Home DestinazioniEuropaItalia Perché visitare la distilleria Villa de Varda in Trentino
Strumenti per la distillazione della grappa a Villa de Varda

Perché visitare la distilleria Villa de Varda in Trentino

4 commenti

Dopo quasi due anni di forzata sobrietà, dovuta a gravidanza e allattamento, il press tour #AComeGusto mi ha portata a una visita guidata con annessa degustazione alla distilleria Villa de Varda a Mezzolombardo, in provincia di Trento. Di tutto questo articolo vi anticipo solo che ho iniziato la visita scusandomi perché “non bevo, sono astemia, sto ancora allattando” per poi finire tra i pochi partecipanti a completare la degustazione brindando a “weekend libero, non dobbiamo piangere sul latte versato”.

Paola Bertoni partecipa alla degustazione di grappe alla distilleria Villa de Varda
Qui sono ormai entrata nel vivo della degustazione di grappe alla distilleria Villa de Varda

(Info utile per le madri bisognose di una serata fuori: la Leche Legue approva l’alcolismo saltuario, leggete bene l’articolo se volete concedervi un fine settimana senza pargoli).

Cosa si intende per grappa e cosa si può distillare

La prima cosa fondamentale da sapere prima di addentrarci nel mondo della distillazione è che il nome grappa può venire utilizzato solo per acquaviti di vinaccia distillate in Italia, e ricavate da uve prodotte in Italia. Va specificato bene perché in teoria possiamo distillare qualsiasi alimento e renderlo alcolico.

Il whisky infatti deriva da cereali, il gin è un distillato di bacche di ginepro o altre erbe di fantasia del singolo distillatore, il calvados dal sidro, rhum e cachaça dalla canna da zucchero, cognac, armagnac e brandy dal vino. Si possono persino distillare i tuberi, non è una leggenda metropolitana, la vodka per esempio può venire davvero ricavata dalle patate!

Mettendo da parte queste divagazioni alcoliche, sappiate che la grappa è tale perché esiste una legge comunitaria che considera il termine ‘grappa’ un’indicazione geografica protetta dell’Italia. Gli altri Paesi devono quindi utilizzare termini diversi anche se distillano i loro alcolici da vinacce fermentate. In caso vogliate sbevazzare oltre confine, sappiate che in Francia l’equivalente della grappa si chiama marc, in Spagna aguardiente de orujo, in Portogallo aguardente bagaceira, in Germania schnaps, e in Grecia tsikoudia o tσικουδιά se vogliamo chiamarla come dei veri greci.

Particolare della caldaia di distillazione utilizzata dalla distilleria Villa de Varda
Le caldaie di distillazione utilizzate a Villa de Varda sono tutte in rame. Questa in particolare è stata anche lavorata artigianalmente come possiamo vedere dalla targhetta e dai dettagli

I controlli della Finanza sulla produzione di grappa (non fatela a casa!)

La grappa comunque in Italia è pure Monopolio di Stato, motivo per cui sulle bottiglie è sempre appiccicata un’etichettina indicante ‘accisa sull’alcole etilico bevande alcoliche contrassegno di stato’. Questa targhetta viene apposta non perché fa chic, ma perché sono state pagate le tasse ed è stata seguita tutta la procedura di produzione, con tanto di sigilli e lucchetti della Finanza nelle cantine. Lo Stato italiano infatti, oltre a definire i valori di ciò che può considerarsi ‘grappa’, effettua anche un doppio controllo a volume e peso durante le varie fasi di produzione.

In Italia sono monopoli di Stato sali, tabacchi, gioco d’azzardo e alcolici. Storicamente il regime di monopolio serviva per fornire ai cittadini beni essenziali o soggetti a forte speculazione, ma nel caso degli alcolici (così come dei tabacchi o del gioco d’azzardo) l’esclusiva commerciale serve solo per aumentare le entrate con le tasse. La conseguenza più evidente del monopolio sulla grappa è che non possiamo neanche provare distillare a casa perché illegale!

