Home DestinazioniEuropaRegno Unito Cosa vedere a Bristol in due giorni

Cosa vedere a Bristol in due giorni

di Paola
0 commento

Bristol è una città inglese ricca di musei e locali, famosa soprattutto per i murales di Banksy. Sicura e pulita come tutte le città del Regno Unito è anche una destinazione perfetta come base per visitare Bath, Cardiff e Stonehenge, visto i numerosi voli diretti dall’Italia. Due giorni sono sufficienti a scoprire la città in base ai tuoi interessi, ma puoi fermarti di più per visitare tutti i musei.

Bristol: info sulla città

Se sei abituata a grandi città come Roma, Milano o Londra, rimarrai sorpresa da come è facile girare Bristol a piedi. In circa 40 minuti puoi attraversare a piedi la città, situata su diverse colline, tra cui la scenografica collina di Clifton, con una vista mozzafiato sulla gola del fiume Avon.

A Bristol musei e attrazioni sono quasi tutti gratuiti e puoi fare i biglietti dei mezzi pubblici direttamente sugli autobus per cui non esiste una tessera turistica come in altre città. Di seguito trovi tutto quello che ho visitato io, suddiviso per area. In questo modo puoi organizzare al meglio il tuo itinerario, in base ai tuoi interessi.

Binari ferroviari dismessi e edifici moderni nel vecchio molto di Bristol
Uno scorcio di Bristol tra moderni edifici e binari di un passato industriale che non esiste più

Itinerario di Bristol in due giorni

Bristol è una città molto viva, con moltissimi bar e ristoranti, ma anche musei e street art. Due giorni sono sufficienti a vedere quello che ti interessa e magari anche a scoprire qualcosa di diverso da quello che avevi in mente.

Per esempio, io ero partita con l’idea di saltare il ponte sospeso di Clifton e invece, complice la chiusura di un museo che mi interessava, ho finito per innamorarmene. Oltre a passare una mezza giornata sulla collina di Clifton passeggiando nel suo fantastico parco.

Molti turisti scelgono questa città perché Bristol è dove Banksy ha iniziato la sua carriera di street artist. Se ti interessano murales e graffiti puoi partecipare al tour a piedi sulla street art di Bristol da Barbanera a Banksy.

Murales a Bristol
Uno dei tanti murales coloratissimi che puoi vedere a Bristol

Il centro di Bristol

Per prima cosa ti consiglio di fare una passeggiata in centro appena arrivi in città. Mezza giornata è un tempo sufficiente per visitare tutto il centro di Bristol a piedi e iniziare a orientarti, compreso scegliere i ristoranti dove mangiare e i birrifici artigianali in cui bere un’ottima birra inglese dopo cena.

A proposito di cibo, una buona opzione durante il giorno, se ti piacciono i mercati e la cucina mediorientale, è recarti al St Nicholas Market dove troverai diverse bancarelle dove mangiare. Io non l’ho trovato molto vivo, ma ero andata presto e appena l’Inghilterra aveva riaperto ai turisti in periodo post pandemia. Altre persone che conosco e hanno visitato il St Nicholas Market l’hanno trovato pieno di vita.

Un bellissimo scorcio panoramico è dato dalla cattedrale di Bristol, imponente e maestosa come tutte le cattedrali. Anche se non ami le chiese ti suggerisco di fare un giro dentro, l’ingresso è gratuito e rimarrai sorpresa dai suoi soffitti altissimi.

Facciata esterna laterale della Cattedrale di Bristol
Ingresso della Cattedrale di Bristol dalla facciata esterna laterale

Un altro edificio storico molto interessante è il castello di Bristol. Non si può entrare, ma si trova nel grazioso Castle Park, uno dei parchi urbani di Bristol. Come in tutte le città inglesi ci sono parchi ovunque e questo in particolare è famoso perché nei secoli scorsi era fonte di acqua potabile per la città.

Poco distante da Castle Park puoi vedere anche il Castle Bridge, uno scenografico ponte ciclopedonale a forma di S che attraversa il fiume Avon. Da un lato trovi il Castle Park, dall’altro il fantastico birrificio Left Handed Giant. Merita assolutamente una visita con birretta pomeridiana nel beer garden in riva al fiume.

Infine, un altro posto da non perdere nel centro di Bristol è il centro commerciale Cabot Circus. Qui potrai fare shopping dei migliori marchi inglesi e internazionali, ma anche mangiare nelle catene di ristoranti come Nando’s, TGIF e altri.

