate da usare all’occorrenza.

Cosa visitare in un viaggio da mamma single

La sfida maggiore in un viaggio da mamma single è come tenere tranquillo tuo figlio. In viaggio da soli non ci sono asilo o nonni che ti permettono di tirare il fiato ogni tanto, non puoi perdere d’occhio tuo figlio neanche un attimo e allo stesso tempo devi riuscire a intrattenerlo. In compenso, un bambino felice è un fantastico compagno di viaggio.

Il mio consiglio è di programmare tutto in anticipo e coinvolgere tuo figlio su cosa vedere. Il mio adora auto e animali quindi cerco sempre di inserire nel nostro itinerario uno zoo safari o la visita a un museo tecnologico, e sto già facendo la lista dei parchi a tema dinosauri per quando arriverà questa passione.

In viaggio con bambini puoi anche scegliere parchi di divertimento a tema come Disneyland Paris, ma al momento mio figlio è ancora piccolo quindi non li prendo ancora in considerazione perché non rientrano nel mio stile di viaggio. Sicuramente però, quando mio figlio sarà più grande, dovrò inserire qualche tappa del genere nei nostri itinerari on the road.

Qualsiasi sia l’interesse di tuo figlio ti consiglio di scegliere pochi appuntamenti fissi irrinunciabili e prenotare i biglietti salta fila in anticipo. Fare la coda infatti è stressante già quando sei da sola e attendere in fila con un bambino è davvero poco piacevole, specialmente da genitore single senza nessuno ad aiutarti.

Cerca biglietti salta fila su Civitatis

Le destinazioni migliori per un viaggio da mamma single

Se ti stai avvicinando solo ora all’avventura dei viaggi da mamma single sarai piena di interrogativi su destinazioni e durata viaggio. Il mio consiglio è di seguire i tuoi interessi di prima, considerando però tempi più lunghi perché viaggi con un bambino. Se ti piacciono le città caotiche non andare due settimane in un resort all inclusive, diventerebbe solo frustrante.

Allo stesso tempo però sono sicurissima che da genitore single ogni tanto hai bisogno di qualche momento di relax. Te lo dico perché io stessa ho salvato la pagina di Costa Crociere tra i miei preferiti, un tipo di vacanza a cui non avrei mai pensato prima della nascita di mio figlio. Qualche anno fa mi vedevo arrivare a Singapore su una nave cargo, mentre ora sogno solo una cabina con balcone, piscina sul ponte e miniclub.

Paola Bertoni nel parco di Lorrach con Britalian baby che scappa
In qualsiasi viaggio da mamma single c’è sempre il momento in cui tu sei super stanca mentre tuo figlio è ancora pieno di energia e vuole solo correre al parco

Il punto è scegliere una destinazione che sia piacevole per entrambi. Se non ti piacciono i family hotel o i parchi di divertimento non sei obbligata ad andarci solo perché hai un figlio. Allo stesso tempo i musei non sono solo per adulti. Il National Portrait Gallery di Londra per esempio organizza stupende visite guidate per bambini, con carta e matite per disegnare le opere esposte. Scegli delle attività divertenti per entrambi e ti stupirai nel vedere com’è ricettivo tuo figlio.

L’unica cosa su cui devi fare davvero attenzione è la sicurezza in viaggio. Se sei abituata a viaggiare da sola, saprai già come scegliere hotel e appartamenti con portineria 24/7 ed evitare comportamenti a rischio. Tuttavia con un bambino la responsabilità è doppia perché devi anche considerare che potrebbe farsi male accidentalmente o ammalarsi in viaggio. Sono rischi che non puoi prevedere, ma puoi tutelarti con una buona polizza sanitaria come Holins o Heymondo con assistenza in italiano.

Calcola il preventivo per la tua assicurazione di viaggio su Heymondo con sconto 10%

Spero che questi consigli ti siano utili e non vedo l’ora di leggere la tua esperienza da mamma single in viaggio nei commenti. Viaggiare da sola con tuo figlio è possibile e se ci riesco io puoi farlo anche tu senza nessuna paura!

📌 Salva questo articolo su Pinterest

.

Altri post che potrebbero interessarti

2 commenti

Laura 08/01/2021 - 09:05

Un post completo e pieno di suggerimenti utili che sottoscrivo al 100%. Anch’io viaggio da sola con mio figlio da quando ha 3 anni e abbiamo provato diversi tipi di vacanza prima di trovare la nostra dimensione. Le prime esperienze sono state quasi da incubo, mentre l’ultima vacanza in Austria è stata memorabile: l’importante è sapersi adattare. Per noi è fondamentale avere sempre alcuni libri gioco da usare nei momenti di attesa e organizzare la giornata in base ai suoi ritmi: si sveglia presto? Sarete i primi ad accedere a musei, parchi, impianti evitando le code e la ressa. Dorme al pomeriggio? Momento perfetto per fare i trasferimenti o visitare un museo che vi interessa. Anch’io ho iniziato a sognare una crociera

Rispondi
Paola 26/01/2021 - 13:11

Credo che la crociera sia il sogno di molte mamme, con il miniclub per bambini e la piscina idromassaggio per noi 🙂 Tu sei stata una grande ispirazione quando ero incinta e avevo chiesto alle altre mamme blogger com’era cambiato il loro modo di viaggiare. L’importante con i bambini secondo me è non avere piani troppo rigidi, alla fine il tempo lo scandiscono loro (anche perché è impossibile vedere un museo con un bambino urlante), ma mi sono accorta che comunque riesco lo stesso a vedere quasi tutto quello che mi interessa

Rispondi

Fammi sapere cosa ne pensi con un commento

Questo sito internet utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Conferma se sei d'accordo o leggi come vengono utilizzati i tuoi dati. Accetto Privacy & Cookies Policy