Come viene prodotta la grappa alla distilleria Villa de Varda

La nostra visita alla distilleria Villa de Varda ha avuto come guida Mauro Dolzan, responsabile di produzione e socio dell’azienda di famiglia. Mauro ci ha trasmesso tutta la sua passione nella grappa e nell’arte della distilleria – perché è davvero un’arte, oltre che chimica! – conducendoci letteralmente attraverso la storia e le cantine della sua famiglia.

Le particolarità del metodo de Varda per distillare la grappa

La grappa Villa de Varda è così buona perché segue un metodo unico per la produzione dei suoi distillati, chiamato appunto metodo de Varda. La creazione della grappa parte infatti dalla selezione delle vinacce da distillare da uve mature, anziché dal riciclo delle vinacce utilizzate per fare il vino.

La distilleria Villa de Varda ha delle vigne di proprietà proprio per poter scegliere il momento adatto per distillare in funzione della maturazione dell’uva, visto che per il vino si usa di solito uva meno matura. Unica eccezione, sono le grappe da Amarone, Brunello e Barolo, ricavate dalle vinacce di questi vini, che però sono prodotti diversi dalla produzione classica Villa de Varda, in quanto si tratta di distillati particolari creati proprio per gli amanti dei rispettivi vini, invecchiati pure nelle stesse botti.

La distillazione delle grappe Villa de Varda viene poi ripetuta sei volte, togliendo testa e coda (primo e ultimo distillato usciti) dopo la quarta distillazione, per tenere solo il cuore. A questa grappa grezza viene poi aggiunto più del 100% di acqua per portarla a 40°. Solitamente l’acqua viene aggiunta alla fine dell’invecchiamento, ma la cantina Villa de Varda la aggiunge prima per tenere poi il prodotto quasi finito nell’acciaio per quattro mesi, prima di procedere alle analisi, effettuate sia dai laboratori interni, che dal laboratorio dell’Istituto Agrario di San Michele all’Adige e della Dogana di Verona.

L’ultima parte della lavorazione della grappa prevede la rimozione della parte oleosa della grappa, data dai vinaccioli. Si tratta di componenti che rendono la grappa poco digeribile per cui vanno eliminati. La distilleria Villa de Varda utilizza dei refrigeratori che fanno solidificare gli oli e poi filtra la grappa ‘pulita’. Si tratta però di un sistema molto lento, adottato solo per le grappe più pregiate, e infatti nelle grappe più economiche che troviamo nei supermercati gli olii vengono in genere rimossi con molecole di carbone. Alla fine di tutta questa procedura, la grappa così distillata viene messa in botti costruite appositamente, e lasciata invecchiare per almeno tre anni nelle cantine di Villa de Varda.

Lucchetto della Guardia di Finanza nella cantina di invecchiamento della distilleria Villa de Varda
Le botti di invecchiamento delle grappe nella cantina di Villa de Varda sono letteralmente sotto chiave. Con il lucchettone apposto dalla Guardia di Finanza non scappa neanche un grappino!

Le botti di invecchiamento della grappa Villa de Varda

Le botti vengono utilizzate una sola volta e per costruirle viene scelto direttamente l’albero da cui ricavare le assi, lasciate poi all’esterno per cinque anni per rimuovere ogni traccia di tannino. Infine le doghe vengono lavorate singolarmente e spaccate lungo la loro venatura, quindi curvate con un fuoco ottenuto dallo stesso tipo di legno!

Se tutta questa fatica vi sembra tantissimo per una botte da usare una singola volta, sappiate che le doghe delle botti, una volta esaurita la loro funzione primaria, vengono riciclate in vassoi o confezioni per le grappe Villa de Varda più pregiate.

Nel caso delle grappe invecchiate, l’invadente legge sul Monopolio di Stato diventa un valido alleato per scoprire se stiamo acquistando un prodotto di qualità o meno. La denominazione ‘riserva’ può infatti venire utilizzata solo dopo un invecchiamento di minimo diciotto mesi mentre il termine ‘grappa barricata’ può venire utilizzato se la grappa viene stoccata in botti di legno, barrique appunto, senza necessariamente invecchiarci dentro.