Il parco Castle Park a Bristol
Il parco Castle Park a Bristol con il castello sullo sfondo

Harbourside

Il fascino di Bristol però si concentra tutto sul lungofiume, fino al porto. Harbourside infatti è l’area dove sono concentrati i locali notturni, i musei più interessanti, la ruota panoramica e persino alcuni ristoranti sulle barche.

A Harbourside ho visitato il museo M Shed dove scoprire storia e curiosità sulla città, e la galleria di arte contemporanea Arnolfini, entrambi allestiti nei vecchi dock. Sul lungofiume puoi trovare tantissimi localini dove mangiare e bere, mentre poco distante dai musei si trovano anche la ruota panoramica di Bristol e il museo scientifico We The Curious (a pagamento).

Bus Lodekka verde esposto al museo M Shed di Bristol
Il bus a due piani Lodekka utilizzato negli anni Sessanta per il trasporto urbano di Bristol esposto al museo M Shed

Clifton

Per vedere la città di Bristol dall’alto e ammirare la gola del fiume Avon devi assolutamente dedicare mezza giornata al quartiere situato sulla collina di Clifton. Collegato da bus frequenti, ma anche piacevole da raggiungere a piedi, Clifton è un’area ricca di verde, con uno spettacolare parco urbano e il simbolo della città: il Clifton Suspension Bridge, ovvero il ponte sospeso di Bristol.

Nella stessa zona di trova anche il centro visitatori dove scoprire la storia del ponte e della sua importanza per la città, oltre all’osservatorio astronomico. Il Bristol Observatory ospita una caffetteria e una galleria con un balconcino affacciato dentro la gola dell’Avon, per veri amanti delle altezze.

Per scoprire tutte le curiosità di questo quartiere di Bristol ti consiglio di partecipare al tour guidato di Clifton e della città vecchia. La visita guidata è molto interessante perché ti permette di scoprire diverse aree della città con una guida del posto.

Clifton Suspension Bridge a Bristol
Il Clifton Suspension Bridge, simbolo di Bristol

Paintworks

Durante il mio viaggio a Bristol sono stata anche a Paintworks, un quartiere creativo meno conosciuto, dove hanno sede la Martin Parr Foundation e The Royal Photographic Society.

A Paintworks puoi trovare interessanti mostre di fotografia, specialmente negli spazi della Royal Photographic Society. Durante la mia visita era allestita Generation: portraits of Holocaust Survivors, una mostra molto bella con ritratti di famiglie felici di sopravvissuti alla Shoah, fotografati da fotografi famosi, ognuno con il suo stile personale.

La Martin Parr Foundation invece è stata una delusione perché era solo una stanza con una mostra di fotografia poco interessante. Niente a che vedere con lo sguardo brillante di Martin Parr, uno dei miei fotografi preferiti.

Paintworks si raggiunge in bus dal centro di Bristol. Volendo puoi arrivarci anche con una passeggiata di 40 minuti a piedi, ma attraversando zone della città meno belle e interessanti.

Ingresso del quartiere Paintworks di Bristol
Ingresso del quartiere Paintworks di Bristol

Cosa vedere nei dintorni di Bristol

Dopo aver visitato il centro e i quartieri più iconici della città, ti consiglio di fare un giro nei dintorni, per scoprire il Galles e il sud est dell’Inghilterra. Bristol, con il suo aeroporto internazionale, è infatti comodissima anche per visitare Bath, Stonehenge e Cardiff, sia in autonomia in treno che con gite organizzate.

Dove dormire a Bristol

A Bristol puoi soggiornare in hotel o scegliere un affascinante appartamento in stile inglese. Le zono migliori, a seconda di cosa vuoi visitare durante il tuo viaggio, sono il centro città o la collina di Clifton. Cerca su Booking.com la soluzione migliore per te prima di partire.

Io avevo soggiornato al Premier Inn Bristol City Centre Lewins Mead, una catena britannica con un ottimo rapporto qualità prezzo. Avevo parlato dei Premier Inn anche nel mio articolo sulle migliori catene di hotel economici in UK perché è un’ottima scelta soprattutto per chi viaggia in famiglia.

Il mio hotel era in una posizione perfetta: a cinque minuti a piedi dal centro e dalla zona di bar e ristoranti, ma anche vicinissimo alla stazione dei bus, dove ferma il bus dell’aeroporto. Il costo non era super economico perché per trovare offerte devi prenotare molto in anticipo, ma valeva il prezzo.

Spero che questi consigli su come organizzare un itinerario di due giorni a Bristol ti siano utili. Scrivimi nei commenti se hai già visitato questa città inglese e se hai seguito un itinerario simile.

Lascia un commento

* Quando lasci un commento autorizzi Pasta Pizza Scones a gestire i tuoi dati secondo quanto previsto dal GDPR