Prima di sbevazzare ricordiamoci quindi che riserva=bene, barrique=meh. La grappa Villa de Varda comunque può fregiarsi a pieno titolo del termine riserva perché viene invecchiata almeno tre anni!

Cosa vedere nel museo etnografico ‘Cose di casa’ sulla produzione di vino e distillati

Dopo aver scoperto che la distillazione è fatta di dettagli – come l’utilizzo di alambicchi di rame, un filtraggio attraverso sistemi di refrigerazione e un lento riposo in botti preparate con cura – abbiamo visitato anche l’adiacente museo etnografico che raccoglie secoli di attrezzi agricoli per la produzione di vino e grappa.

Il museo si chiama Cose di Casa proprio per il forte legame famigliare con il territorio. Villa de Varda è infatti la residenza della famiglia Dolzan, il cui albero genealogico risale almeno al 1678, in cui viene già censita come famiglia nobile proprietaria di vigneti e produttrice di vino e grappa. Mezzolombardo, sede della distilleria Villa de Varda fondata nel 1800 da Remedio Dolzan, si trova infatti al centro della Piana Rotaliana, un’importante area vinicola del territorio, tra le vette delle Dolomiti e patria storica della grappa.

La storia vinicola e quella della famiglia Dolzan sono quindi legate indissolubilmente, come testimoniato dal grande numero di attrezzi agricoli antichi esposti nel museo, insieme ai documenti storici che raccontano la storia della distilleria Villa de Varda. Se non avete mai partecipato a una vendemmia o visto questi strumenti agricoli in qualche cantina di campagna, rimarrete stupiti dall’ottimo stato di conservazione e dai metodi molto manuali utilizzati una tempo per vinificare.

Strumenti agricoli storici al museo etnografico Cose di casa di Villa de Varda
Il museo etnografico Cose di casa di Villa de Varda raccoglie moltissimi attrezzi agricoli che venivano utilizzati tempo fa per produrre vino e grappa

Il paradiso della grappa nel percorso di degustazione

Ogni visita guidata alla distilleria Villa de Varda termina sempre con una degustazione delle grappe più pregiate. Mauro Dolzan ci ha spiegato che una volta la grappa veniva considerata un vero e proprio alimento, mentre ora è considerata più una bevanda conviviale. Il 90% di grappa si consuma in Italia e la percentuale resta simile anche per le grappe Villa de Varda.

Quasi tutte le grappe prodotte nella distilleria Villa de Varda sono monovitigno, ovvero ricavate da un’unica qualità di vite, a eccezione di tre tipologie che sono ricavate da tre vitigni selezionati per le loro caratteristiche di gusto. Quello che ho scoperto durante la degustazione è che la grappa può stupirci con tanti sapori e colori diversi.

La grappa Villa de Varda non è il classico grappino fortissimo che viene portato in tavola dopo un pranzo abbondante, si tratta invece di un prodotto raffinato da gustare in compagnia. Ogni tipo di grappa prodotta da Villa de Varda ha un sapore e caratteristiche uniche, proprio per l’attenzione con cui viene prodotta.

Alcune grappe Villa de Varda per intenditori

La grappa Trié per esempio è una delle poche grappe Villa de Varda ottenute da vinacce diverse, provenienti dalla Piana Rotaliana, dalla Valle di Cembra e dalla Valle dei Laghi. La sua distillazione avviene in alambicchi di rame discontinui, con un lento taglio di testa e coda, mentre l’invecchiamento viene effettuato in botti di legno francese.

Un classico è la grappa Teroldego, ottenuta da vinacce fresche selezionate dell’omonimo vitigno, con una spremitura soffice in modo da mantenere il sapore dell’uva. Viene poi distillata nello stesso modo della grappa Trié, ma non subisce il processo di invecchiamento nelle botti, solo nei serbatoi di acciaio inossidabile, motivo per cui mantiene un colore trasparente.

Vibrazioni è invece una grappa davvero speciale, invecchiata in botti di abete rosso ricavato dalla cosiddetta ‘Foresta dei Violini’ da cui proviene il legno dei violini creati da Stradivari, Amati e Guarnieri. Questi famosi liutai del passato ritenevano che il legno ricavato da abeti rossi avesse delle qualità uniche di risonanza e vibrazioni inimitabili, da cui il nome della grappa. Le botti di abete rosso tra l’altro sono più uniche che rare perché si tratta di un legno molto resinoso e difficile da lavorare a questo scopo. Per fortuna la testardaggine dei Dolzan ha portato alla creazione di questa grappa straordinaria, dal colore ambrato e dal sapore intenso.

Esperienza sensoriale e dettagli nel percorso di degustazione

Anche se ho provato a descrivervi alcune grappe assaggiate nel percorso di degustazione è davvero difficile farvi rivivere questa esperienza solo con le parole. Si tratta infatti di un vero percorso sensoriale di gusto e piccoli dettagli. Mauro Dolzan è un maestro nello scegliere l’ordine di degustazione delle singole grappe, da quella più classica e quelle con aromi più intensi. La grappa Villa de Varda viene poi servita in piccoli calici con il logo della distilleria e, a seconda del tipo di grappa proposta, versata da pregevoli bottiglie da collezione o estratta con uno spillatore professionale. Sono tutti dettagli che fanno la differenza, e rendono memorabile l’esperienza di degustazione.

Calice di grappa riserva invecchiata in barrique Villa de Varda
Amo i dettagli ricercati e questo piccolo calice con il logo Villa de Varda fa sembrare molto chic la grappa invecchiata in barrique che sto per degustare

Prima della visita guidata a Villa de Varda avevo visitato solo cantine e birrifici, mai una distilleria. Mi ha stupito molto scoprire i rigidi controlli della produzione sotto il regime del Monopolio di Stato, ma soprattutto ho scoperto e apprezzato i sapori e i gusti di queste grappe d’eccellenza, così diversi rispetto al classico grappino offerto a fine pasto. Scrivetemi nei commenti se amate la grappa e se avete mai fatto un percorso di degustazione del genere, ormai mi sono appassionata!

Altri post che potrebbero interessarti

4 commenti

Monica 20/10/2019 - 19:01

Io ho qualche origine friulana e anche lì c’è una grande tradizione nella produzione di grappa. Questo tuo post è davvero molto interessante per capire tutto il lavoro che c’è dietro e poi quelle vecchie botti sono sempre così affascinanti!

Rispondi
Paola 20/10/2019 - 19:45

In realtà sai che le uniche botti vecchie sono quelle del museo? Le grappe Villa de Varda hanno botti nuove a ogni produzione. C’è tutta una serie di scelte dietro l’uso di una botte piuttosto che un’altra che fa cambiare completamente il gusto al prodotto! In ogni caso w la grappa 😉

Rispondi
LaZiaRo 20/10/2019 - 12:15

Ammetto di non amare le grappe, preferisco decisamente altri alcolici e super alcolici. Ma le visite alle distillerie, cantine e produttori vari sono sempre interessantissime, trovo molto affascinanti tutti quei macchinari e le vecchie botti. Il top, obviamente, arriva quando si possono anche assaggiare i prodotti!!

Rispondi
Paola 20/10/2019 - 19:43

Prima di questa visita anche io pensavo alla grappa come al MrMuscolo del dopo pranzo, con la degustazione però ho scoperto sapori che neanche immaginavo! Le visite alle cantine e distillerie sono davvero super 🙂

Rispondi

Fammi sapere cosa ne pensi con un commento

Questo sito internet utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per adempiere alla noiosa burocrazia europea dovresti confermarmi che sei d'accordo. Accetto Privacy & Cookies Policy